Passa ai contenuti principali

Continua la strategia della Tensione: aggredito Capezzone.

Dopo l'attentato(?) al direttore di Libero Belpietro e la particolarità di quell'evento, che ha comportato anche il trasferimento del poliziotto che, la sera del 4 ottobre, avrebbe sventato l'agguato mirato a colpire proprio  il sig.Belpietro; dopo la diffusione dell'identikit del presunto aggressore che si è dato alla fuga saltando un muro di due metri, dopo l'informativa non segreta di Maroni di qualche giorno addietro ove è emerso che si devono
  temere le «attivazioni di matrice anarco-insurrezionalista esplicitamente ispirate all’esperienza della Fai» o dove si deve anche tenere in considerazione ""l’uso strumentale del simbolo brigatista",  il quale collocandosi "in ambiti privilegiati dall’organizzazione, come il mondo del lavoro, esercita maggior impatto evocativo, specie se coinvolge le dinamiche delle relazioni industriali".
http://www.libero-news.it/news/514816/L_informativa_segreta_di_Maroni.html

ecco, puntuale come non mai  il nuovo evento: Daniele Capezzone, portavoce nazionale del Pdl, è stato aggredito a pochi metri dalla sede di via dell'Umiltà da uno sconosciuto, che gli ha sferrato un pugno al viso e poi si è dileguato.  Sul posto sono intervenuti gli agenti di polizia, Capezzone è stato subito soccorso e portato via in ambulanza. "Si tratta di un fatto gravissimo, sintomo di un clima avvelenato e di tensione che condanniamo", dice Fontana. Raggiunto telefonicamente, dal portavoce del partito poche parole: "Sono stato aggredito, mi hanno dato un pugno...".
http://www.repubblica.it/politica/2010/10/26/new/capezzone_aggredito_a_roma_un_pungo_al_viso_in_centor_a_roma-8462691/

Le prime scontate dichiarazioni sono le seguenti:

"Esprimiamo una totale solidarietà a Daniele Capezzone aggredito in via Umiltà e rileviamo - denuncia il capogruppo Pdl Fabrizio Cicchitto - che l'atmosfera peggiora sempre di più a causa dell’esistenza di uno squadrismo di sinistra che accentua col passare del tempo la sua arroganza e la sua aggressività. Il noto network dell’odio sta producendo effetti nefasti sempre più visibili".
http://www.libero-news.it/news/518687/Aggredito_Capezzone__pugno_in_volto_da_uno_sconosciuto.html

Strategia della tensione, infiltrati, la fantomatica sigla di matrice poliziesca quale la FAI( la Federazione Anarchica Informale) tutte storie viste riviste e stra-riviste.
Di cosa stupirsi d'altronde se sul sito che riguarda la sicurezza nazionale si legge, appunto sul tema sicurezza, che...
"Su quest’ultimo versante occorre considerare che la nozione di sicurezza nazionale si è andata evolvendo rispetto alla tradizionale difesa del Paese e si è estesa fino a comprendere – come sancito dalla legge di riforma – la tutela degli interessi politici, economici, industriali, militari e scientifici dell’Italia".
http://www.sicurezzanazionale.gov.it/web.nsf/pagine/intelligence
Con quale valutazione ed elemento probatorio  si è subito accreditata l'aggressione a Capezzone a squadrismi di sinistra? 

Speculazione politica, volta a destabilizzare con piccoli ma sempre più frequenti episodi la situazione vigente, per consolidare la repressione volta ad incrementare il potere autoritario.

Vedremo il prossimo episodio quale sarà, ma son certo che non si accontenteranno di meri "cazzotti", o colpi di pistola sparati contro un muro; dovranno alzare il  tiro"  per dare un maggior senso di concretezza a questa pericolosa strategia in corso da qualche tempo.

Dunque occhi aperti e prima di trarre conclusioni affrettate è necessario effettuare tutte le valutazioni del caso, specialmente per i prossimi episodi che verranno, ed ahimè verranno.


Marco Barone


Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Ma ha ancora senso la "Venezia Giulia"? O meglio regione di Trieste?

Venezia Giulia. Un nome che ha sicuramente un suo fascino, originale, una forzatura storica pasticciata, proposta ed utilizzata sin dal 1863, come si legge nell'Enciclopedia Treccanti dal linguista goriziano G.I. Ascoli in sostituzione di ‘Litorale’ (Küstenland), usato dagli Austriaci. "Dal 1920 sotto la denominazione di V. furono compresi anche territori appartenenti alla Carniola; i limiti della regione non erano del resto ben definiti: ora comprendeva anche il Friuli ora questo era considerato come appartenente al Veneto, per cui la V. corrispondeva ai territori orientali ceduti dall’Austria all’Italia in seguito alla Prima guerra mondiale, cioè le province di Gorizia, Trieste, Pola e Fiume (superficie 8893 km2 con 955.257 ab. nel 1936), zona caratterizzata dal graduale trapasso del sistema alpino in quello dinarico e dalla compenetrazione di elementi italiani e slavi. Il piccolo lembo della V. rimasto all’Italia dopo la Seconda guerra mondiale è confluito nella regione a …