Passa ai contenuti principali

Ritorna la "italianizzazione fascista" dei cognomi?

Mite pomeriggio nella Lubiana (Ljubljana), assopita sul piccolo fiume Ljubljanica, accoglie gli abbracci di amore della vita alla vita.

Città, ove in pochi metri quadrati, emerge una concentrazione variegata di stili, vedi quello barocco o l'Art nouveau. Tante piccole case col tetto a punta, colori di natura viva, una lunga autostrada che dolcemente entra dentro quel meraviglioso quadro che è rappresentato dalla cultura tedesca, slava e latina viva ancora oggi in Lubiana.

Passeggiando per Lubiana succede che un giornale italiano, il Piccolo, viene abbandonato da qualche lettore su una delle tante panchine di legno e colorate presenti per le vie strette di questa città.

La mia attenzione viene carpita dall'articolo del Piccolo di Gorizia a pagina 21 del 10 ottobre 2010.

In tale pezzo emerge che a San Canzian d'Isononzo il cognome della sig.ra Nadlišek Magda, italianissima, si trasformi in Nadlisek. "Non siamo alle regole del Ventennio, ma è davvero poca cosa perdere un accento lungo la strada? Non per i cittadini che sono stati toccati dall'applicazione della normativa nazionale introdotta all'inizio di febbraio del 2009. E non sono pochi a San Canzian, dove continuano a trasferirsi nuclei familiari da Trieste e dove in questi ultimi anni gli stranieri provenienti dai paesi dell'ex Jugoslavia sono aumentati. Fatto sta che il problema al Comune di San Canzian d'Isonzo deve essere stato posto da qualche nuovo residente. E così, il sindaco Silvia Caruso ha deciso di prendere carta e penna e rivolgersi al presidente della Regione Renzo Tondo per chiedere un'omogeneità di trattamento dei dati anagrafici in Friuli Venezia Giulia".

In effetti con la tabella approvata con decreto ministeriale del Ministro per la pubblica amministrazione e l’innovazione (DM 2/2/2009 reso disponibile on-line dal 22/2009) viene attuata la traslitterazione in caratteri latini dei caratteri diacritici contenuti in altri alfabeti.

Traslitterazione dei caratteri diacritici: lo scopo dell’approvazione della tabella sarebbe quello di consentire l’operazione di traslitterazione in termini uniformi.
In fondo, potrebbe affermarsi che trattasi solo di una “formalizzazione” o di mera operazione burocratica.

Ma siam proprio sicuri che questa c.d. operazione burocratica in realtà non sia un processo volto ad italianizzare le minoranze?

Il dubbio deve sorgere.

Nel triste passato rappresentato dalla dittatura fascista si era affermata, sia a colpi di burocrazia che con la violenza fisica e morale nonchè morte, una vera e propria politica di snazionalizzazione antislava,volta a realizzare il più ampio processo di italianizzazione di tutte le minoranze "alloglotte", comprese anche quelle germanofone sudtirolesi e francofone valdostane. Ed ecco che lentamente con una gradualità disarmante vennero "uccise" tutte le istituzioni nazionali slovene e croate, le scuole furono italianizzate, si affermarono licenziamenti di massa dei docenti non italiani e così via.

Non si tratta banalmente di perdere solo l'accento che caratterizza il proprio cognome, e ciò non può essere valutato solo come un processo di mera “formalizzazione” o di mera operazione burocratica, poichè quell'accento in realtà rappresenta la propria origine culturale e sociale e deve essere tutelata.
Il diritto alla registrazione dei caratteri diacritici è riconosciuto solo ed unicamente per i Comuni bilingui, quindi,la discriminazione sussiste e deve essere fermata.

Mi piacerebbe comprendere per quale logica una persona iscritta all'anagrafe di un Comune non bilingue non debba avere lo stesso diritto di chi è iscritto all'anagrafe di un Comune bilingue , di conservare l'integrità formale e sostanziale del proprio cognome qualora questo presenti caratteri diacritici. Può essere una scriminante la c.d. semplificazione amministrativa? Semplificare vuol dire negare all'individuo la propria radice culturale e sociale?

Mi associo pienamente all'iniziativa del sindaco di Canzian d'Isonzo e voglio confidare nella c.d. svista di tale operazione di formalizzazione, perchè se invece si tratta di operazione volta ad italianizzare in via unilaterale i cognomi la cosa sarebbe a dir poco scandalosa e pericolosa e di natura fascista.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto