Dopo gli ispettori ONU l'Europa avvierà procedura sanzionatoria contro l'Italia come ha fatto con Polonia e Ungheria?

Nell'anno dell'anniversario della carta universale dei diritti dell'uomo l'Italia subirà la visita degli ispettori ONU a causa del crescente razzismo nel Paese. Che l'Italia sia in rottura con l'Unione Europea è un dato di fatto incontestabile. E il comportamento vergognoso assunto sulla questione dei migranti, lasciati in balia del mare per giorni o costretti ad essere dirottati altrove, pur essendo l'Italia il porto più vicino, determinando una palese violazione del diritto internazionale, espone chiaramente il nostro Paese a procedure sanzionatorie che devono essere prese seriamente in considerazione. L'Italia rischia l'adozione della procedura di cui all'articolo 7 del Trattato europeo, come successo per la Polonia e l'Ungheria? Procedura che a prescindere del suo giungere ad ultimazione o meno, comporta effetti politicamente devastanti sin dalla sua proposta. L'Italia ha assunto comportamenti che sono conformi al rispetto della dignità umana, della libertà, della democrazia, dell’uguaglianza, dello Stato di diritto e del rispetto dei diritti umani?

Se si continua così, sarà l'Europa a sbattere l'Italia fuori dai suoi confini politici che l'Italia ad andarsene di sua iniziativa, e forse è quello che in tanti, in modo sciagurato, vorrebbero.

Marco Barone

Commenti