Passa ai contenuti principali

Questione transazione amianto Monfalcone: il Comune in cerca di avvocati per rivedere l’accordo


Con una deliberazione consiliare del Comune di Monfalcone del 25/01/2017 è stata approvata una mozione con la quale si determina  "di dare un nuovo corso alle relazioni con Fincantieri, un approccio che, per la massima tutela e beneficio della nostra città e del nostro territorio deve essere contraddistinto , nei rapporti tra la grande  azienda e la città, da un imprescindibile condizione di equilibrio. Dando pertanto  mandato al Sindaco, affinché sondi tutte le possibilità giuridicamente sostenibili al fine di porre rimedio alla  menomazione in diritto che tale transazione ha causato alla città di Monfalcone e alle sue vittime dell'amianto, ripristinando quell'essenziale fattore di vicinanza tra Amministrazione e cittadino ....".
La questione, come è noto, riguarda la transazione amianto avvenuta a pochi giorni dalla sentenza che ha visto il Comune di Monfalcone ritirarsi da parte civile dopo essersi costituito, maturando un normale accordo economico, che ha ovviamente determinato un putiferio mandando in frantumi ogni questione morale, ben tenendo conto che l'amianto a Monfalcone è un dramma che continua e che tra Gorizia e Trieste vi è la più alta concentrazione mondiale  di mesoteliomi.
Come si legge nel bando prodotto dal Comune di Monfalcone "Tra gli obiettivi dell’Amministrazione Comunale appena insediata, vi è l’approfondimento delle  tematiche sull’amianto e, in particolare, sulla cd. transazione amianto intervenuta nell’estate del 2015 tra Comune di Monfalcone e Fincantieri SpA e avente per oggetto la conclusione dei procedimenti penali, relativi alle patologie asbesto correlate, nell’ambito nei quali il Comune si era costituito parte civile. L’Amministrazione Com. le è interessata a ottenere un parere legale scritto in merito all'intervenuta  transazione amianto tra Comune di Monfalcone e Fincantieri S.p.A. tendente a verificare tutte le  possibilità giuridicamente sostenibili al fine di porre agli effetti dell’intervenuta transazione. Al fine di dare attuazione a tali disposizioni, si pubblica il presente avviso di manifestazione  d’interesse per il conferimento di un incarico di consulenza, il cui importo viene preventivamente fissato in € 1.000,00 lorde e omnicomprensive di Cassa Previdenziale, IVA e ritenuta di acconto. Si evidenzia che l'importo pari a Euro 1.000,00 è determinato in misura fissa omnicomprensiva e  non sarà oggetto di offerta da parte dei partecipanti, né di valutazione." Non essendo stato reso pubblico il testo dell'accordo, è difficile in via specifica comprendere se sussistano o meno possibilità per sancirne l'annullamento o nullità, in via generale quello che si può dire è che i paletti sembrano essere molto ristretti, se non giuridicamente insuperabili. Ma le associazioni che si occupano della problematica amianto sono state coinvolte in tale faccenda? Comunque è il caso di segnalare che chiunque interessato può rivolgersi al Comune di Monfalcone Ufficio Affari Giuridici e Città Mandamento Viale S. Marco, 9  0481/494302 e l’avviso può essere inoltre visionato sul sito internet del Comune di Monfalcone www.comune.monfalcone.go.it

Marco Barone
 

Commenti

Post popolari in questo blog

Passo dopo passo il Nord è conquistato da chi vuole "l'indipendenza della Padania"

Ciò che non è entrato dalla porta principale, entra, anno dopo anno, passo dopo passo, in modo sistematico, con estrema pazienza ed intelligenza politica, dalle finestre che connotano la casa del Nord. Un Nord che è uscito con le ossa fratturate dalla crisi del 2007, divenuto isola felice per le mafie, per la corruzione, ma che ha continuato ad essere rispetto al Sud sempre il locomotore dell'Italia, Paese che sta all'Europa come il Sud Italia sta al Nord Italia. Ed il Nord non ci sta più. Pensiamo al Friuli Venezia Giulia, dove cortocircuiti storici sono anche visibili. Ovunque piazze dedicate all'Unità d'Italia che qui non poteva essere festeggiata perchè quando questa raggiunta non era mica contemplata l'Italia, ma si era in gran parte in quello che veniva definito come l'Impero felice a cui è stata anche dedicata una piazza e si continuano a dedicare statue o celebrarne i fasti nobiliari. E poi sarà in prima linea su due fronti di guerra catastrofici, la …

Salvare le scritte storiche sui muri delle nostre città dei tempi della guerra. Rischiano l'estinzione

Il Friuli Venezia Giulia è una polveriera storica impressionante. Anche se la storia che ovviamente si racconta di più e che ha sancito le sorti di quel presente che viviamo è quella del '900. Terra martoriata da due catastrofi mondiali e che ha rischiato, per la nota causa di Trieste, di scatenare anche la terza. Ci sono diverse testimonianze storiche di quel tempo, soprattutto della seconda guerra mondiale e delle fasi successive alla liberazione dal nazifascismo che caratterizzeranno le sorti di Trieste e dell'Isontino per diversi anni. Ad esempio si possono ancora oggi leggere in alcune località, come Monfalcone, Ronchi, delle scritte che inneggiano alla Jugoslavia, alla settima Repubblica Federativa Jugoslava. In rosso.
Sopravvissute al tempo, alla storia, alla memoria. Anche se a dire il vero ne sono rimaste solo una manciata e difficilmente leggibili. Ma anche per Trieste ci saranno testimonianze del genere come nelle località sicuramente interessate da questa contor…

Quel grave gesto di farsi fotografare alla tomba di Giulio Regeni. Violato il rispetto

Ci sono tombe diventate luoghi cult come quella di Jim Morrison, Oscar Wilde, che le guide turistiche non possono non indicare perchè è così che va il mondo. Ci sono tombe che sono espressione della grandezza storica di certi e dati eventi, come quelle dei partigiani, tutti luoghi dove farsi fotografare è legittimo. E poi ci sono luoghi dove dovrebbe governare l'assoluto buon senso e senso del rispetto. Siamo oramai entrati nel pieno del terzo anno dalla scomparsa di Giulio, tre anni di atroci e durissime lotte da parte della famiglia prima di tutto, tre anni alla ricerca continua e costante di quella verità per Giulio che è stata negata, compromessa, a colpi di effetti teatrali, menzogne, depistaggi, con l'aggravante di chi ha rappresentato l'Italia di effettivamente chinarsi ed arrendersi al torto di stato del compromesso. Se nel corso di questi anni praticamente non è mai circolata la foto della tomba di Giulio, qualcuno si sarà posto un minimo perchè? Già la famiglia …