Passa ai contenuti principali

Sgomberate le scuole triestine ma la lotta continua.

Mentre in città come Bologna iniziano le occupazioni vedi quella del liceo Artistico Arcangeli avvenuta da parte di centinaia di studenti e studentesse, a Trieste, città che per prima ha posto in essere tale forte protesta, nella giornata odierna la Digos ha provveduto a sgomberare le scuole occupate.

Infatti, quella odierna è stata una giornata a dir poco calda  nella tranquilla quotidianità della splendida città di confine ove sogni e realtà si uniscono nell'atto dell'esistenza.

Dopo giorni legittimi di occupazione delle scuole della città, da quello che è stato definito come il movimento più rilevante dopo il periodo di lotta sociale del 1968 che ha caratterizzato i conflitti sociali triestini, la Digos ha provveduto ad effettuare lo sgombero di tutte le scuole occupate.
Gli studenti come reazione a tale atto di Stato, hanno deciso in massa di bloccare la via principale della città, via Carducci nei pressi della Piazza intitolata all'irredentista Oberdan ed accanto al vecchio Tram azzurro che con la funicolare raggiunge Opicina.Molte identificazioni effettuate, nessuna violenza posta in essere dagli studenti i quali hanno protestato in modo assolutamente pacifico.
Anzi permettevano il passaggio dei mezzi pubblici, permettevano il passaggio dei mezzi di soccorso e ciò occorre sottolinearlo.
Hanno dimostrato grande intelligenza nella gestione della situazione ed in particolar modo hanno anche provveduto a pulire le scuole, a pitturare i bagni,a ridar un minimo di dignità a quelle strutture che accolgono durante l'anno studenti e docenti.


Voi ci private del futuro e noi vi occupiamo le città, oppure Cogito ergo occupo, questi alcuni degli slogan cantati dagli studenti di Trieste.

Ragazzi e ragazze preoccupati/e del loro futuro, un futuro incerto un futuro che nel nome della flessibilità voluta dal sistema divenuta oggi estrema precarietà lottano per rivendicare una scuola più sicura e per  la piena mera affermazione del diritto allo studio.

Tra le cose fatte dal movimento di Trieste emerge la preparazione di una serie di documenti contenenti obiettivi da raggiungere per migliorare la scuola sia a livello d'istituto che d'istituzione in tema di edilizia ed organizzazione didattica.
Vogliono ottenere promesse concrete dalle Istituzioni a cui si rivolgono con forte preoccupazione, ma senza nessun timore di far sentire la loro voce; vogliono lottare contro i tagli indiscriminati posti in essere dalla Gelmini, il tutto ricordando l'esistenza di importanti articoli della nostra Carta Costituzionale come l'articolo 9, il 33, il 34, ed in particolar modo il principio che l'istruzione è un diritto e non un privilegio.


Mi verrebbe da dire disoccupato il futuro, occupando le città la lotta continua.


E la lotta continuerà con quel sano e genuino entusiasmo, con quella voglia di opporsi senza violenza alcuna alle violenze imposte dall'alto che a colpi di norme e decreti volendo emulare il modello scolastico inglese, spogliano l'istruzione dalla sua essenza per produrre lavoratori e menti non pensanti per essere sfruttati dal sistema e da chi lo manovra.

Ma solo la lotta sana non compromessa con le logiche delle strumentalizzazioni politiche o sindacali, la lotta finalizzata ad unire lavoratori e studenti, migranti ed operai, impiegati e docenti, lavoratrici e lavoratori tutti per riappropriarsi del diritto alla libertà nell'esistenza, alla libertà di essere,  potrà render reale il sogno di un futuro immediato diverso. 

La voglia di lottare deve essere sempre presente  ed a tal proposito  mi vengono in mente le parole di Claudio Lolli: "Attenzione a non svegliarsi una mattina senza la voglia di cambiare".




Marco Barone
 

Commenti

  1. Lei dice: "Hanno dimostrato grande intelligenza nella gestione della situazione ed in particolar modo hanno anche provveduto a pulire le scuole, a pitturare i bagni,a ridar un minimo di dignità a quelle strutture che accolgono durante l'anno studenti e docenti."

    Peccato non sia stato dappertutto così e in una scuola (Istituto Carli) i danneggiamenti e i saccheggi sono stati notevoli e le condizioni in cui sono stati lasciati i locali sono più simili a latrine che ad una scuola.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Con i confini della giusta sconfitta di Caporetto l'Italia oggi si fermerebbe a Treviso

Dal dannunzianesimo in poi, passando per retoriche risorgimentali estremizzate, irredentismi radicali, simulati patriottismi, l'Italia decise di aggredire l'Impero Austro Ungarico, occupando terre non italiane, anche se forse si poteva pur parlare l'italiano, anche se prevalentemente si parlavano dialetti locali oltre ovviamente allo sloveno, il tedesco, il friulano. Dove vi potevano essere radici latine, risalenti anche all'Impero Romano, ma non è che ovunque l'Impero Romano mise piede era da considerarsi Italia, perchè allora dovrebbero rivendicare anche l'Azerbaigian, senza dimenticare che l'Italia si formerà come Stato unitario poi solo nel 1861. Audacia, tenacia, scippati dalla terra contadini, ragazzi, famiglie senza più i loro figli, mandati a morire nel nome del niente. Arroganza, gestione criminale del conflitto, per conquistare fazzoletti di terra che ancora oggi si sentono poco italiani, perchè l'Italia è giovane, l'Italia unita si è fat…