Passa ai contenuti principali

Approvata mozione parlamentare per scongiurare l'esecuzione di Sakineh Mohammadi Ashtiani . Ma per Teresa Lewis nulla è stato fatto.

Alla Camera si è svolta la discussione della mozione Zamparutti ed altri n. 1-00450 concernente iniziative in ambito internazionale contro la pena di morte, in particolare per scongiurare l'esecuzione di Sakineh Mohammadi Ashtiani .I Presenti erano 447, i Votanti 444,Astenuti 3, Hanno votato sì 444. ELISABETTA ZAMPARUTTII afferma che :" il dato politico rilevante è che il 99 per cento di queste esecuzioni è compiuto da Paesi totalitari e illiberali dove vige in gran parte il segreto di Stato. Assistiamo proprio in questi Paesi alle aberrazioni su cui peraltro anche il Governo si è impegnato: il caso di Sakineh in un Paese, l'Iran, che resta all'indice della lotta alla pena di morte, anche perché è l'unico Paese nella comunità internazionale che la pratica nei confronti dei minorenni e che ancora pratica la lapidazione".

CARLO MONAI ricorda che :"Anche in Italia, solo nel 2007, abbiamo modificato la Costituzione, glissando ed eliminando quel riferimento al codice penale militare di guerra, che ammetteva ancora nel nostro Paese la pena capitale. C'è ancora lavoro da fare. Le Nazioni Unite, nel 2007 e nel 2008, hanno stigmatizzato, con la richiesta di moratoria internazionale, questa pratica becera e barbara".
Fonte: http://www.camera.it/412?idSeduta=379&resoconto=stenografico&indice=alfabetico&tit=00100&fase=#sed0379.stenografico.tit00100

Ai politici italiani voglio ricordare che negli Usa, 37 stati prevedono la pena di morte con metodi crudeli, disumani, tragici:
Alabama: iniezione letale; sedia elettrica.
Arizona: camera a gas; iniezione letale.
Arkansas: iniezione letale; sedia elettrica.
California: camera a gas; iniezione letale.
Colorado: iniezione letale.
Connecticut: iniezione letale.
Delaware: iniezione letale.
Florida: iniezione letale; sedia elettrica.
Georgia: iniezione letale.
Idaho: fucilazione; iniezione letale.
Illinois: iniezione letale.
Indiana: iniezione letale.
Kansas: iniezione letale.
Kentucky: iniezione letale; sedia elettrica.
Louisiana: iniezione letale.
Maryland: camera a gas; iniezione letale.
Mississippi: camera a gas; Iniezione letale.
Missouri: camera a gas; iniezione letale.
Montana: impiccagione; iniezione letale.
Nebraska: sedia elettrica.
Nevada: iniezione letale.
New Hampshire: impiccagione; iniezione letale.
New Mexico: iniezione letale.
New York: iniezione letale.
North Carolina: camera a gas; iniezione letale.
Ohio: iniezione letale; sedia elettrica.
Oklahoma: fucilazione; iniezione letale; sedia elettrica.
Oregon: iniezione letale.
Pennsylvania: iniezione letale.
South Carolina: iniezione letale; sedia elettrica.
South Dakota: iniezione letale.
Tennessee: iniezione letale; sedia elettrica.
Texas: iniezione letale.
Utah: fucilazione; iniezione letale.
fonte: http://www.tuttoamerica.it/pena_morte_stati_uniti/stati.htm

Più del 40% dei condannati a morte negli USA sono neri, sebbene essi costituiscano soltanto il 12% della popolazione totale.
Dal 1976, anno in cui in America venne introdotta nuovamente la pena capitale, sono state uccise negli Stati Uniti 1.226 persone: 1.215 uomini e 11 donne. Teresa Lewis, la disabile mentale di 41 anni uccisa al Greensville Correctional Center a Jarratt, in Virginia, è la prima donna ad esser stata messa a morte nello Stato nell'arco di quasi cento anni.

Ma i politici Italiani continuano con ipocrisia a tacere a far finta di non vedere.

Ho già scritto in passato sul punto, e continuerò a farlo.

Perchè mobilitarsi sono per la questione Iraniana?

E' questo il prezzo da pagare per la finta democrazia importata dagli USA? Per essere

dipendenti in toto dagli USA?

Non siete credibili, non rappresentate più nessuno, cari parlamentari eletti in

Italia.

Tutto ha un limite, ora veramente basta.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

Per essere un Paese migliore si deve chiedere scusa,ed alcune date di Gorizia da non dimenticare

Quanto è difficile chiedere scusa, eppure chiedere scusa è il primo passo necessario non tanto per ricominciare, ma per avviare un percorso diverso, più onesto, più eticamente e moralmente corretto. Il Papa, ad esempio, qualche passo tenue nei confronti degli omosessuali lo sta facendo, Obama si è recato ad Hiroshima, gesto importante, ma non ha osato chiedere scusa per quel crimine immenso compiuto contro inermi civili. Tante barbarie nel corso della storia sono state compiute in nome e per conto dell'Italia. Dalla “piemontesizzazione del Sud”, ai massacri della prima guerra mondiale, al regime fascista, alle violenze e crimini compiuti nelle terre occupate, in Africa, Albania, Grecia, in Jugoslavia. Mai scusa si è chiesto per ciò. Eppure basterebbe poco, chiedere scusa per restituire dignità all'Italia, il cui nome è stato usurpato dalle peggiori nefandezze. Il problema è che quando pretendi ciò ti etichettano spesso come anti-italiano. A parer mio il peggior modo di essere…