Passa ai contenuti principali

Se il Sindaco di Monfalcone, per protesta, non partecipa alla consegna della Majestic a Monfalcone



Un colosso, un gigante del mare, Majestic Princess, come è noto è la prima nave progettata ed anche costruita da Fincantieri per il mercato cinese per il Gruppo Carnival Corporation e realizzata a Monfalcone. Alla consegna della nave erano presenti le massime autorità, dal Capo del Governo italiano all'amministratore delegato di Fincantieri. Prime pagine sui giornali locali, nei TG locali ecc.

Ma non è passato inosservato l'atto di protesta che ha posto in essere il Sindaco di Monfalcone. Ha volutamente disertato tale momento spiegandolo poi su facebook con un post breve ma netto nei contenuti:

Quando la mia città sarà rispettata da chi viene un giorno e poi si dimentica, quando ci sarà più lavoro per il nostro territorio, quando dimostreranno con i fatti il 'grazie' a Monfalcone' e ai nostri lavoratori, allora sarò presente a tutte le consegne possibili e immaginabili.

Continua il braccio di ferro tra il sindaco di Monfalcone e la questione dei cantieri navali. Sindaco che ultimamente ha ricevuto anche delle strane lettere minacciose spedite dal Vietnam, che criticavano il suo operato, in modo aspro e duro, tanto da far parlare di intimidazioni. I problemi di Monfalcone sono noti, i problemi con i cantieri navali sono noti, così come deve essere detto che la maggior parte dei lavoratori che hanno costruito quella nave non sono cantierini monfalconesi doc. Qui si sono realizzati prima che altrove gli effetti negativi della globalizzazione, con tutte le conseguenze per i lavoratori locali e non. Non è una questione di monfalconesi doc, anche perchè a dirla tutta chi mai sarebbe questo fantomatico monfalconese doc? Non esiste, Monfalcone è sempre stata terra contaminata da varie culture, e provenienze territoriali sia italiane che non. E' una questione di diritti  e di sistema di appalti che andrebbe non riformato ma totalmente fermato. Ma la Fincantieri è una multinazionale, anche se in gran parte indirettamente nelle mani dello Stato, che mira al profitto come è ovvio che sia e profitto non fa rima con internalizzazione. 

Monfalcone  che ha  tra le altre cose un problema enorme da fronteggiare. Le commesse sembra che ci saranno fino al 2022 e forse possono arrivare anche al 2027. Il punto è che è ai limiti strutturali per il nuovo mercato che avanza. Un mercato che vuole navi sempre più grandi, e Monfalcone ad oggi non è pronta forse per realizzare navi di certe dimensioni che segnano il futuro in questo settore. E' qui che probabilmente si giocherà il futuro di questa partita. Che rischierà di essere dolorosa. Perchè nulla verrà concesso gratis. Ed il sindaco di Monfalcone, come è noto, ha poteri limitati in materia, più simbolici che effettivi e sostanziali, per non dire che non conta nulla sulle questioni che pesano nella cantieristica navale. Piaccia o non piaccia è così. Perchè qui la partita è enorme, si parla di cifre enormi, di multinazionali che investono in tutto il mondo e Monfalcone, pur con la sua nobile storia, è solo uno dei tanti posti che ospita un frammento di questa multinazionale, che ci mette tre nano secondi a chiudere uno stabilimento per spostare tutto in qualche altra parte del mondo,  nel tempo dove il made in Italy è solo un marchio  il cui timbro  può essere apposto  ovunque nella società della globalizzazione. Ma pur qualcosa si deve fare, per non continuare a subire situazioni che a Monfalcone stanno diventando ingestibili, ma è anche vero che tirare troppo la corda significa rischiare un disastro per questa città. La questione di Monfalcone non può essere affrontata solo dal suo sindaco e solo a Monfalcone, ma è nazionale, è una questione nazionale che deve trovare giuste risposte e giuste soluzioni lì dove tutte le strade conducono, anche quelle via mare, a Roma.

Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Regionali FVG 2018 se a qualcuno interessano i programmi...

Si voterà in prossimità del ponte, una grande pensata che altro non farà che favorire già quello che si sa che sarà, una partecipazione al voto calante,e chiunque vincerà non vincerà tanto per il suo programma elettorale innovativo o superlativo, profondo o leggero o geniale che questo sia. I programmi oramai trovano il tempo che trovano ci puoi mettere di tutto e di più. Da chi parlerà di TAV a chi parlerà di tutela dell'identità friulana o slovena a chi di zone agevolate interesserà poco alla maggior parte dei cittadini. Perchè ragioneranno sulla base di quello che hanno vissuto, un vissuto che è fatto di esperienze, di questioni concrete. E soprattutto di un rigurgito chiaro e netto nei confronti di un certo modo di fare e concepire la politica ed il bene comune sempre più degradato e sacrificato all'altare dell'austerità e della globalizzazione selvaggia che ha favorito il ritorno di nazionalismi anacronistici e ucciso identità e specificità che meritavano tutela. Ogn…

L'Italia e l'alleanza con gli USA, una scelta di campo?

Così Gentiloni sulla questione Siria: voglio solo dire, in conclusione, che l'Italia non è un Paese neutrale, non è un Paese che sceglie di volta in volta, di fronte a questa o a quella crisi, se schierarsi con l'Alleanza atlantica o schierarsi da un'altra parte. Noi siamo coerentemente, da più di sessant'anni, partner fondamentali dell'Alleanza atlantica e alleati degli Stati Uniti. Siamo alleati dell'America, voglio dire: non è un problema di rapporti con questo o quel presidente americano. Siamo stati alleati dell'America con Kennedy e con Nixon, con Clinton e con Reagan, con Bush e con Obama e lo abbiamo fatto perché - lo dico senza infingimenti - è una scelta di campo. È una scelta di campo. È una scelta di campo che deriva certamente dal fatto che l'America, insieme agli alleati, ci ha liberato dal nazifascismo e che certamente deriva dai nostri interessi di difesa e di sicurezza del Paese, ma non è solo questo. È una scelta di campo che deriva da…

Salvare le scritte storiche sui muri delle nostre città dei tempi della guerra. Rischiano l'estinzione

Il Friuli Venezia Giulia è una polveriera storica impressionante. Anche se la storia che ovviamente si racconta di più e che ha sancito le sorti di quel presente che viviamo è quella del '900. Terra martoriata da due catastrofi mondiali e che ha rischiato, per la nota causa di Trieste, di scatenare anche la terza. Ci sono diverse testimonianze storiche di quel tempo, soprattutto della seconda guerra mondiale e delle fasi successive alla liberazione dal nazifascismo che caratterizzeranno le sorti di Trieste e dell'Isontino per diversi anni. Ad esempio si possono ancora oggi leggere in alcune località, come Monfalcone, Ronchi, delle scritte che inneggiano alla Jugoslavia, alla settima Repubblica Federativa Jugoslava. In rosso.
Sopravvissute al tempo, alla storia, alla memoria. Anche se a dire il vero ne sono rimaste solo una manciata e difficilmente leggibili. Ma anche per Trieste ci saranno testimonianze del genere come nelle località sicuramente interessate da questa contor…