Passa ai contenuti principali

" Se la polizia potesse vi spazzerebbe via in due secondi". Appello alle Forze dell'Ordine tutti uniti nella lotta.

Il Ministro dell'offesa  Ignazio Benito Maria La Russa, nonchè Ministro anche della Difesa, ieri  nella trasmissione AnnoZero,oltre che dare del vigliacco all'intero movimento studentesco, ad inveire contro lo studente inervenuto in quella trasmissione, che invito a querelare formalmente il detto Ministro per diffamazione,ha detto anche che la polizia se potesse spazzerebbe via in due secondi i manifestanti dalla piazza.
Certo, il Benito La Russa è noto per le sue provocazioni ed esternazioni pubbliche a dir poco disgustose.
Ma il punto è che quella breve espressione detta velocemente e confusa dalle voci che correvano in quello studio, è a dir poco inquietante.

Gli studenti o buona parte di essi non hanno preso distanza dalle violenze difensive di piazza.
Questò è l'elemento più rilevante che oggi emerge dalle lotte studentesche ma anche operaie.
Ciò perchè a furia di essere presi in giro, sbeffeggiati, non ascoltati, isolati, sono letteralmente esplosi in furor di rabbia.
Quello che scriverò ora forse a molti non piacerà, però invito tutti a riflettere bene sul punto prima di chiudersi dentro il muro dell'integrale rigurgito a tale proposta.

Le forze dell'Ordine schierate a protezione dei palazzi di governo, che giorni prima protestavano contro questo governo illegittimo, non rappresentativo della volontà popolare, non credo siano contente di aver rischiato la propria incolumità psicofisica per difendere in sostanza chi governa per pochi interessi, chi utilizza il potere per organizzare festini privati a dir poco sconvolgenti e scandalosi, chi è colluso con la mafia.
Certo si obietterà che in realtà hanno protetto i palazzi simbolo sia sostanziale che formale della Democrazia, della Repubblica.

Ma la realtà è diversa.

Il Ministro La Russa, furbo come è, sia per cultura politica che per convenienza loda e difende a tutto campo le forze dell'ordine.
Ora non voglio mettere in discussione ciò che è successo in passato, anche nel 14 dicembre 2010, non voglio porre in discussione le responsabilità anche di buona parte delle forze dell'ordine nell'attuazione delle politiche repressive in corso in questo paese.
Ma anche io voglio rivolgermi a loro.
Voglio rivolgermi ai lavoratori della polizia, carabinieri, della finanza, che nelle manifestazioni di piazza garantiscono l'ordine pubblico rispettando le direttive impartite dall'alto e da funzionari di stato nello Stato.

Unitevi alle proteste degli studenti, degli operai, dei lavoratori che scendono in piazza per difendere la democrazia, la libertà, per riconferir al popolo la sovranità popolare.

Al prossimo grande evento che vi sarà, probabilmente la prossima settimana, unitevi a chi lotta per salvare questo paese dalla crescente dittatura di potere.

Questa unione può e deve essere la massima espressione della volontà popolare per dire basta allo stato vigente delle cose.
Senza alcuna violenza fisica.
A livello internazionale l'Italia è vista in modo altamente preoccupante per il modus in cui il governo attuale determina il potere.

Spazziamo via , per dirla con le parole del Ministro della Difesa, questi governanti, con la forza dell'unione, senza la necessità di gettar sassi o manganellare.

Questa è anche democrazia.

Questa è anche l'espressione della volontà collettiva.
Non fatevi strumentalizzare più da chi altro interesse non ha se non quello di difendere il loro potere e non la democrazia.

Uniti nella lotta per la difesa della nostra libertà, della sovranità popolare, si può, si deve.



Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Ma ha ancora senso la "Venezia Giulia"? O meglio regione di Trieste?

Venezia Giulia. Un nome che ha sicuramente un suo fascino, originale, una forzatura storica pasticciata, proposta ed utilizzata sin dal 1863, come si legge nell'Enciclopedia Treccanti dal linguista goriziano G.I. Ascoli in sostituzione di ‘Litorale’ (Küstenland), usato dagli Austriaci. "Dal 1920 sotto la denominazione di V. furono compresi anche territori appartenenti alla Carniola; i limiti della regione non erano del resto ben definiti: ora comprendeva anche il Friuli ora questo era considerato come appartenente al Veneto, per cui la V. corrispondeva ai territori orientali ceduti dall’Austria all’Italia in seguito alla Prima guerra mondiale, cioè le province di Gorizia, Trieste, Pola e Fiume (superficie 8893 km2 con 955.257 ab. nel 1936), zona caratterizzata dal graduale trapasso del sistema alpino in quello dinarico e dalla compenetrazione di elementi italiani e slavi. Il piccolo lembo della V. rimasto all’Italia dopo la Seconda guerra mondiale è confluito nella regione a …