Passa ai contenuti principali

Continua la strategia della Tensione: aggredito Capezzone.

Dopo l'attentato(?) al direttore di Libero Belpietro e la particolarità di quell'evento, che ha comportato anche il trasferimento del poliziotto che, la sera del 4 ottobre, avrebbe sventato l'agguato mirato a colpire proprio  il sig.Belpietro; dopo la diffusione dell'identikit del presunto aggressore che si è dato alla fuga saltando un muro di due metri, dopo l'informativa non segreta di Maroni di qualche giorno addietro ove è emerso che si devono
  temere le «attivazioni di matrice anarco-insurrezionalista esplicitamente ispirate all’esperienza della Fai» o dove si deve anche tenere in considerazione ""l’uso strumentale del simbolo brigatista",  il quale collocandosi "in ambiti privilegiati dall’organizzazione, come il mondo del lavoro, esercita maggior impatto evocativo, specie se coinvolge le dinamiche delle relazioni industriali".
http://www.libero-news.it/news/514816/L_informativa_segreta_di_Maroni.html

ecco, puntuale come non mai  il nuovo evento: Daniele Capezzone, portavoce nazionale del Pdl, è stato aggredito a pochi metri dalla sede di via dell'Umiltà da uno sconosciuto, che gli ha sferrato un pugno al viso e poi si è dileguato.  Sul posto sono intervenuti gli agenti di polizia, Capezzone è stato subito soccorso e portato via in ambulanza. "Si tratta di un fatto gravissimo, sintomo di un clima avvelenato e di tensione che condanniamo", dice Fontana. Raggiunto telefonicamente, dal portavoce del partito poche parole: "Sono stato aggredito, mi hanno dato un pugno...".
http://www.repubblica.it/politica/2010/10/26/new/capezzone_aggredito_a_roma_un_pungo_al_viso_in_centor_a_roma-8462691/

Le prime scontate dichiarazioni sono le seguenti:

"Esprimiamo una totale solidarietà a Daniele Capezzone aggredito in via Umiltà e rileviamo - denuncia il capogruppo Pdl Fabrizio Cicchitto - che l'atmosfera peggiora sempre di più a causa dell’esistenza di uno squadrismo di sinistra che accentua col passare del tempo la sua arroganza e la sua aggressività. Il noto network dell’odio sta producendo effetti nefasti sempre più visibili".
http://www.libero-news.it/news/518687/Aggredito_Capezzone__pugno_in_volto_da_uno_sconosciuto.html

Strategia della tensione, infiltrati, la fantomatica sigla di matrice poliziesca quale la FAI( la Federazione Anarchica Informale) tutte storie viste riviste e stra-riviste.
Di cosa stupirsi d'altronde se sul sito che riguarda la sicurezza nazionale si legge, appunto sul tema sicurezza, che...
"Su quest’ultimo versante occorre considerare che la nozione di sicurezza nazionale si è andata evolvendo rispetto alla tradizionale difesa del Paese e si è estesa fino a comprendere – come sancito dalla legge di riforma – la tutela degli interessi politici, economici, industriali, militari e scientifici dell’Italia".
http://www.sicurezzanazionale.gov.it/web.nsf/pagine/intelligence
Con quale valutazione ed elemento probatorio  si è subito accreditata l'aggressione a Capezzone a squadrismi di sinistra? 

Speculazione politica, volta a destabilizzare con piccoli ma sempre più frequenti episodi la situazione vigente, per consolidare la repressione volta ad incrementare il potere autoritario.

Vedremo il prossimo episodio quale sarà, ma son certo che non si accontenteranno di meri "cazzotti", o colpi di pistola sparati contro un muro; dovranno alzare il  tiro"  per dare un maggior senso di concretezza a questa pericolosa strategia in corso da qualche tempo.

Dunque occhi aperti e prima di trarre conclusioni affrettate è necessario effettuare tutte le valutazioni del caso, specialmente per i prossimi episodi che verranno, ed ahimè verranno.


Marco Barone


Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto