Passa ai contenuti principali

Ritorna la "italianizzazione fascista" dei cognomi?

Mite pomeriggio nella Lubiana (Ljubljana), assopita sul piccolo fiume Ljubljanica, accoglie gli abbracci di amore della vita alla vita.

Città, ove in pochi metri quadrati, emerge una concentrazione variegata di stili, vedi quello barocco o l'Art nouveau. Tante piccole case col tetto a punta, colori di natura viva, una lunga autostrada che dolcemente entra dentro quel meraviglioso quadro che è rappresentato dalla cultura tedesca, slava e latina viva ancora oggi in Lubiana.

Passeggiando per Lubiana succede che un giornale italiano, il Piccolo, viene abbandonato da qualche lettore su una delle tante panchine di legno e colorate presenti per le vie strette di questa città.

La mia attenzione viene carpita dall'articolo del Piccolo di Gorizia a pagina 21 del 10 ottobre 2010.

In tale pezzo emerge che a San Canzian d'Isononzo il cognome della sig.ra Nadlišek Magda, italianissima, si trasformi in Nadlisek. "Non siamo alle regole del Ventennio, ma è davvero poca cosa perdere un accento lungo la strada? Non per i cittadini che sono stati toccati dall'applicazione della normativa nazionale introdotta all'inizio di febbraio del 2009. E non sono pochi a San Canzian, dove continuano a trasferirsi nuclei familiari da Trieste e dove in questi ultimi anni gli stranieri provenienti dai paesi dell'ex Jugoslavia sono aumentati. Fatto sta che il problema al Comune di San Canzian d'Isonzo deve essere stato posto da qualche nuovo residente. E così, il sindaco Silvia Caruso ha deciso di prendere carta e penna e rivolgersi al presidente della Regione Renzo Tondo per chiedere un'omogeneità di trattamento dei dati anagrafici in Friuli Venezia Giulia".

In effetti con la tabella approvata con decreto ministeriale del Ministro per la pubblica amministrazione e l’innovazione (DM 2/2/2009 reso disponibile on-line dal 22/2009) viene attuata la traslitterazione in caratteri latini dei caratteri diacritici contenuti in altri alfabeti.

Traslitterazione dei caratteri diacritici: lo scopo dell’approvazione della tabella sarebbe quello di consentire l’operazione di traslitterazione in termini uniformi.
In fondo, potrebbe affermarsi che trattasi solo di una “formalizzazione” o di mera operazione burocratica.

Ma siam proprio sicuri che questa c.d. operazione burocratica in realtà non sia un processo volto ad italianizzare le minoranze?

Il dubbio deve sorgere.

Nel triste passato rappresentato dalla dittatura fascista si era affermata, sia a colpi di burocrazia che con la violenza fisica e morale nonchè morte, una vera e propria politica di snazionalizzazione antislava,volta a realizzare il più ampio processo di italianizzazione di tutte le minoranze "alloglotte", comprese anche quelle germanofone sudtirolesi e francofone valdostane. Ed ecco che lentamente con una gradualità disarmante vennero "uccise" tutte le istituzioni nazionali slovene e croate, le scuole furono italianizzate, si affermarono licenziamenti di massa dei docenti non italiani e così via.

Non si tratta banalmente di perdere solo l'accento che caratterizza il proprio cognome, e ciò non può essere valutato solo come un processo di mera “formalizzazione” o di mera operazione burocratica, poichè quell'accento in realtà rappresenta la propria origine culturale e sociale e deve essere tutelata.
Il diritto alla registrazione dei caratteri diacritici è riconosciuto solo ed unicamente per i Comuni bilingui, quindi,la discriminazione sussiste e deve essere fermata.

Mi piacerebbe comprendere per quale logica una persona iscritta all'anagrafe di un Comune non bilingue non debba avere lo stesso diritto di chi è iscritto all'anagrafe di un Comune bilingue , di conservare l'integrità formale e sostanziale del proprio cognome qualora questo presenti caratteri diacritici. Può essere una scriminante la c.d. semplificazione amministrativa? Semplificare vuol dire negare all'individuo la propria radice culturale e sociale?

Mi associo pienamente all'iniziativa del sindaco di Canzian d'Isonzo e voglio confidare nella c.d. svista di tale operazione di formalizzazione, perchè se invece si tratta di operazione volta ad italianizzare in via unilaterale i cognomi la cosa sarebbe a dir poco scandalosa e pericolosa e di natura fascista.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …