Passa ai contenuti principali

"Gli automobili".

Gli automobili inventati dall'ingegno umano  nei primi del lontanissimo 1800, che in poco tempo hanno trovato diffusione capillare su tutte le vie abitate e non del nostro povero pianeta, sono quei strani contenitori di lamiera che veicolano i  terrestri in giro per le strade asfaltate dall'isteria umana.
Gli automobili. Ma gli automobili forse rappresentano una delle prime conquiste del femminismo meccanico e grammaticale. Il volgo chiamava gli automobili con la parola macchina, e nel tempo questa strana ed affascinante ambiguità grammaticale  ha ingenerato il termine "l'automobile", intesa proprio come  sinonimo del  generico "la macchina".
Chi lo avrebbe mai detto?
Eppure sembra che le cose siano andate proprio così.
Ora vi chiederete quale è il senso di questa riflessione.
Beh certamente non è sulla linea dell'ultimo video di Jovanotti,  dal titolotutto l'amore che ho che sinceramente parlando non c'entra proprio nulla con la canzone, molto bella, da lui cantata.
Un video letteralmente senza senso.
Questa riflessione nasce dall'osservare in via continuativa seduto su una sedia di una strada di paese la guida delle automobili . Ora le chiamerò in modo come dire femminile, quasi come segno di quell'eleganza che non hanno più specialmente per il modo in cui son condotte.
E qui arriva il bello.
L'elemento strano ma nello stesso tipico di questa strana malata e frenetica società.
La conclusione ancor prima di scrivere o meglio continuare la riflessione è la seguente: le automobili rispecchiano e riflettono il modo di essere di una persona.
Direte cosa c'è ma di strano in tutto ciò?
Le cose strane sono proprio quelle che accadono ogni giorno che vivi ogni giorno, che noti ogni mattina, pomeriggio e sera e poi lasci scorrere via sulla tua pelle inquinata dallo smog.
Povera pelle.
E pensare che la pelle è una delle cose più belle del corpo umano.
Vi immaginate uomini e donne senza pelle?
Che disastro.
Ecco la persona insicura.
Guida piano piano, talmente piano che anche una tartaruga la supererebbe in velocità.
Ma talmente piano che è anche un pericolo per gli altri, nel senso che l'estrema lentezza è davvero pericolosa.
Eccola giungere in una di quelle rotonde super moderne con tanto di sculture o fontane o pinete costruite dentro. Come minimo farà il giro della rotonda non so quante volte per capire dove deve andare.
Poi sopraggiunge il super figo. Macchina con luci colorate, stereo a palla, discoteca ambulante,e quasi volante,  ed ecco l'immancabile volante tigrato. Via sgomma come un matto sulla rotonda dove intanto l'insicuro è ancora lì che gira poveretto alla ricerca della via d'uscita.
All'improvviso giunge l'incazzato nero o rosso. In ogni caso sempre incazzato. Eccolo che suona il clacson.
Sembra quasi che la sua mano sia nata incollata a quel clacson.
Che folle simbiosi.
Suona suona e suona poi non si comprende per quale motivo fino a quando anche , la sua guida isterica non regala qualche impronta di gomma all'asfalto.
Mentre l'insicuro continua a girare, è come minimo al terzo giro di rotatoria, ecco che giunge l'automobilista rilassato.
Fuma la sigaretta, si guarda allo specchio, è il padrone assoluto della strada.
Quella strada è stata creata per volontà popolare con tanto di plebiscito solo per lui.

Beh le altre persone devono rassegnarsi la strada è sua quindi, tutti in coda.

Ecco che l'insicuro finalmente giunge alla via d'uscita.
Sarà quella giusta?
Non importa, perchè ora è il momento del nuovo arrivato.
Il tamarro del paese.
Eccolo.
Macchina nera.
Vetri neri.
Finestrino leggermete aperto.
Vedi che scivola via sotto il sedile e ti chiedi come faccia a guidare.
La sua testa è quasi al livello del volante.
Il suo sguardo super minaccioso intimorisce quei poveri passeri che si stavano cibando dentro la pineta destinata a divenire foresta della rotonda costruita con i fondi comunitari.
Quante rotonde hanno costruito nelle città?
Ogni cento mentri una rotonda.
E poi tutte colorate, tutte decorate.

Il modo di guidare l'automobile è il modo in cui si esterna il proprio stato umorale ma anche il proprio modo d'essere.
Credo che se prima di salire sull'auto alla maggior parte degli automobilisti, io incluso, facessero il test umorale,  l'auto sarebbe destinata a rimaner parcheggiata in qualche via secondaria del dormitorio perifierico metropolitano pubblico.

Insomma quello che volevo dire è che a volte, fermarsi per un secondo ed osservare il modus in cui ruota il mondo intorno al nostro mondo, tutto personale ma strettamente connesso a quello più grande che ci circonda, avvolge e soffoca anche, si comprende lo status sociale del sistema e come la frenesia collettiva stia divenendo sempre più diffusa ed invadente.
Se continuiamo di questo passo, diverremo tutti automobilisti con il clacson attaccato alla mano, e probabilmente lo porteremo anche a letto con noi prima di andare a visitare il dolce, ma non sdolcinato,mondo dei sogni.

Prima di andare oltre il confine della realtà è necessario fermarsi un secondo, tutti, e meditare, su dove la frenesia moderna conduce alba dopo alba l'essere umano.
Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Il pranzo sociale dell’ANPI di Ronchi ( foto) sotto il segno dell’antifascismo e dei ricordi

Riuscito e partecipato il pranzo sociale organizzato dall’ANPI di Ronchi presso l'accogliente agriturismo Mazzuchin di Vermegliano a pochi passi dalla suggestiva chiesetta di Santo Stefano e durato per buona parte del pomeriggio del 16 dicembre. Quasi un centinaio i partecipanti, dove sotto il segno della musica, partigiana e popolare, balli e ricordi, senza dimenticare l'immancabile lotteria curata con una passione unica dalla solita ed immancabile ed unica Angela, si è consumato un momento conviviale oramai tradizionale. Non sono mancati i momenti di confronto e di riflessione, con i messaggi e gli spunti offerti sia dal Presidente provinciale dell’ANPI di Gorizia, Pironi che dalla Presidente dell’ANPI di Ronchi, Cuzzi.

Il segretario Martinuzzi ha ricordato tutta l’attività svolta dall’ANPI di Ronchi, dai pellegrinaggi laici organizzati nei luoghi della resistenza in Slovenia, ai gemellaggi storici, agli incontri con le scuole, agli appuntamenti del 25 aprile e 2 giugno, a…