Passa ai contenuti principali

Patti chiari? Si, ma per l'aziendalizzazione della scuola.

Sul sito del Ministero dell'Istruzione ex Pubblica è stata pubblicata la nota avente ad oggetto il c.d. Progetto "PattiChiari" per le scuole - A.S. 2010/2011(http://www.istruzione.it/web/istruzione/prot6080_10)

Si legge che
"il Consorzio "PattiChiari" propone anche per quest'anno una serie di progetti rivolti alle ultime classi delle scuole dei tre ordini di istruzione al fine di promuovere una sensibilizzazione ed un' effettiva comprensione delle dinamiche economiche proprie del territorio e del mercato moderno.
I percorsi formativi, differenziati in base all'età ed alla classe di appartenenza dei partecipanti, attraverso l'adozione di una metodologia didattica innovativa e basata sul coinvolgimento permetteranno agli studenti di avvicinarsi alle dinamiche economiche di base, di apprendere e padroneggiare i contenuti economici più complessi e astratti, di acquisire i principi alla base di una gestione responsabile delle finanze fino ad arrivare, per le Scuole Secondarie di II° grado, allo sviluppo di un vero progetto imprenditoriale che parteciperà al Concorso Nazionale di Business Plan "Sviluppa la tua idea imprenditoriale".

Tutti i programmi prevedono l'invio di un kit didattico gratuito contenente tutti i materiali necessari per lo sviluppo delle lezioni;. è prevista inoltre la presenza di un tutor d'azienda per l'affiancamento durante le lezioni frontali.
Questo progetto è portato a compimento con l'ausilio di Junior Achievement che è l'organizzazione non profit leader per la promozione dell'economia nella scuola. E' un network di persone ed esperienze i cui protagonisti sono gli studenti, i volontari d'azienda e i docenti italiani.

Sul sito si Junior Achievement si legge che "con il supporto e la partecipazione attiva di imprese, istituzioni, fondazioni e individui, JA sviluppa e diffonde programmi didattici che avvicinano i più giovani all'educazione finanziaria, all'imprenditorialità e alle competenze per il lavoro già sui banchi di scuola in modo semplice, coinvolgente ed efficace.
Fondata in Italia nel 2003 da alcune imprese, collabora con le scuole, dalle primarie alle superiori, che intendono sviluppare progetti di educazione economica".

Per esempio per la scuola primaria si propongono questi incontri:

1. La comunità. Gli studenti scoprono cos'è una comunità identificandone persone,
professioni e attività.
2. Lavoro pubblico e privato. Gli studenti propongono idee per una comunità che soddisfi i bisogni e i desideri dei cittadini.
3. Stato e tasse. La classe apprende l'importanza dei servizi offerti dallo Stato e la necessità di pagare le tasse per poterne usufruire.
4. Flusso di denaro. Attraverso attività di role playing, gli alunni comprendono come circola il denaro all'interno dell'economia locale, scoprono il ruolo della banca e ricevono gli attestati di partecipazione.

Nella nota Ministeriale si legge che per maturare ulteriori informazioni sulla tipologia dei programmi formativi e delle offerte didattiche e sui materiali disponibili sono consultabili sul sito www.economiascuola.it.

In tale sito emerge la collaborazione, per l'affermazione di tale progetto didattico di stampo aziendalista con la Giunti Labs S.r.l..

La Giunti Labs , per loro stessa ammissione è la società che è presente in tutto il mondo e vanta oltre 15 anni di esperienza, con particolare riferimento all’area IT applicata ai settori della progettazione e sviluppo Contenuti, del Learning e del Knowledge Management. "La nostra capacità di innovazione, tecnologica permette alle imprese il miglioramento delle loro performance organizzative oltre a consentire una significativa riduzione dei costi di formazione e gestione del personale. Forniamo consulenza per accompagnare le aziende nei loro processi di cambiamento, fondamentali per differenziarsi ed essere competitivi sul mercato. (http://www.exact-learning.com/it/home)

Nel sito economia scuola .it richiamato dalla nota come sopra indicata per esempio alla domanda che cos’è la banca, si risponde in questo modo:

"Imparare a usare bene i propri soldi è fondamentale per diventare consumatori consapevoli. Gino e Margherita vorrebbero spendere subito i soldi ricevuti in regalo dai genitori. E se fosse meglio metterli da parte? Sapere cosa sono le banche, a cosa servono e quali sono i principali servizi che offrono può aiutare a fare una scelta.

Kit didattico (fascia di età consigliata 10-16 anni)

A cosa servono le banche? La banca ha un ruolo fondamentale di intermediazione fra i risparmiatori e chi ha necessità di un prestito. A quali difficoltà andrebbe incontro la gente comune se non vi fossero le banche? Questa attività ci porta a riflettere sull’importante funzione delle banche nella nostra società".
http://www.economiascuola.it/didattica/programmi-didattici/percorso-didattico-pillole/che-cos-e-la-banca

Il tutto si commenta da solo.


Quindi, il processo di aziendalizzazione della scuola prosegue a pieno ritmo. il Ministero della ex Istruzione Pubblica si avvale della collaborazione di una società che fornisce di norma consulenza per accompagnare le aziende nei loro processi di cambiamento, e da ciò non può dedursi che la scuola per i governanti è de facto una vera azienda. Il tutto ha avuto inizio con il processo dell'autonomia scolastica voluta dalla c.d. sinistra istituzionale.

Complimenti.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Per la prima volta nella storia di Ronchi arriva l'antimafia

No, nessun effetto  cinematografico. Niente sirene spiegate, palette fuori dall'auto in corsa. Niente poliziotti con il passamontagna. Ma in una regione come il Friuli Venezia Giulia non più isola felice, ma presa di mira dalla camorra e dalla 'ndrangheta in particolar modo ,quando si realizzano cantieri ed opere di una certa rilevanza bisogna metterlo in conto. Cosa? L'accesso del gruppo interforze che ha la scopo di intervenire per prevenire infiltrazioni mafiose nei pubblici appalti. 
Il prefetto dispone accessi ed accertamenti nei cantieri delle imprese interessate all'esecuzione di lavori pubblici, avvalendosi, a tal fine, dei gruppi interforze  ed al termine degli accessi ed accertamenti disposti dal prefetto, il gruppo interforze redige, entro trenta giorni, la relazione contenente i dati e le informazioni acquisite nello svolgimento dell'attività ispettiva, trasmettendola al prefetto che ha disposto l'accesso. Il prefetto,  una volta acquisita la relaz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

D'Annunzio e gli slavi: "il flutto della barbarie schiava giungerebbe su Trieste"

19 ottobre 1919 una lettera che ha come destinatari principali i fiumani dal titolo Italia e Vita. Una lettera dove emergono concetti ed aspetti che connoteranno quell'imperialismo italiano che porterà all'invasione del Balcani con tutte le conseguenze nefaste che la storia ci ha ben insegnato. Una lettera, con un linguaggio semplicemente incomprensibile  in molti passaggi, e con uno stile assurdo, dove si eleva bene quel senso di disprezzo verso gli slavi che verrà rimarcata dal poeta amante della guerra in diverse occasioni.  Un D'Annunzio che esalta lo spirito degli italiani che hanno difeso l'italianità di Fiume, del Carnaro, dove " voi spiegaste nel vento del Carnaro il tricolore italiano, in faccia ai Croati che dal governatore ungaro avevano ricevuto il potere civico per inizio di quella frode più tardi proseguita sopra le navi imperiali in Pola nostra."
Uno spirito dell'italianità che sarebbe stato presente in diverse località, "per le coste…