Passa ai contenuti principali

'Ndrangheta e pentitismo.

E' notizia recente che il c.d. boss Lo Giudice ha ammesso di aver collocato la bomba alla Dda di Reggio Calabria.

Per dare conferma della sua volontà di collaborare con la giustizia di Stato e di essere quindi, pentito, ecco che vengono scoperte, su sue indicazioni, in un'armeria reggina, undici armi da fuoco.

Secondo il pentito Antonino Lo Giudice farebbero parte della «Santabarbara» della cosca di cui lui era esponente di primo piano. Da quello che è dato comprendere le armi erano regolarmente detenute ed al titolare dell'armeria non viene addebitata alcuna violazione di legge.
Il pentito Lo Giudice, si è anche addebitato la responsabilità dell’organizzazione degli attentati alla Procura generale e al procuratore Salvatore Di Landro, nonchè del ritrovamento del bazooka annunciato da una telefonata anonima, e quelle armi sono riconducibili al suo clan. Sulle rivelazioni, la polizia sta effettuando dei riscontri al fine di valutare la posizione del titolare dell’armeria e di chi avrebbe ceduto i fucili e le pistole messi in vendita.( fonte il quotidano della calabria)

Antonino Lo Giudice dopo una sola settimana nel carcere romano di Rebibbia, si pente.

Prima di lui, lo aveva fatto il fratello Maurizio, nel 1999.

Particolare da non poco conto è che lunedi a Reggio Calabria arriverà l'esercito per garantire la vigilanza fissa in particolar modo negli uffici della Procura generale e della Dda, alla Corte d’appello.

Come riconosciuto dai più la 'ndrangheta ha pochi, pochissimi pentiti.

Ha una strutturazione cosi familiare, così stretta da rendere sia per ragioni di onore che di fedeltà quasi impossibile il fenomeno del pentitismo.
Le pene previste per i traditori sono pesanti.
Si può entrare nel rango della c.d. essere carogna ovvero macchiarsi di un
tradimento così grave da permettere che il colpevole sia, appunto,
assimilabile ad una carogna.

La pena sarà la morte tramite asfissia con sassi, o con una fucilata alla schiena. Tale morte può essere riservata e quindi applicata nei confronti dei familiari stretti e dei parenti del collaboratore.

Quindi, dopo neanche una settimana di carcere il boss si pente. Permette di far ritrovare armi in armeria,ed erano anche regolarmente detenute, e si "prende" le colpe della strategia della tensione nei confronti dello Stato in Calabria.
Perchè tutto ciò?
Come ricordato a Reggio arriva l'esercito.
L'esercito presidierà solo edifici istituzionali. Ma è pur sempre esercito ed in Calabria nel territorio controllato dalla mafia.

Pentirsi, allentare la tensione, deviare le indagini.
La 'ndrangheta non ha fretta.
Attende, e colpisce e colpirà.
Il controllo del territorio è una "brutta" cosa per i mafiosi e per chi li sostiene, politici ivi inclusi.

Il boss , che io credo sia falso pentito, si sacrificherà in nome di un qualcosa di più importante, ovvero nel nome dell'onore di una terra che non deve avere l'esercito, nel nome di un territorio che deve essere libero dai controlli di Stato, nel nome del potere gestito dalle loro marionette istituzionali.

Invito la magistratura ad essere cauta per questo eventuale nuovo caso di pentitismo.
Ovviamente sono il primo ad augurarmi di sbagliare in tale analisi, e di credere che dopo una settimana di carcere anche duro il boss abbia ceduto alle pressioni.
Ma sarà per i tempismi, sarà per le coincidenze,io, in tale anomala situazione calabrese e da calabrese, un certo grado di diffidenza tendo a maturarlo in merito alla reale collaborazione di quell'essere mafioso quale Antonino Lo Giudice .

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Con i confini della giusta sconfitta di Caporetto l'Italia oggi si fermerebbe a Treviso

Dal dannunzianesimo in poi, passando per retoriche risorgimentali estremizzate, irredentismi radicali, simulati patriottismi, l'Italia decise di aggredire l'Impero Austro Ungarico, occupando terre non italiane, anche se forse si poteva pur parlare l'italiano, anche se prevalentemente si parlavano dialetti locali oltre ovviamente allo sloveno, il tedesco, il friulano. Dove vi potevano essere radici latine, risalenti anche all'Impero Romano, ma non è che ovunque l'Impero Romano mise piede era da considerarsi Italia, perchè allora dovrebbero rivendicare anche l'Azerbaigian, senza dimenticare che l'Italia si formerà come Stato unitario poi solo nel 1861. Audacia, tenacia, scippati dalla terra contadini, ragazzi, famiglie senza più i loro figli, mandati a morire nel nome del niente. Arroganza, gestione criminale del conflitto, per conquistare fazzoletti di terra che ancora oggi si sentono poco italiani, perchè l'Italia è giovane, l'Italia unita si è fat…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Trieste chiude la libreria indipendente IN DER TAT, Davide questa volta ha perso contro Golia

"IN DER TAT“, prendendo in prestito un concetto che il filosofo Hegel riferiva alla cultura, significa in atto, in evoluzione. E’ per questo motivo che l’abbiamo scelto come nome per la nostra libreria, proprio perché pensiamo alla cultura come qualcosa in continuo mutamento(...)". Questo è quello che leggi nel sito di questa libreria, situata nella zona Cavana di Trieste, non più un bordello ottocentesco, ma un rione oramai destinato ad essere fashion, riqualificato, perfetto, una vetrina nella vetrina di Trieste, che ha snaturato la sua storia, che forse viene ricordata dalla statua di Svevo, niente di più. Una libreria che ha segnato per anni ed anni la storia di questo rione, un punto di riferimento culturale, sociale per triestini e non, appuntamenti di gran rilievo, dibattiti e confronti su più materie, i libri prendevano forma, vita attraverso anche gli incontri, le relazioni. Una libreria relazionale. Con il vecchio libraio o vecchia libraia, non per questione ana…