Passa ai contenuti principali

Se il Sindaco di Monfalcone, per protesta, non partecipa alla consegna della Majestic a Monfalcone



Un colosso, un gigante del mare, Majestic Princess, come è noto è la prima nave progettata ed anche costruita da Fincantieri per il mercato cinese per il Gruppo Carnival Corporation e realizzata a Monfalcone. Alla consegna della nave erano presenti le massime autorità, dal Capo del Governo italiano all'amministratore delegato di Fincantieri. Prime pagine sui giornali locali, nei TG locali ecc.

Ma non è passato inosservato l'atto di protesta che ha posto in essere il Sindaco di Monfalcone. Ha volutamente disertato tale momento spiegandolo poi su facebook con un post breve ma netto nei contenuti:

Quando la mia città sarà rispettata da chi viene un giorno e poi si dimentica, quando ci sarà più lavoro per il nostro territorio, quando dimostreranno con i fatti il 'grazie' a Monfalcone' e ai nostri lavoratori, allora sarò presente a tutte le consegne possibili e immaginabili.

Continua il braccio di ferro tra il sindaco di Monfalcone e la questione dei cantieri navali. Sindaco che ultimamente ha ricevuto anche delle strane lettere minacciose spedite dal Vietnam, che criticavano il suo operato, in modo aspro e duro, tanto da far parlare di intimidazioni. I problemi di Monfalcone sono noti, i problemi con i cantieri navali sono noti, così come deve essere detto che la maggior parte dei lavoratori che hanno costruito quella nave non sono cantierini monfalconesi doc. Qui si sono realizzati prima che altrove gli effetti negativi della globalizzazione, con tutte le conseguenze per i lavoratori locali e non. Non è una questione di monfalconesi doc, anche perchè a dirla tutta chi mai sarebbe questo fantomatico monfalconese doc? Non esiste, Monfalcone è sempre stata terra contaminata da varie culture, e provenienze territoriali sia italiane che non. E' una questione di diritti  e di sistema di appalti che andrebbe non riformato ma totalmente fermato. Ma la Fincantieri è una multinazionale, anche se in gran parte indirettamente nelle mani dello Stato, che mira al profitto come è ovvio che sia e profitto non fa rima con internalizzazione. 

Monfalcone  che ha  tra le altre cose un problema enorme da fronteggiare. Le commesse sembra che ci saranno fino al 2022 e forse possono arrivare anche al 2027. Il punto è che è ai limiti strutturali per il nuovo mercato che avanza. Un mercato che vuole navi sempre più grandi, e Monfalcone ad oggi non è pronta forse per realizzare navi di certe dimensioni che segnano il futuro in questo settore. E' qui che probabilmente si giocherà il futuro di questa partita. Che rischierà di essere dolorosa. Perchè nulla verrà concesso gratis. Ed il sindaco di Monfalcone, come è noto, ha poteri limitati in materia, più simbolici che effettivi e sostanziali, per non dire che non conta nulla sulle questioni che pesano nella cantieristica navale. Piaccia o non piaccia è così. Perchè qui la partita è enorme, si parla di cifre enormi, di multinazionali che investono in tutto il mondo e Monfalcone, pur con la sua nobile storia, è solo uno dei tanti posti che ospita un frammento di questa multinazionale, che ci mette tre nano secondi a chiudere uno stabilimento per spostare tutto in qualche altra parte del mondo,  nel tempo dove il made in Italy è solo un marchio  il cui timbro  può essere apposto  ovunque nella società della globalizzazione. Ma pur qualcosa si deve fare, per non continuare a subire situazioni che a Monfalcone stanno diventando ingestibili, ma è anche vero che tirare troppo la corda significa rischiare un disastro per questa città. La questione di Monfalcone non può essere affrontata solo dal suo sindaco e solo a Monfalcone, ma è nazionale, è una questione nazionale che deve trovare giuste risposte e giuste soluzioni lì dove tutte le strade conducono, anche quelle via mare, a Roma.

Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Dal "daspo urbano per chi offende il giorno del ricordo"al concetto di slavo che offende la Trieste italiana. Ma Saranno gli "slavi" a salvare Gorizia e Trieste

E' un mondo difficile diceva una nota canzoncina che per diverso tempo veniva trasmessa dalle nostre radio. Un mondo difficile, che è letteralmente virato verso forme di chiusura e rigidità a causa di una globalizzazione letteralmente selvaggia.

Diversi media hanno avuto un ruolo nefasto in tutto ciò, dal momento in cui per anni hanno favorito, sotto il nome di una fantomatica democrazia, l'affermazione di concetti indegni, di quel veleno sociale, di quelle narrazioni nocive per la convivenza civile e pacifica, che hanno riabilitato le peggiori istanze e rinforzato a dismisura quei "quattro provoloni"di neofascisti, mentre "quattro provoloni" non sono più indistintamente i razzisti. Tra i fatti di Macerata, come poi ripetutesi vicino ad Enna, e quanto accaduto nel Confine Orientale in soli 25 anni di occupazione italiana subito dopo la fine della prima guerra mondiale vi è stato un solo filo di continuità. Qui il fascismo si è realizzato prima che altrove,…

Altro che "buonascuola" in Italia siamo degli analfabeti rispetto all'Europa, il rapporto ISTAT sullo stato dell'istruzione in Italia

L'ISTAT ha pubblicato un corposo rapporto incentrato sulla questione della conoscenza.  Ed emerge una fotografia del Paese devastante. Da un lato hai la propaganda di chi racconta un Paese che esiste solo nella sua mente che mente, a partire da chi difende la peggior legge mai scritta in Italia in materia di legislazione scolastica quale la "buonascuola" bocciata da quasi l'intera comunità scolastica con uno sciopero epocale nel maggio 2015. Dall'altro hai la realtà che ti narra un Paese in estrema difficoltà e povertà e diffusa ignoranza. L'Istat rileva chiaramente che "in Italia la recessione, anche per i vincoli di finanza pubblica dovuti al debito, è stata più profonda rispetto a tutte le altre economie europee, riportando il potere d’acquisto delle famiglie nel 2012 indietro fino ai livelli degli anni Novanta."
E ciò sotto gli occhi di tutti.  A livello di conoscenza afferma che "L’Italia è un’economia industriale ad alto reddito ma ano…

Iera una volta...il mercato di Ronchi

Iera una volta il mercato di Ronchi. Questa è oramai una constatazione di fatto che vivi nei mercoledì ronchesi, giorno per eccellenza del mercato. I mercati sono sopravvissuti ai secoli, alle guerre, al progresso, all'avvento dei grandi centri commerciali che hanno risucchiato nel buco nero della depressione economica i piccoli commercianti, con città sempre più svuotate con il paradosso che vedrai le città finte, create ad hoc per il commercio, essere strapiene.

I mercati resistono, ma faticano a sopravvivere soprattutto quando arriva l'ultimo mercoledì del mese, quando i soldi son già finiti e per le strade del mercato vedrai sempre meno gente.

Un mercato che ha una sua storia importante, noto soprattutto per la sua energia, vitalità, socialità, che paga probabilmente il prezzo di diverse problematicità, da quelle logistiche alla crisi sociale ed economica che si è scagliata su questo Territorio che pur avendo potenzialità enormi per alzare la testa, in questo momento sto…