Passa ai contenuti principali

Il Pd propone ddl su rappresentanza sindacale, mentre il sindacalismo di base continua ad essere senza diritti da decenni.

 Sul sito del Pd si legge che:
“L’accordo su Mirafiori come l’accordo su Pomigliano vanno valutati su due piani distinti, sebbene connessi: la riorganizzazione delle condizioni del lavoro; le regole della rappresentanza, della democrazia e della partecipazione dei lavoratori e delle lavoratrici alle sorti dell’impresa. Sul primo piano, la ridefinizione, impegnativa ed intensa, avviene a fronte di una prospettiva di sviluppo e di occupazione. Sul piano delle regole della rappresentanza e della democrazia si compiono strappi ingiustificabili, mentre non si fa alcun passo avanti per la partecipazione dei lavoratori nell’impresa, anzi il ritorno alle Rappresentanze Sindacali Aziendali è un chiaro passo indietro”. E’ quanto si legge in un documento congiunto redatto al termine della riunione delle segreterie del Pd piemontese e del Pd torinese con il responsabile dell’Economia e del Lavoro della segreteria nazionale del Pd, riunione convocata per esaminare insieme la questione Fiat. Il testo è firmato da Stefano Fassina, Gianfranco Morgando e Paola Bragantini, rispettivamente membro della segreteria nazionale e segretari del Pd regionale e del Pd provinciale".

Mi fermo qui con tale comunicato.
Il Pd propone un ddl per discutere della rappresentanza sindacale nei luoghi di lavoro.
Bene, fin qui nulla di strano, anzi ben vengano queste proposte.
Ma, ora basta.
Tutto ha un limite, e dico tutto.
I Cobas, che hanno migliaia di iscritti nel settore sia pubblico che privato non hanno diritti nei luoghi di lavoro.
Ciò perchè questo è quello che è stato deciso con gli accordi quadro firmati dai confederali con i quali hanno definito il recinto della non democrazia sindacale in Italia.
Sì, proprio quei sindacati che ora lamentano l'assenza della democrazia sindacale.
Per esempio lo sapete che i Cobas non possono indire assemblea nelle scuole?
Che in molte aziende del privato non viene effettuata la ritenuta sindacale?
Che molti giudici di questo paese non democratico dicono che il Cobas non può per esempio ricorrere all'articolo 28 dello Statuto dei Lavoratori, ovvero per comportamento antisindacale, perchè non ha firmato il ccnl applicato in quel luogo di lavoro e quindi non ha diritto di esistere?
Lo sapete che i primi ad ostacolare l'affermazione dei diritti sindacali e della democrazia sindacale in Italia sono stati i Sindacati Confederali?
Lo sapete che i ccnl aziendali per giurisprudenza affermata non si applicano ai lavoratori che non appartengono ai sindacati firmatari di quel contratto qualora il contratto di secondo livello è peggiorativo rispetto a quello nazionale?

Ed ora il Pd cosa propone?
Di discutere di democrazia sindacale.
Ora che la CGIL vive o rischia di vivere la stessa situazione che da anni massacra migliaia di lavoratori in Italia del sindacalismo di base, la CGIL si sveglia e dice, beh non c'è democrazia sindacale, ed il Pd che altro non è che la voce politica della CGIL attua lo stesso ragionamento.
L'ipocrisia ha un limite ma qui siamo oltre il limite della decenza.
Si parli pure di democrazia sindacale, ma ad una sola ed unica condizione, che al sindacalismo di base venga garantito lo stesso diritto che viene garantito alla CGIL, per esempio fare assemblea nella scuola.
Perchè l'assemblea è la massima espressione della democrazia e della rappresentanza dei lavoratori.
Continuare a negare il diritto di assemblea al sindacato di base come i Cobas per esempio,che ha migliaia di iscritti in tutta Italia, sarebbe come negare la piazza per un comizio ad un partito politico che non ha propri eletti in parlamento.
Questo è quello che succede da anni.
Sconvolti?
Bene, allora discutiamone ma solo a questa condizione, che dovrà comportare la fine di tutti gli accordi quadro oggi in vigore che di fatto limitano l'esistenza del sindacalismo di base ed uccidono la democrazia nei luoghi di lavoro.  Ovviamente occorre intervenire anche e specialmente sullo Statuto dei Lavoratori.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Ma ha ancora senso la "Venezia Giulia"? O meglio regione di Trieste?

Venezia Giulia. Un nome che ha sicuramente un suo fascino, originale, una forzatura storica pasticciata, proposta ed utilizzata sin dal 1863, come si legge nell'Enciclopedia Treccanti dal linguista goriziano G.I. Ascoli in sostituzione di ‘Litorale’ (Küstenland), usato dagli Austriaci. "Dal 1920 sotto la denominazione di V. furono compresi anche territori appartenenti alla Carniola; i limiti della regione non erano del resto ben definiti: ora comprendeva anche il Friuli ora questo era considerato come appartenente al Veneto, per cui la V. corrispondeva ai territori orientali ceduti dall’Austria all’Italia in seguito alla Prima guerra mondiale, cioè le province di Gorizia, Trieste, Pola e Fiume (superficie 8893 km2 con 955.257 ab. nel 1936), zona caratterizzata dal graduale trapasso del sistema alpino in quello dinarico e dalla compenetrazione di elementi italiani e slavi. Il piccolo lembo della V. rimasto all’Italia dopo la Seconda guerra mondiale è confluito nella regione a …