Passa ai contenuti principali

Ballottaggio Gorizia: cultura- dalla memoria condivisa (del Pd) a Nova Gorica e Gorizia capitale della cultura (per la destra)


Secondo appuntamento, in vista del ballottaggio, sul confronto tra i programmi elettorali, per Gorizia, tra quello a sostegno di Ziberna( destra) e di  Collini ( Pd più altre liste). Ora è il momento della cultura. 
Cosa prevede il programma a sostegno di Ziberna?

Guardiamo gli aspetti più rilevanti. 
Si sostiene la candidatura di  Nova Gorica e Gorizia a capitale europea della cultura. Si propone l'iniziativa "Adottiamo un palazzo", rivolto al recupero di edifici storici in degrado. Si sostengono iniziative con tutti gli operatori economici e altri partner del Sistema Gorizia, come la Cciaa e la Fondazione CaRiGo. Sarà inserita in bilancio una cifra per la promozione. Si guarda anche alla musica "della scena alternativa pop, rock, rap, elettronica, organizzate in collaborazione con le realtà associative del territorio. Concerti, danza, opera lirica e performance trasformeranno piazze e luoghi pubblici e locali in palcoscenici sotto le stelle." 
Si insiste su È Storia e il Premio Amidei che "guideranno il cartellone dei grandi eventi culturali, insieme ai concorsi Seghizzi, Lipizer, Mercatali e altri"
Un programma che opererà sull'identità di Gorizia con temi come la Grande Guerra e i Luoghi della memoria, Festival dell’Arte, della Musica e della Moda, Premio Collio collegato ad una nuova manifestazione fieristica Vini&Confini, ci saranno Giornate dedicate all’alimentazione con il marchio TipiGo. Il teatro Verdi avrà un ruolo centrale ma non mancherà la collaborazione con altre realtà come il Kulturni Dom e il Bratuz. Il Castello, simbolo di Gorizia, continuerà ad essere tale ed emerge con forza "la battaglia per ottenere la gestione dei Musei provinciali per un'adeguata valorizzazione museale integrata."
Si guarda con interesse anche alla storia dei Borboni, di Napoleone e Casanova. 

Quale il programma a sostegno di Collini?

Teatro:
"I Teatri del territorio devono fare sinergia, per rilanciare la loro funzione educativa e sociale.  Possiamo contare su tre teatri cittadini, un Auditorium, due teatri comunali, a Cormòns e Gradisca, e  uno a Nova Gorica. Va creata una progettualità di rete che, anche in collaborazione con il DAMS,  permetta di ridurre le spese integrando i servizi, per richiamare compagnie e allestimenti sempre più  importanti."
Cinema:
"La città svolge un importante ruolo nel Cinema , grazie alla società Transmedia, al Kinemax, alla  Mediateca, alle Associazioni Amidei e Kinoatelje, a l Filmforum festival, ai Corsi dedicati al cinema e al restauro delle pellicole dell’Università di Udine, a tecnici qualificati e giovani registi. Proporremo la candidatura di Gorizia al Creative Cities Network dell’Unesco , una vetrina globale che mette in rete varie città creative del mondo, allo scopo di promuoverne le industrie artistiche locali, lo scambio di  esperienze, conoscenze e risorse."
Musei:
"Musei , gli spazi espositivi e le strutture culturali come il Castello, il Museo di Santa Chiara, i Musei provinciali (di Borgo Castello e Palazzo Attems), la Fondazione Coronini Cromberg, la Fondazione Carigo, la Sinagoga, la Biblioteca Statale Isontina , la Curia Arcivescovile, il Kulturni Dom, il Kulturni Center Lojze Bratuž, il Museo di Scienze naturali “A. Comel” dovranno fare rete , anche con le strutture dei comuni limitrofi, per essere insieme vivaci produttori di cultura , allestire mostre congiunte di richiamo internazionale, coordinandosi anche attraverso un biglietto unico d'ingresso.  Anche il progetto di Villa Louise come “incubatore” di imprese culturali, e residenza temporanea per  artisti andrà sviluppato e messo in rete con i progetti promossi dai diversi soggetti culturali e dal  Comune(...) Museo del '900 , dedicato alla storia di un secolo che ha avuto in Gorizia un luogo simbolo. Andrà sviluppata una promozione congiunta con i luoghi significativi della storia del '900, italiani e sloveni."
Musica: 
Va ricomposta la frattura della mancanza di un Istituto di Musica a Gorizia, degno della storia della nostra città. E' necessario un progetto, che coinvolga tutte le realtà musicali presenti in città, anche in collaborazione transfrontaliera e con la condivisione degli altri soggetti erogatori, tra i quali la Scuola di musica di Farra e quella di Mossa, il Centro sloveno per l’educazione musicale Emil Komel e la Glasbena matica, nella prospettiva di creare un Conservatorio internazionale anche nella nostra città e un liceo musicale. In questo contesto è imprescindibile la valorizzazione di Palazzo de Grazia, da destinarsi alla creazione di una "Casa della Cultura" in cui trovi spazio oltre alla Scuola di Musica  anche una Scuola di Teatro e di altre discipline artistiche."

Saranno sostenute le manifestazioni e gli eventi culturali già importanti, "come éStoria, i Premi  Amidei e Seghizzi il Festival Castello di Gorizia, il premio Mercatal li, il concorso Lipizer, il Premio Macedonio, il festival del Folklore etc."
Si propone di realizzare anche "un importante progetto di approfondimento e divulgazione storica che meglio rappresenti nel tempo i momenti fondamentali per la storia del nostro  territorio, coordinando soggetti pubblici e privati con una programmazione triennale a partire dai seguenti titoli:
"1918-2018 – Gorizia e il Goriziano nella sfida del la pace: la fine della Grande guerra e l’impresa della ricostruzione", che nel 2018 potrà fare da cornice anche a uno speciale gemellaggio europeo tra Gorizia e Nova Gorica, da celebrarsi a livello europeo a Bruxelles e/o a Strasburgo, in coerenza con il piano di marketing del territorio;
"1519-2019 – Gorizia e l’Europa di Carlo V : Cinque secoli dall’avvento dell’imperatore e Conte di Gorizia";
"1920-1943 – Da Maria Teresa a Mussolini : Gorizia e l’ascesa delle nazionalità. Per una memoria condivisa";
"1943-2021 –  Dalla caduta del Fascismo alla UE : il confine impermeabile, quello permeabile e il confine europeo di Schengen".  
Saranno, altresì, promossi eventi incentrati sulle diverse personalità goriziane, che hanno inciso nella Cultura e nelle Arti in genere , quali, per esempio, il glottologo Graziadio Isaia Ascoli, il filosofo  Carlo Michaelstaedter, i compositori e musicisti C. Augusto Seghizzi e Fausto Romitelli."
Marco Barone 


Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto