Passa ai contenuti principali

Trieste: 600 giubbotti contraffatti e sequestrati donati ai poveri

Il natale è arrivato.
Natale in tempo di crisi, ma natale dove ogni tanto emergono iniziative che se non relegate solo a questo giorno, ma eventualmente ripetute nel tempo, potrebbero certamente essere di buon spessore sociale.
Non mi riferisco ovviamente alla notizia che ha reso questo 25 dicembre macchiato nel sangue, ovvero al tristissimo attentato realizzato  in una zona tribale pachistana alla frontiera con il Pakistan denominata Bajaur Agency quando,  oltre 1.000 persone erano ferme ad un posto di controllo della polizia davanti ad un ufficio del Programma alimentare mondiale (Pam) dell'Onu nella Civil Colony di Khar, principale città della Bajaur Agency.Il bilancio dei morti e dei feriti è enorme.

Mi riferisco  invece ad un comunicato della Polizia di Stato di Frontiera di Trieste.

Capi d'abbigliamento contraffatti e sequestrati dalla polizia di frontiera di Trieste lo scorso novembre, al confine italo-sloveno, saranno distribuiti a ragazzi bisognosi e ai senzatetto.
La merce, 600 giubbotti, era stata trovata all'interno di un furgone alla cui guida si trovava un cittadino ungherese e invece di essere distrutta, come prevede la prassi, verranno donati ad alcuni centri socio-assistenziali della città di Trieste per essere poi distribuiti alle persone più bisognose.


La normativa attuale sul punto prevede che per quanto riguarda la merce sottoposta a sequestro nell'ambito di un procedimento penale si attribuisce all'autorità giudiziaria il potere di procedere alla distruzione non solo delle merci deperibili ma anche delle merci contraffatte e di quelle di cui è vietata la fabbricazione, il possesso e la vendita se la custodia risulta particolarmente costosa per il bilancio dello stato o pericolosa per la sicurezza, la salute o l'igiene pubblica.


Invece la Procura della Repubblica di Trieste  ha valutato positivamente la richiesta avanzata dalla Polizia di Frontiera  consistente appunto nel voler donare quei giubbotti  in un momento economico e sociale drammatico come questo, a tutte quelle  persone che vivono in condizioni precarie.


A natale si è tutti più buoni verrebbe da dire, questa iniziativa, mi auguro che verrà ripresa anche in futuro, perchè distruggere capi d'abbigliamento che per le leggi del mercato dell'economia sono considerate contraffatte, anche se magari la manodopera è sempre la stessa, è pura follia e spreco enorme.
Destinare ciò invece a chi è più debole nella società,  mi sembra un bel gesto anche di buona civiltà.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto