Passa ai contenuti principali

Se il Sindaco di Monfalcone, per protesta, non partecipa alla consegna della Majestic a Monfalcone



Un colosso, un gigante del mare, Majestic Princess, come è noto è la prima nave progettata ed anche costruita da Fincantieri per il mercato cinese per il Gruppo Carnival Corporation e realizzata a Monfalcone. Alla consegna della nave erano presenti le massime autorità, dal Capo del Governo italiano all'amministratore delegato di Fincantieri. Prime pagine sui giornali locali, nei TG locali ecc.

Ma non è passato inosservato l'atto di protesta che ha posto in essere il Sindaco di Monfalcone. Ha volutamente disertato tale momento spiegandolo poi su facebook con un post breve ma netto nei contenuti:

Quando la mia città sarà rispettata da chi viene un giorno e poi si dimentica, quando ci sarà più lavoro per il nostro territorio, quando dimostreranno con i fatti il 'grazie' a Monfalcone' e ai nostri lavoratori, allora sarò presente a tutte le consegne possibili e immaginabili.

Continua il braccio di ferro tra il sindaco di Monfalcone e la questione dei cantieri navali. Sindaco che ultimamente ha ricevuto anche delle strane lettere minacciose spedite dal Vietnam, che criticavano il suo operato, in modo aspro e duro, tanto da far parlare di intimidazioni. I problemi di Monfalcone sono noti, i problemi con i cantieri navali sono noti, così come deve essere detto che la maggior parte dei lavoratori che hanno costruito quella nave non sono cantierini monfalconesi doc. Qui si sono realizzati prima che altrove gli effetti negativi della globalizzazione, con tutte le conseguenze per i lavoratori locali e non. Non è una questione di monfalconesi doc, anche perchè a dirla tutta chi mai sarebbe questo fantomatico monfalconese doc? Non esiste, Monfalcone è sempre stata terra contaminata da varie culture, e provenienze territoriali sia italiane che non. E' una questione di diritti  e di sistema di appalti che andrebbe non riformato ma totalmente fermato. Ma la Fincantieri è una multinazionale, anche se in gran parte indirettamente nelle mani dello Stato, che mira al profitto come è ovvio che sia e profitto non fa rima con internalizzazione. 

Monfalcone  che ha  tra le altre cose un problema enorme da fronteggiare. Le commesse sembra che ci saranno fino al 2022 e forse possono arrivare anche al 2027. Il punto è che è ai limiti strutturali per il nuovo mercato che avanza. Un mercato che vuole navi sempre più grandi, e Monfalcone ad oggi non è pronta forse per realizzare navi di certe dimensioni che segnano il futuro in questo settore. E' qui che probabilmente si giocherà il futuro di questa partita. Che rischierà di essere dolorosa. Perchè nulla verrà concesso gratis. Ed il sindaco di Monfalcone, come è noto, ha poteri limitati in materia, più simbolici che effettivi e sostanziali, per non dire che non conta nulla sulle questioni che pesano nella cantieristica navale. Piaccia o non piaccia è così. Perchè qui la partita è enorme, si parla di cifre enormi, di multinazionali che investono in tutto il mondo e Monfalcone, pur con la sua nobile storia, è solo uno dei tanti posti che ospita un frammento di questa multinazionale, che ci mette tre nano secondi a chiudere uno stabilimento per spostare tutto in qualche altra parte del mondo,  nel tempo dove il made in Italy è solo un marchio  il cui timbro  può essere apposto  ovunque nella società della globalizzazione. Ma pur qualcosa si deve fare, per non continuare a subire situazioni che a Monfalcone stanno diventando ingestibili, ma è anche vero che tirare troppo la corda significa rischiare un disastro per questa città. La questione di Monfalcone non può essere affrontata solo dal suo sindaco e solo a Monfalcone, ma è nazionale, è una questione nazionale che deve trovare giuste risposte e giuste soluzioni lì dove tutte le strade conducono, anche quelle via mare, a Roma.

Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Nella Gradoaustronostalgia i commercianti dicono no ai richiedenti asilo a rischio l'immagine. Pazzesco

L'immagine è tutto. Niente immagine, niente business. La partita a ping pong si gioca tra Grado e le sue frazioni, con la Prefettura che svolge il ruolo di osservatore, ma prima o poi dovrà fischiare la fine di questa partita ed una decisione andrà presa. Se a Fossalon si è assistito a di tutto e di più, dalla deprimente marcia dei trattori, fumosissima visto che non ci sarà, a pensieri figli di una visione distorta del mondo, come se chi voleva ospitare 18 richiedenti asilo si apprestasse a dare accoglienza a 18 criminali incalliti, a Grado si assiste alla reazione di chi ha voce e peso economico importante. Il mondo del commercio. Sul Piccolo del 15 ottobre si apprende che  «Ormai da qualche settimana - ha spiegato il responsabile locale di Confcommercio, Fumolo - si parla dell'ipotesi di ospitalità ad un gruppo di migranti anche da parte del Comune di Grado e la nostra associazione di categoria esprime preoccupazione per le ripercussioni negative che questa azione potr…