Passa ai contenuti principali

Il Digitale terrestre e la follia collettiva.

In Emilia Romagna, in Friuli Venezia Giulia ed  in altre realtà territoriali ha avuto inizio da poco tempo la rivoluzione digitale. L'evento conosciuto ai più come switch off ha comportato l'oscuramento dei canali analogici e la sintonizzazione di fatto dei nuovi canali televisivi grazie all'utilizzo di un semplice apparecchio di plastica ed un telecomando.

Ma ecco che quello che succede in realtà è un dramma umano.
 Una follia da nuovo millennio viva e vegeta.

Senti un lungo fruscio. Provi a cambiare i canali della televisione ma non vedi praticamente nulla a parte delle strisce ondulate in bianco e nero.
Cambi con frenesia tutti i canali possibili ed immaginabili.
Niente.
Nulla.
Panico.
Ecco il sudore.
Ecco l'isteria avanzare.
Che fare?
Dove andare?

Poi all'improvviso capisci , ricordi.
Oggi è il giorno.
Da questo momento potrai vedere la televisione solo attraverso il decoder.
Fuori le temperature sono a dir poco glaciali.
Ma ciò poco importa.
Devi guardare la televisione.

Controlli i tuoi risparmi a disposizione, devi scegliere se fare la spesa o comprare il decoder, guardi velocemente le pagine gialle e cerchi un centro dove poter comprare il decoder.

La scelta cade sul decoder.

Tanti negozi, pochi decoder.
E' quasi una vera e propria caccia al tesoro.
Via , provi con un secondo negozio, e poi con un terzo e così via fino a quando il sospirato decoder lo hai tra le mani.
Nella tua mente gridi vittoria.
E' mio!

Ma questo stato euforico dura poco, pochissimo.
Perchè giunto a casa devi installarlo.
Come fare?
Beh esiste il libretto delle istruzioni.
Un cavo scart, il cavo di collegamento con la televisione ecc ed il gioco è fatto.
Via con la sintonizzazione dei canali.
Alcuni li vedi, altri li senti, altri non li vedi, altri non li senti.
Insomma un gran caos in pochi giorni che sembrano per i più una eternità da girone dantesco infernale.

Ed allora chiami il tecnico, l'amico, il conoscente, chiami qualcuno che soccorra la tua necessità quasi vitale.

Fino a quando dopo le fatiche di Ercole, con classe borghese, con calma, ed un sorriso spalmato su tutto il tuo viso guardi ed ammiri la televisione.

Questo è quello che è successo a moltissimi italiani.
Persone drogate dalla televisione.


La prima cosa che ho pensato quando ho visto che la tv non funzionava più è stato finalmente libertà.
Sospirata libertà

La gente comune dovrà uscire, dovrà socializzare, dovrà leggere i giornali, dovrà dovrà e dovrà.

Sì, la gente è uscita, ma fuori di testa.

Quasi una vera psicosi per l'assenza della televisione.

Se non è un dramma sociale questo, se non è una dipendenza questa, se non è una forma di controllo questa, allora cosa altro è la televisione oggi?
 
La televisione giorno dopo giorno reprime  la tua libertà.

Marco Barone

Commenti

  1. Bellissima e divertente descrizione della trisre realtà!

    Anche se purtroppo c'è poco da ridere ;-)

    Condivido sul mio blog, spero non sia un problema.

    Citando fonte e link, ovviamente!

    Un caro saluto e complimenti per il blog
    Namastè

    RispondiElimina
  2. Ma quale problema, anzi! ti ringrazio per la condivisione! a presto M.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Scuola: tra ponti ed elezioni in FVG nel 2018 una vacanza al mese

Le elezioni politiche saranno il 4 marzo, mentre in Friuli Venezia Giulia si dovrebbe votare per il rinnovo del Consiglio Regionale nei primi di maggio 2018.

Non male e non poteva andare meglio.

Dall'epifania fino alla fine dell'anno scolastico in Friuli Venezia Giulia praticamente ci sarà una mini vacanza al mese. Le vacanze di carnevale dal 12 al 14 febbraio, le vacanze di pasqua dal 29 marzo al 3 aprile, le elezioni politiche che interesseranno gran parte delle nostre scuole di marzo, poi il ponte di fine aprile per il primo maggio, e la settimana successiva la votazione per le regionali. Ovviamente tutti questi giorni verranno computati ai fini della validità dell'anno scolastico.
Marco Barone