Passa ai contenuti principali

Un maledetto 17 agosto a Barcellona



Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa non fare. Dove andare, dove non andare.  Perché tutto è appena successo. E tutto sta ancora succedendo.
Dicono che alcuni terroristi sono in fuga. Ti scorrono come un film devastante le immagini di quello che è accaduto a Londra, Parigi, Nizza e tanti altri luoghi, molti, troppi. Pensi che sei fortunato. Pensi alle notizie che leggevi sui giornali quando accadevano questi fatti, ai racconti dei testimoni. Ed ora sei tu un testimone, in parte, di un qualcosa di indescrivibile. Comunichi su Twitter che tu e la tua compagna state bene e che sei bloccato nella zona calda. Ti contatta una radio ed anche un tuo amico giornalista del Piccolo.  Ma la tua prima apprensione è per tua sorella. Che più da un'ora dal fatto non riesci a  sentire nonostante mille tentativi.
Controlli ogni due secondi il telefono, chiedi informazioni, sullo stato delle cose, in un bar dove i pochi clienti sono praticamente incollati davanti alla tv.


Maledetti bastardi  questo ripeterai per ore. Poi, quando ti stavi preparando al peggio, arriva un primo contatto di tua sorella. Sta bene. Ed allora la tua priorità è cercare di andare via da quella zona nella quale sei bloccato. La tua priorità è andare a casa.
4 ore è il tempo che impiegherai per ritornare alla tua meta. Metro chiusa. Autobus strapieni, dove ti capita di dover anche litigare con un paio di catalani perché dicono che la gente sul bus non ha fatto il biglietto, imprecano contro i turisti. Lì fuori sono appena state uccise delle persone, famiglie devastate, persone nel panico più totale e questi pensano al biglietto non obliterato o non comprato. Autisti dei mezzi pubblici disponibili, gentili, gente rassegnata, locali chiusi, sirene ovunque, elicotteri che sorvolano la tua testa. Sei a Barcellona. Colpita. Potevi trovarti proprio nel centro di quella via se l’autobus che hai preso in direzione del cuore della città non avesse ritardato di una decina di minuti.
Le imprecazioni per quel ritardo diventeranno un grazie.
Può sembrare banale, ho anche criticato in passato chi diceva potevo essere lì, stavo per andare lì, ero stato lì. Ora però capisci cosa può significare.
Trovarsi al momento sbagliato nel luogo sbagliato. Non potevi saperlo. Non potevano saperlo quelle persone travolte dalla bestialità disumana di questo tempo. Un maledetto 17 agosto a Barcellona che puoi raccontare, anche se alla fine non sai bene cosa raccontare. L'unica cosa che sai è che nulla sarà come prima soprattutto per le famiglie delle vittime, per i feriti, per le persone devastate per sempre nell'assurdità di una situazione che sfugge ad ogni controllo umano. Chiudi questo post alle 23 del 17 agosto. Senti ancora gli elicotteri sorvolare Barcellona, a bassa quota, le sirene della polizia. Una città in stato di assedio. Sembra tutto così maledettamente surreale, invece no, è la realtà, atroce, di questo secolo.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…

La comunità di Ronchi abbraccia la famiglia di Giulio Regeni

Non esiste altro modo che definire come un grande ed immenso abbraccio quello che si è realizzato nella serata di sabato 11 novembre a Ronchi nella sala della Chiesa di Santa Maria Madre. L'abbraccio alla famiglia di Giulio Regeni, a papà Claudio, alla mamma Paola, alla sorella Irene, ad una famiglia meravigliosa che non ha mai smesso per un solo giorno in questi oltre 21 mesi da quel maledetto 3 febbraio 2016 di battersi per la verità e giustizia per Giulio.

Diciamolo pure, quello che è successo dopo la barbara uccisione di Giulio per mano e volere di chi qualcuno lo vorrebbe ancora come innominabile, è un qualcosa di assolutamente straordinario pur nella drammaticità di questa storia, che è diventata la nostra storia. Da quasi due anni continua a resistere, a crescere, a battere colpi ogni giorno ed essere sempre lì in rete la parola chiave, verità per Giulio. E' in continuo movimento. Internazionale, globale, senza età, Ha raggiunto ogni angolo di questo nostro mondo. Ha p…

Quando venne soppressa la provincia di Gorizia perchè troppo slava e l'italianizzazione dei cognomi a Ronchi

Il libro il " fascismo di Confine" di Degrassi, pubblicato in collaborazione con il Comune di Ronchi, offre dei dati storici interessanti. Principalmente incentrato sulle vicende complessive del Confine Orientale e della Venezia Giulia, si addentra anche su come il fascismo ha condizionato e stravolto la vita soprattutto a Ronchi passata dalla provincia di Gorizia a quella di Trieste, a cui vi rimarrà fino al '47, per poi ritornare a quella di Gorizia successivamente fino all'attualità che la vede nell'UTI Carso Isonzo Adriatico.

Le elezioni del 1921 segnarono l'inizio della fine della provincia di Gorizia come determinatesi dopo la fine della grande guerra. In quel collegio vi erano 117 mila abitanti di lingua italiana, 193 mila di lingua slovena, pari al 60%, circa 4 mila di lingua tedesca e circa 5 mila di altre lingue . Dunque era una provincia a forte connotazione slovena. La batosta che verrà subita a livello elettorale dal primo blocco fascista, dove no…