Passa ai contenuti principali

“Il mondo perfetto di Elisa” di Salvatore Scalisi. Intervista all'autore.

           


Recensire, ovvero esaminare e valutare criticamente un'opera di recente pubblicazione è cosa difficile da realizzare.

In primo luogo pechè i libri rispondono  sussurandoti nel tuo orecchio, alle domande che noi poniamo ad essi, rispondono ai quei dubbi che vagano nella nostra mente umana, rispondono alla nostra prospettiva e visione di parte di società.

In secondo luogo credo che il miglior modo di recensire un libro sia quello di spingere le persone semplicemente a leggerlo, ovvero detto in poche parole leggere, aprire la propria mente, riflettere sulla società, sulla sensibilità umana, sul sentimento che condurrà alle vie profonde dell'emozione, sul nostro essere limitati e definiti nella sfera immensa che racchiude le vite vive del nostro esser donne e uomini in questo tempo reale.

Salvatore Scalisi  nato e risiede attualmente a Catania. Ha frequentato studi classici e si  occupa di antiquariato.  

Ma scrive anche libri, cosa non semplice cosa impegnativa da realizzare nel tempo frenetico di tale società odierna. Ha scritto in passato  L’uomo dei piccioni; L’ispiratrice; Relazione di sangue e La mente del diavolo.

Il mondo perfetto di Elisa è un libro che attrae per i colori della sua copertina, per quel disegno profondo e delicato pennellato sulla superficie di quel mondo che verrà scoperto pagina dopo pagina, ossessione dopo ossessione, tra paure crescenti e ricordi del passato che emergeranno nel lungo tempo che è rinchiuso tra le righe di una storia che è attuale.

Il tema affrontato è delicato, profondo e di difficile comprensione dal punto di vista sociale, ovvero la pedofilia.

Ma non dirò altro sul libro, chi vuole sapere di più, chi vuole conoscere il mondo perfetto di Elisa, dovrà, se vorrà, semplicemente leggerlo.

Le domande poste all'autore ruotano intorno alla preparazione del libro, intorno a quel mondo che caratterizza la fatica di scrivere un'opera che si cerca di portare a conoscenza diretta del lettore.

Perchè il colore viola come copertina del libro?

 Il merito per quanto riguarda l’immagine di copertina va interamente alla redazione di Odoya. Bella la figura sospesa in aria; altrettanto i colori. Devo ammettere che l’hanno proprio azzeccata.



Quando e perchè hai deciso di scrivere il Mondo perfetto di Elisa?

 “Il modo perfetto di Elisa” era in realtà un raccontino di otto pagine, come d’altronde lo erano i romanzi finora pubblicati. Il tema della storia mi è apparso nella mente come un lampo; non ho impiegato molto a capire che da quell’idea sarebbe maturato un interessante racconto.



Esiste un mondo "perfetto"?

Assolutamente no! Il mondo perfetto, se siamo bravi, dobbiamo crearcelo dentro di noi; ma anche in questo caso, la perfezione, così come la sua durata, inevitabilmente inizia a breve distanza a mostrare i primi segnali di cedimento. Siamo troppo contaminati da tutto quello che succede intorno a noi per pensare di rimanerne fuori. Probabilmente nemmeno se vivessimo da eremita ci sentiremmo veramente “leggeri”. Oramai le contaminazioni fanno parte del nostro DNA. L’umanità per raggiungere la totale “purificazione” dovrebbe perseguire per svariati secoli un comportamento di vita agli antipodi rispetto al quale siamo abituati.


Come è stata la tua esperienza con le case editrici?

 Direi che la mia esperienza con le case editrici è uguale a qualsiasi esordiente; mi riferisco in particolare alle prime tre pubblicazioni. Con le seconde tre ho cercato di rimediare ad alcuni errori di “gioventù”. Spero in seguito, se me ne daranno la possibilità, di migliorarmi e fare più attenzione.



Secondo te oggi possono pubblicare i libri solo chi ha le spalle coperte economicamente?

 Beh, chi ha soldi e conoscenze è normale che sia avvantaggiato rispetto a un comune mortale. Comunque c’è da dire la bravura, o il talento, alla fine è il fattore che fa la differenza. I primi sono destinati a scomparire nell’anonimato, a non lasciare loro tracce; i meritevoli proseguire l’agognato cammino. Dimenticavo: la fortuna, purtroppo, gioca un ruolo importante.


Cosa pensi del caso Alice senza niente? Libro diffuso gratuitamente in rete? E' strategia provocatoria nei confronti delle case editrici anche per le difficoltà che incontrano gli scrittori emergenti o è un modo diverso per farsi conoscere?

 Ho seguito con interesse e simpatia il caso di “Alice senza niente”; il bravo Pietro De Viola (ho letto alcuni capitoli del suo bel romanzo) ha avuto a mio avviso un’eccellente idea nel diffondere in internet il suo romanzo. Sì, in effetti, potrebbe avere una valenza provocatoria nei confronti dell’editoria in generale. Considerando i consensi ottenuti, l’autore ha colto nel segno.

Che futuro è riservato alla scrittura indipendente in questo paese?

 In questo momento c’è un gran casino, un appiattimento del prodotto. Il guaio, dal mio punto di vista, scaturisce da un adeguamento dei valori che sicuramente non serve né all’autore tantomeno all’editore indipendente. Di questo passo a goderne saranno esclusivamente le grandi case editrici. Bisognerebbe puntare sulla qualità e sull’innovazione. Non solo a parole.

Una citazione dal tuo ultimo libro.

 “Sai di chi sono la bambina io?

Non ho idea.

Di Mario. Sono la bambina di Mario, il mio collaboratore domestico. La sua bambina.”    



Quando si sceglie un libro in quel momento si accarezza la profondità della curiosità umana. A volte i libri ti chiamano, a volte i libri vengono scelti per il colore delle copertine, a volte vengono scelti per il titolo, a volte è il libro che sceglie il lettore.

Il mondo perfetto di Elisa è un romanzo articolato, complesso ma nello stesso tempo delicato che certamente farà riflettere sulla società passata, presente e forse futura.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Il pranzo sociale dell’ANPI di Ronchi ( foto) sotto il segno dell’antifascismo e dei ricordi

Riuscito e partecipato il pranzo sociale organizzato dall’ANPI di Ronchi presso l'accogliente agriturismo Mazzuchin di Vermegliano a pochi passi dalla suggestiva chiesetta di Santo Stefano e durato per buona parte del pomeriggio del 16 dicembre. Quasi un centinaio i partecipanti, dove sotto il segno della musica, partigiana e popolare, balli e ricordi, senza dimenticare l'immancabile lotteria curata con una passione unica dalla solita ed immancabile ed unica Angela, si è consumato un momento conviviale oramai tradizionale. Non sono mancati i momenti di confronto e di riflessione, con i messaggi e gli spunti offerti sia dal Presidente provinciale dell’ANPI di Gorizia, Pironi che dalla Presidente dell’ANPI di Ronchi, Cuzzi.

Il segretario Martinuzzi ha ricordato tutta l’attività svolta dall’ANPI di Ronchi, dai pellegrinaggi laici organizzati nei luoghi della resistenza in Slovenia, ai gemellaggi storici, agli incontri con le scuole, agli appuntamenti del 25 aprile e 2 giugno, a…