Passa ai contenuti principali

Al Comune di Ronchi mancano 14 dipendenti, su 87 lavoratori 62 sono femmine

Il Comune di Ronchi, ex provincia di Gorizia, un tempo Trieste, oggi UTI Carso Isonzo Adriatico, ha un buon bilancio, ma non può spendere più di tanto, i motivi sono ben noti, quel patto di stabilità che ha affossato buona parte dei Comuni italiani tanto che oggi molti interventi vengono effettuati in diverse realtà a titolo di volontariato, per esempio ricorrendo alla manovalanza dei richiedenti asilo, gratuita. Quella del lavoro è una piaga, anche in FVG, ed anche se alcuni rapporti statistici sembrano presentare questa regione come una sorta di isola felice, in realtà la situazione è non buona.
La dotazione organica del Comune di Ronchi prevede 101 posti, dei quali attualmente 87coperti ed uno in fase di copertura.  I dati evidenziano un leggero calo del personale dipendente.  L’attuale regime di contenimento delle assunzioni e delle spese per il personale comporta l’impossibilità di dare copertura all’intero organico.  Dalla lettura del documento unico di programmazione si evince che "osservando la componente femminile, questa risulta in maggioranza in tutte le categorie, compresa la Polizia Municipale.  Sono in totale 62 femmine e 25 maschi. Per quanto riguarda l’età media, emerge come più dell’80% dei dipendenti sia compreso tra 45 e 64 anni e come, per contro, solo lo 0,5% abbia un’età inferiore a 39 anni. Questo dato evidenzia gli effetti, da un lato, delle rigide disposizioni in materia pensionistica degli ultimi anni e, dall’altro, degli effetti dell’ormai pluriennale blocco del turn over che, unito alle limitazioni alla spesa del personale, non ha reso possibile il ricambio generazionale Il dato relativo al titolo di studio dei dipendenti comunali evidenzia come circa il 50% sia in possesso del diploma di scuola media superiore ed il 25% del diploma di laurea."
Quali gli interventi previsti? 
Tenuto conto del quadro normativo esistente, dei numerosi vincoli in materia e dei dati in possesso riguardo alle cessazioni, la politica delle assunzioni continuerà ad essere sarà finalizzata - all’assunzione dei vincitori delle selezioni già espletate; - alla copertura dei posti necessari a rispondere alle esigenze di personale ritenute prioritarie per garantire il livello dei servizi, confermando, di fatto, l’attuale organico; - alla possibile assunzione a tempo determinato di personale necessario a far fronte ad esigenze temporanee e/o eccezionali, compresa la sostituzione di dipendenti assenti. 
Da segnalare che nel DUP emerge quanto segue: " nell’ambito del piano del fabbisogno di personale 2018/2020, in continuità con il piano precedente, sussiste l’intenzione di prevedere la sostituzione del personale con profilo amministrativo, ricordando che negli ultimi anni si è assistito ad un sostanziale contenimento del personale in organico, passato dalle 96 unità al 31.12.2011 alle attuali 87 e che non risulta più opportuno un ulteriore contenimento, pena l’inefficienza dei servizi stessi."
 
Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Per la prima volta nella storia di Ronchi arriva l'antimafia

No, nessun effetto  cinematografico. Niente sirene spiegate, palette fuori dall'auto in corsa. Niente poliziotti con il passamontagna. Ma in una regione come il Friuli Venezia Giulia non più isola felice, ma presa di mira dalla camorra e dalla 'ndrangheta in particolar modo ,quando si realizzano cantieri ed opere di una certa rilevanza bisogna metterlo in conto. Cosa? L'accesso del gruppo interforze che ha la scopo di intervenire per prevenire infiltrazioni mafiose nei pubblici appalti. 
Il prefetto dispone accessi ed accertamenti nei cantieri delle imprese interessate all'esecuzione di lavori pubblici, avvalendosi, a tal fine, dei gruppi interforze  ed al termine degli accessi ed accertamenti disposti dal prefetto, il gruppo interforze redige, entro trenta giorni, la relazione contenente i dati e le informazioni acquisite nello svolgimento dell'attività ispettiva, trasmettendola al prefetto che ha disposto l'accesso. Il prefetto,  una volta acquisita la relaz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…