Monfalcone e la puntata di Operai: il problema della lingua da Fincantieri alla scuola


Da quando la destra ha vinto le elezioni a Monfalcone in quella che è stata la prevedibile Caporetto del centrosinistra, la città è finita nel mirino dei media nazionale. A partire dal tradimento della questione morale sull'amianto in relazione alla nota  transazione che addirittura ha impegnato il Comune per quattro soldi a rinunciare alla costituzione di parte civile in qualunque procedimento penale che dovesse essere promosso in futuro per i fatti connessi all'impiego dell'amianto anteriormente alla sottoscrizione dell'accorso. E' quello di costituirsi parte civile un diritto indisponibile?  A parer mio trattandosi, nel caso di costituzione di parte civile in sede della tremenda questione amianto a Monfalcone, della difesa di un diritto indisponibile dell'intera collettività è evidente che la sua tutela sul piano giurisdizionale non può essere lasciata alla sola valutazione discrezionale dell'amministrazione comunale pro tempore che non può, anche se ciò è accaduto, prendere impegni così rilevanti, quale la rinuncia, e lesivi della dignità di migliaia di persone, per il futuro.
Dopo Piazza Pulita, dopo Fuori Roma vi è stata parte della puntata di Operai, sempre su Rai Tre, che ha affrontato il caso di Monfalcone città dove il motto destro prima gli italiani è diventato prima i residenti. La cosa che ha colpito di più è stato il problema della lingua. Come è possibile che il principale sindacato lì presente, come è emerso nella puntata di Operai, non ha mezzi e strumenti per conoscere le lingue parlate all'interno di quel piccolo globo internazionale che è la Fincantieri? Se non si conosce la lingua non si può minimamente pensare di sfiorare la difesa dei più deboli, dei lavoratori, tutte vittime di un sistema economico sempre più cattivo e competitivo al ribasso. Certo, si dirà, chi lavora in loco dovrebbe conoscere l'italiano, come è stato proposto. La verità è nel mezzo, ed il mezzo è la mediazione culturale e ci si deve attrezzare. La conoscenza della lingua, è l'abc di ogni elementare diritto. Stesso discorso per la scuola. E' impensabile ed è poco formativo pensare di avere classi con solo quattro bambini che parlano italiano. Si deve creare un sistema perchè i bambini che non conoscono l'italiano siano incentivati a frequentare le scuole dell'infanzia e le classi "ghetto" vanno assolutamente evitate, d'altronde esiste la possibilità di ridurre in modo considerevole il numero di studenti per classe. Se oggi giorno hanno difficoltà a parlare l'italiano i bambini italiani, figuriamoci quelli di nazionalità non italiana. Non servono progetti eroici, serve buon senso e buon senso vuole che se in Inghilterra non conosci l'inglese non avrai certamente vita facile, se in Germania non conosci il tedesco avrai problemi di inserimento sociale, e non si capisce perchè in Italia si devono concentrare in una sola classe bambini che non parlano italiano, quando poi i parametri di legge son ben chiari. Misteri, non religiosi, tutti nostrani. Stando agli open data del Miur, il 9,49% di chi frequenta le scuole italiane, dalle primarie alle secondarie di secondo grado, non ha la cittadinanza italiana. Ma a Monfalcone in base ai dati forniti dal MIUR si supera di gran lunga la media nazionale la percentuale di studenti "stranieri" è del 37,36%!  Mentre se si va a guardare la fascia di età 0-18 anni a Monfalcone risultano stranieri il 44,21% della popolazione giovane. E' evidente che la questione è enorme e va affrontata seriamente prima che esploda in cattivo modo.
Marco Barone

Commenti