Passa ai contenuti principali

La limousine di Bologna.

Strana serata quella di questo momento che segue le feste natalizie.
Strage nel vibonese, uccise cinque persone, sterminata intera famiglia per motivi futili, per non parlare poi di Belpietro che evidenzia l'esistenza di un  finto attentato a Fini, quando in realtà chi ha proprio vissuto un finto attentato sulle sue spalle e con tanto di colpi di pistola sparati contro un fantasma  è stato proprio il non sig. Belpietro.
Storia dei giorni nostri.
Storia di questa Italia che ogni dì regala tragedie a volte drammatiche come quella di Vibo,a volte meschine come quella di Belpietro.
Ma torniamo per un momento al titolo di questo breve articolo.
Limousine a Bologna.

Serata deserta, nel senso che le strade sono proprio deserte, vuote, desolate, sì, deserte.
Ed ecco che ad un tratto mentre osservi il cielo splendere sul capo della città, ecco che dal nulla ti spunta una enorme, immensa, infinita, limousine bianca.
Bianca come la neve che viene sparata a tutta gioia dai cannoni meccanici per innevare le piste di sci.
Vedi tante ragazze scendere da quell'auto che festose, invitano i passanti, pochi, pochissimi ad andare a qualche spettacolo.

Ecco la diavoletta con le corna a punta, tutte rosse, seguita da una fatina tutta angelica e sorridente, e poi tante altre di cui sinceramente non ho capito che personaggio volessero mai rappresentare.
Sarà il freddo che ha  bloccato il funzionamento di qualche neurone?
Non è dato sapere.

 Intanto mi chiedo ma quale sarà  mai lo spettacolo?

Quando all'improvviso ecco giungere l'auto della polizia.
Lampeggianti blu, senza sirena.
Suspence.

Scende il poliziotto.
Interroga le ragazze.
Cerco di capire di cosa mai possano parlare.
Tante ragazze, tutte vestite in modo follemente assurdo ed il poliziotto.
Forse intralceranno il traffico deserto della metropoli paesana.
Dilemma.
Mistero.
Ecco che lentamente vedi qualche passante  osservare incuriosito e con sorriso amaro sulla bocca quella scena tutta teatrale.
Chissà mai di cosa parlavano.
Chissà.
Riprendo il mio cammino in compagnia della vita, e decido di riprendere a conciliarmi con la natura vivente.
Cielo stellato in una notte fredda e gelidamente invernale.
A Vibo Valentia hanno ucciso cinque persone, Belpietro parla di finto attentato a Fini, a Bologna in una notte senza senso, follemente dionisiaca, una limousine porta a gironzolar per le vie della falsa metropoli un tempo rossa, oggi senza colore, delle ragazze per invitare le persone a dilettarsi in qualche locale celato dai portici ribelli.
Questa riflessione ai più forse non dirà nulla, ma in realtà contiene dentro tutta quella eterogeneità che caratterizza la nostra cara martoriata Italia.


Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Nella Gradoaustronostalgia i commercianti dicono no ai richiedenti asilo a rischio l'immagine. Pazzesco

L'immagine è tutto. Niente immagine, niente business. La partita a ping pong si gioca tra Grado e le sue frazioni, con la Prefettura che svolge il ruolo di osservatore, ma prima o poi dovrà fischiare la fine di questa partita ed una decisione andrà presa. Se a Fossalon si è assistito a di tutto e di più, dalla deprimente marcia dei trattori, fumosissima visto che non ci sarà, a pensieri figli di una visione distorta del mondo, come se chi voleva ospitare 18 richiedenti asilo si apprestasse a dare accoglienza a 18 criminali incalliti, a Grado si assiste alla reazione di chi ha voce e peso economico importante. Il mondo del commercio. Sul Piccolo del 15 ottobre si apprende che  «Ormai da qualche settimana - ha spiegato il responsabile locale di Confcommercio, Fumolo - si parla dell'ipotesi di ospitalità ad un gruppo di migranti anche da parte del Comune di Grado e la nostra associazione di categoria esprime preoccupazione per le ripercussioni negative che questa azione potr…