Passa ai contenuti principali

Al Comune di Ronchi mancano 14 dipendenti, su 87 lavoratori 62 sono femmine

Il Comune di Ronchi, ex provincia di Gorizia, un tempo Trieste, oggi UTI Carso Isonzo Adriatico, ha un buon bilancio, ma non può spendere più di tanto, i motivi sono ben noti, quel patto di stabilità che ha affossato buona parte dei Comuni italiani tanto che oggi molti interventi vengono effettuati in diverse realtà a titolo di volontariato, per esempio ricorrendo alla manovalanza dei richiedenti asilo, gratuita. Quella del lavoro è una piaga, anche in FVG, ed anche se alcuni rapporti statistici sembrano presentare questa regione come una sorta di isola felice, in realtà la situazione è non buona.
La dotazione organica del Comune di Ronchi prevede 101 posti, dei quali attualmente 87coperti ed uno in fase di copertura.  I dati evidenziano un leggero calo del personale dipendente.  L’attuale regime di contenimento delle assunzioni e delle spese per il personale comporta l’impossibilità di dare copertura all’intero organico.  Dalla lettura del documento unico di programmazione si evince che "osservando la componente femminile, questa risulta in maggioranza in tutte le categorie, compresa la Polizia Municipale.  Sono in totale 62 femmine e 25 maschi. Per quanto riguarda l’età media, emerge come più dell’80% dei dipendenti sia compreso tra 45 e 64 anni e come, per contro, solo lo 0,5% abbia un’età inferiore a 39 anni. Questo dato evidenzia gli effetti, da un lato, delle rigide disposizioni in materia pensionistica degli ultimi anni e, dall’altro, degli effetti dell’ormai pluriennale blocco del turn over che, unito alle limitazioni alla spesa del personale, non ha reso possibile il ricambio generazionale Il dato relativo al titolo di studio dei dipendenti comunali evidenzia come circa il 50% sia in possesso del diploma di scuola media superiore ed il 25% del diploma di laurea."
Quali gli interventi previsti? 
Tenuto conto del quadro normativo esistente, dei numerosi vincoli in materia e dei dati in possesso riguardo alle cessazioni, la politica delle assunzioni continuerà ad essere sarà finalizzata - all’assunzione dei vincitori delle selezioni già espletate; - alla copertura dei posti necessari a rispondere alle esigenze di personale ritenute prioritarie per garantire il livello dei servizi, confermando, di fatto, l’attuale organico; - alla possibile assunzione a tempo determinato di personale necessario a far fronte ad esigenze temporanee e/o eccezionali, compresa la sostituzione di dipendenti assenti. 
Da segnalare che nel DUP emerge quanto segue: " nell’ambito del piano del fabbisogno di personale 2018/2020, in continuità con il piano precedente, sussiste l’intenzione di prevedere la sostituzione del personale con profilo amministrativo, ricordando che negli ultimi anni si è assistito ad un sostanziale contenimento del personale in organico, passato dalle 96 unità al 31.12.2011 alle attuali 87 e che non risulta più opportuno un ulteriore contenimento, pena l’inefficienza dei servizi stessi."
 
Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…