Passa ai contenuti principali

Monfalcone e la puntata di Operai: il problema della lingua da Fincantieri alla scuola


Da quando la destra ha vinto le elezioni a Monfalcone in quella che è stata la prevedibile Caporetto del centrosinistra, la città è finita nel mirino dei media nazionale. A partire dal tradimento della questione morale sull'amianto in relazione alla nota  transazione che addirittura ha impegnato il Comune per quattro soldi a rinunciare alla costituzione di parte civile in qualunque procedimento penale che dovesse essere promosso in futuro per i fatti connessi all'impiego dell'amianto anteriormente alla sottoscrizione dell'accorso. E' quello di costituirsi parte civile un diritto indisponibile?  A parer mio trattandosi, nel caso di costituzione di parte civile in sede della tremenda questione amianto a Monfalcone, della difesa di un diritto indisponibile dell'intera collettività è evidente che la sua tutela sul piano giurisdizionale non può essere lasciata alla sola valutazione discrezionale dell'amministrazione comunale pro tempore che non può, anche se ciò è accaduto, prendere impegni così rilevanti, quale la rinuncia, e lesivi della dignità di migliaia di persone, per il futuro.
Dopo Piazza Pulita, dopo Fuori Roma vi è stata parte della puntata di Operai, sempre su Rai Tre, che ha affrontato il caso di Monfalcone città dove il motto destro prima gli italiani è diventato prima i residenti. La cosa che ha colpito di più è stato il problema della lingua. Come è possibile che il principale sindacato lì presente, come è emerso nella puntata di Operai, non ha mezzi e strumenti per conoscere le lingue parlate all'interno di quel piccolo globo internazionale che è la Fincantieri? Se non si conosce la lingua non si può minimamente pensare di sfiorare la difesa dei più deboli, dei lavoratori, tutte vittime di un sistema economico sempre più cattivo e competitivo al ribasso. Certo, si dirà, chi lavora in loco dovrebbe conoscere l'italiano, come è stato proposto. La verità è nel mezzo, ed il mezzo è la mediazione culturale e ci si deve attrezzare. La conoscenza della lingua, è l'abc di ogni elementare diritto. Stesso discorso per la scuola. E' impensabile ed è poco formativo pensare di avere classi con solo quattro bambini che parlano italiano. Si deve creare un sistema perchè i bambini che non conoscono l'italiano siano incentivati a frequentare le scuole dell'infanzia e le classi "ghetto" vanno assolutamente evitate, d'altronde esiste la possibilità di ridurre in modo considerevole il numero di studenti per classe. Se oggi giorno hanno difficoltà a parlare l'italiano i bambini italiani, figuriamoci quelli di nazionalità non italiana. Non servono progetti eroici, serve buon senso e buon senso vuole che se in Inghilterra non conosci l'inglese non avrai certamente vita facile, se in Germania non conosci il tedesco avrai problemi di inserimento sociale, e non si capisce perchè in Italia si devono concentrare in una sola classe bambini che non parlano italiano, quando poi i parametri di legge son ben chiari. Misteri, non religiosi, tutti nostrani. Stando agli open data del Miur, il 9,49% di chi frequenta le scuole italiane, dalle primarie alle secondarie di secondo grado, non ha la cittadinanza italiana. Ma a Monfalcone in base ai dati forniti dal MIUR si supera di gran lunga la media nazionale la percentuale di studenti "stranieri" è del 37,36%!  Mentre se si va a guardare la fascia di età 0-18 anni a Monfalcone risultano stranieri il 44,21% della popolazione giovane. E' evidente che la questione è enorme e va affrontata seriamente prima che esploda in cattivo modo.
Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Con i confini della giusta sconfitta di Caporetto l'Italia oggi si fermerebbe a Treviso

Dal dannunzianesimo in poi, passando per retoriche risorgimentali estremizzate, irredentismi radicali, simulati patriottismi, l'Italia decise di aggredire l'Impero Austro Ungarico, occupando terre non italiane, anche se forse si poteva pur parlare l'italiano, anche se prevalentemente si parlavano dialetti locali oltre ovviamente allo sloveno, il tedesco, il friulano. Dove vi potevano essere radici latine, risalenti anche all'Impero Romano, ma non è che ovunque l'Impero Romano mise piede era da considerarsi Italia, perchè allora dovrebbero rivendicare anche l'Azerbaigian, senza dimenticare che l'Italia si formerà come Stato unitario poi solo nel 1861. Audacia, tenacia, scippati dalla terra contadini, ragazzi, famiglie senza più i loro figli, mandati a morire nel nome del niente. Arroganza, gestione criminale del conflitto, per conquistare fazzoletti di terra che ancora oggi si sentono poco italiani, perchè l'Italia è giovane, l'Italia unita si è fat…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Trieste chiude la libreria indipendente IN DER TAT, Davide questa volta ha perso contro Golia

"IN DER TAT“, prendendo in prestito un concetto che il filosofo Hegel riferiva alla cultura, significa in atto, in evoluzione. E’ per questo motivo che l’abbiamo scelto come nome per la nostra libreria, proprio perché pensiamo alla cultura come qualcosa in continuo mutamento(...)". Questo è quello che leggi nel sito di questa libreria, situata nella zona Cavana di Trieste, non più un bordello ottocentesco, ma un rione oramai destinato ad essere fashion, riqualificato, perfetto, una vetrina nella vetrina di Trieste, che ha snaturato la sua storia, che forse viene ricordata dalla statua di Svevo, niente di più. Una libreria che ha segnato per anni ed anni la storia di questo rione, un punto di riferimento culturale, sociale per triestini e non, appuntamenti di gran rilievo, dibattiti e confronti su più materie, i libri prendevano forma, vita attraverso anche gli incontri, le relazioni. Una libreria relazionale. Con il vecchio libraio o vecchia libraia, non per questione ana…