Passa ai contenuti principali

Cambio pneumatico.

Era il lontano 1888 quando John Boyd Dunlop sviluppò il primo prototipo di ruota pneumatica per il triciclo del figlio, e dopo una fase di studio ne depositò il brevetto il 7 dicembre 1888 che venne sucessivamente  revocato poichè era emerso che  quarant'anni prima l'inventore scozzese Robert William Thomson, aveva già brevettato un'idea analoga in Francia nel 1846 e negli Stati Uniti nel 1847.

Solite guerre di brevetti.
Guerre determinate dagli interessi delle aziende che in modo dominante impongono la loro volontà anche per invenzioni che possono esser utili per la comodità borghese umana, ma in realtà in primis sono fondamentali per le loro casse.
Vedi per esempio la storia del tergicristallo e la relativa   battaglia combattuta da Robert Kearns, l'inventore dei tergicristalli ad intermittenza per automobili, truffato in sostanza dal colosso Ford.

Come tutti avranno notato è arrivato l'inverno.
Beh era ora.
Quando giunge il freddo si rimpiange il caldo, quando arriva il caldo si vuole invocare il freddo, certo che l'essere umano è a dir poco esigente.
Ma la natura ancora, nonostante le devastazioni umane, ancora, ed ancora, ci regala l'alternanza delle stagioni, i colori splendidi del cielo sempre più blu e l'intensità di quei profumi che celano la non aria delle città.

Prime nevicate, anzi primi tentativi della natura di regalar a tutti noi la neve.
Ed ecco la corsa al cambio del pneumatico.
Praticamente trovare un posto libero per cambiar la gomma dell'auto è cosa impossibile.
E' quasi quasi più facile fare un terno al lotto.
Eppure senti dire dai "gommisti" ma tornate tra qualche giorno, le previsioni meteo dicono che non nevicherà nei prossimi giorni.

Ed ecco i visi delusi e sconfortati delle persone.
Come fare?
Che fare?
Piccola tragedia quotidiana consumistica ed occidentale.

E' una situazione tipizzata dalla borghesia umana questa.

Mi viene in mente il periodo di chiusura dei market durante la settimana, per un solo giorno, per qualche festività.
Si vedono file enormi, interminabili alle casse.
Carrelli della spesa pieni, stracolmi.
Eppure la chiusura è prevista per un solo giorno.
Perchè tutto ciò?
Ripeto,l'essere umano è proprio esigente, ma a volte esageratamente folle.
Ma non di quella follia che regala la gioia di vivere l'emozione di una vita intera rinchiusa in un palmo di mano.
No, ma quella follia irrazionale, o meglio oltre l'irrazionale.
Follia figlia del consumismo borghese.


E' particolare come cosa, ritornando al discorso gomme, pneumatici, vedere come gli operai lavorino con velocità e ritmi scanditi dall'orologio biologico veramente incredibili.

Sollevi la macchina sul ponte, smonti la ruota, la monti, fai tutte le operazioni considerate ed ecco che in pochi minuti le gomme nuove nere fumanti sono lì pronte per essere usurate dalle strade metropolitane.

Gomme simmetriche, asimmetriche,  gomme con disegni diversi quasi personificabili.

Viene sempre la tentazione di toccare quelle gomme.
Nuove, con tutti i filamenti che decorano la loro consistenza elastica e solida nello stesso tempo,sembra quasi di ritornar bambini in quei piccoli frangenti di borghesia umana.
Poi la curiosità di vedere come i gommisti effettuano il lavoro, senza nessuna privacy.
Viene anche lì in quell'occasione spontaneo pensare, ma se mentre svolgo il mio lavoro in ufficio il cliente guarda quello che scrivo al computer mi reca o meno come dire fastidio?
Ed ecco allora che compatendo lo stato dell'operaio si attende fuori, fuori quella porta dell'officina, fuori quella porta ove quattro gomme nuove e fumanti verranno montate sull'auto dell'automobilista, nell'attesa di contribuire al colmare ancor di più quelle discariche di gomme diffuse su tutto il pianeta che ospita i nostri corpi, i nostri sogni, i nostri amori.


Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Scuola: tra ponti ed elezioni in FVG nel 2018 una vacanza al mese

Le elezioni politiche saranno il 4 marzo, mentre in Friuli Venezia Giulia si dovrebbe votare per il rinnovo del Consiglio Regionale nei primi di maggio 2018.

Non male e non poteva andare meglio.

Dall'epifania fino alla fine dell'anno scolastico in Friuli Venezia Giulia praticamente ci sarà una mini vacanza al mese. Le vacanze di carnevale dal 12 al 14 febbraio, le vacanze di pasqua dal 29 marzo al 3 aprile, le elezioni politiche che interesseranno gran parte delle nostre scuole di marzo, poi il ponte di fine aprile per il primo maggio, e la settimana successiva la votazione per le regionali. Ovviamente tutti questi giorni verranno computati ai fini della validità dell'anno scolastico.
Marco Barone