'Ndrangheta e pentitismo.

E' notizia recente che il c.d. boss Lo Giudice ha ammesso di aver collocato la bomba alla Dda di Reggio Calabria.

Per dare conferma della sua volontà di collaborare con la giustizia di Stato e di essere quindi, pentito, ecco che vengono scoperte, su sue indicazioni, in un'armeria reggina, undici armi da fuoco.

Secondo il pentito Antonino Lo Giudice farebbero parte della «Santabarbara» della cosca di cui lui era esponente di primo piano. Da quello che è dato comprendere le armi erano regolarmente detenute ed al titolare dell'armeria non viene addebitata alcuna violazione di legge.
Il pentito Lo Giudice, si è anche addebitato la responsabilità dell’organizzazione degli attentati alla Procura generale e al procuratore Salvatore Di Landro, nonchè del ritrovamento del bazooka annunciato da una telefonata anonima, e quelle armi sono riconducibili al suo clan. Sulle rivelazioni, la polizia sta effettuando dei riscontri al fine di valutare la posizione del titolare dell’armeria e di chi avrebbe ceduto i fucili e le pistole messi in vendita.( fonte il quotidano della calabria)

Antonino Lo Giudice dopo una sola settimana nel carcere romano di Rebibbia, si pente.

Prima di lui, lo aveva fatto il fratello Maurizio, nel 1999.

Particolare da non poco conto è che lunedi a Reggio Calabria arriverà l'esercito per garantire la vigilanza fissa in particolar modo negli uffici della Procura generale e della Dda, alla Corte d’appello.

Come riconosciuto dai più la 'ndrangheta ha pochi, pochissimi pentiti.

Ha una strutturazione cosi familiare, così stretta da rendere sia per ragioni di onore che di fedeltà quasi impossibile il fenomeno del pentitismo.
Le pene previste per i traditori sono pesanti.
Si può entrare nel rango della c.d. essere carogna ovvero macchiarsi di un
tradimento così grave da permettere che il colpevole sia, appunto,
assimilabile ad una carogna.

La pena sarà la morte tramite asfissia con sassi, o con una fucilata alla schiena. Tale morte può essere riservata e quindi applicata nei confronti dei familiari stretti e dei parenti del collaboratore.

Quindi, dopo neanche una settimana di carcere il boss si pente. Permette di far ritrovare armi in armeria,ed erano anche regolarmente detenute, e si "prende" le colpe della strategia della tensione nei confronti dello Stato in Calabria.
Perchè tutto ciò?
Come ricordato a Reggio arriva l'esercito.
L'esercito presidierà solo edifici istituzionali. Ma è pur sempre esercito ed in Calabria nel territorio controllato dalla mafia.

Pentirsi, allentare la tensione, deviare le indagini.
La 'ndrangheta non ha fretta.
Attende, e colpisce e colpirà.
Il controllo del territorio è una "brutta" cosa per i mafiosi e per chi li sostiene, politici ivi inclusi.

Il boss , che io credo sia falso pentito, si sacrificherà in nome di un qualcosa di più importante, ovvero nel nome dell'onore di una terra che non deve avere l'esercito, nel nome di un territorio che deve essere libero dai controlli di Stato, nel nome del potere gestito dalle loro marionette istituzionali.

Invito la magistratura ad essere cauta per questo eventuale nuovo caso di pentitismo.
Ovviamente sono il primo ad augurarmi di sbagliare in tale analisi, e di credere che dopo una settimana di carcere anche duro il boss abbia ceduto alle pressioni.
Ma sarà per i tempismi, sarà per le coincidenze,io, in tale anomala situazione calabrese e da calabrese, un certo grado di diffidenza tendo a maturarlo in merito alla reale collaborazione di quell'essere mafioso quale Antonino Lo Giudice .

Marco Barone

Commenti