Passa ai contenuti principali

Ho incontrato un alieno.

Una finestra aperta nel mondo reale, regala un momento di vita vero, puro, dolce.

Un cielo pennellato con il blu reale e rosso scarlatto, sovrasta la mente di chi passeggia per le vie non più

tortuose della colta, grassa, Bologna.

Per un momento, intenso come l'ora d'aria respirata da chi è imprigionato nelle mura del sistema, voglio

camminar a testa alta; per un momento voglio camminar senza essere ingubbito dal macigno della prospettiva

dell'affermato reale.

Sinfonie vibranti nell'aria mescolate nel grido di gioia spensierata celano i rumori tipici della città

metropolitana;

abbracci nell'esser vivi , passeggiando con lentezza sotto il portico dell'amore che accompagna l'individuo

nella collettività sociale, allontanando  la tristezza della solitudine non cercata.

Profumo di vita, dolce, delicato e vellutato, come le mani della musa ispiratrice di quel paesaggio orfeico  che,  dipinto dall'emozione del sospirato bacio notturno, trascina via il tuo corpo materiale nello spazio indefinito da  madre natura.

Sollevar la testa, durante il cammino tra i pensieri scalfiti sulle pareti di arenaria e impressi sulle colonne di

legno che sostengono i portici dal peso del sistema vigente, allieta l'animo infuocato dall'ingiustizia presente.

Sorrisi di passione, ebbrezza nell'amore, coglie la mano di quella persona abbandonata dal mondo asociale, nel mondo della carità umama, la qual sollevando il proprio senso di vita nello sguardo gioioso di chi ha deciso di abbandonar l'apollinea ratio per un solo momento di realtà percepita, ora, sì, sorride.

E' così colorato il pianeta che ospita le nostre vite; è così profondo e meravigliosamente stupendo l'angolo virtuoso dell'umiltà che si pone innanzi al nostro cammino ogni giorno; è così semplicemente bella e calda la sfera della libertà in cui siam imprigionati, che nell'esser travolti dalle nefandezze meccaniche, definite, determinate, dal sistema, priviamo ogni attimo non vissuto l'eterno senso di felicità della propria essenza.

Imprigionare l'allodola, spirito libero coccolato dalle mani di madre natura, nella gabbia dell'egosimo materialistico, comporterà la morte dell'allodola.

Per un solo momento voglio credere di essere l'allodola libera di volare e cantare l'amore per la vita, nelle vie

ordinarie della metropoli del nuovo millennio;

per un solo momento voglio creder di essere libero dalla schiavitù delle regole del sistema;

ed allora immerso nei colori del ciel blu reale e rosso scarlatto incontro l'ottimismo rivoluzionario.

Oggi ho incontrato l'alieno,

e questo alieno voglio presentarlo a tutti voi che ora leggete il mio scritto,

voglio offrirvi, anche per un solo ma breve intenso attimo,

quel senso di distacco dal mondo reale che ha catturato il mio essere uomo;

ebbene il nome dell'alieno

era,

e sarà,

ottimismo.

Marco Barone
M&G

Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

Per essere un Paese migliore si deve chiedere scusa,ed alcune date di Gorizia da non dimenticare

Quanto è difficile chiedere scusa, eppure chiedere scusa è il primo passo necessario non tanto per ricominciare, ma per avviare un percorso diverso, più onesto, più eticamente e moralmente corretto. Il Papa, ad esempio, qualche passo tenue nei confronti degli omosessuali lo sta facendo, Obama si è recato ad Hiroshima, gesto importante, ma non ha osato chiedere scusa per quel crimine immenso compiuto contro inermi civili. Tante barbarie nel corso della storia sono state compiute in nome e per conto dell'Italia. Dalla “piemontesizzazione del Sud”, ai massacri della prima guerra mondiale, al regime fascista, alle violenze e crimini compiuti nelle terre occupate, in Africa, Albania, Grecia, in Jugoslavia. Mai scusa si è chiesto per ciò. Eppure basterebbe poco, chiedere scusa per restituire dignità all'Italia, il cui nome è stato usurpato dalle peggiori nefandezze. Il problema è che quando pretendi ciò ti etichettano spesso come anti-italiano. A parer mio il peggior modo di essere…