Passa ai contenuti principali

Questione transazione amianto Monfalcone: il Comune in cerca di avvocati per rivedere l’accordo


Con una deliberazione consiliare del Comune di Monfalcone del 25/01/2017 è stata approvata una mozione con la quale si determina  "di dare un nuovo corso alle relazioni con Fincantieri, un approccio che, per la massima tutela e beneficio della nostra città e del nostro territorio deve essere contraddistinto , nei rapporti tra la grande  azienda e la città, da un imprescindibile condizione di equilibrio. Dando pertanto  mandato al Sindaco, affinché sondi tutte le possibilità giuridicamente sostenibili al fine di porre rimedio alla  menomazione in diritto che tale transazione ha causato alla città di Monfalcone e alle sue vittime dell'amianto, ripristinando quell'essenziale fattore di vicinanza tra Amministrazione e cittadino ....".
La questione, come è noto, riguarda la transazione amianto avvenuta a pochi giorni dalla sentenza che ha visto il Comune di Monfalcone ritirarsi da parte civile dopo essersi costituito, maturando un normale accordo economico, che ha ovviamente determinato un putiferio mandando in frantumi ogni questione morale, ben tenendo conto che l'amianto a Monfalcone è un dramma che continua e che tra Gorizia e Trieste vi è la più alta concentrazione mondiale  di mesoteliomi.
Come si legge nel bando prodotto dal Comune di Monfalcone "Tra gli obiettivi dell’Amministrazione Comunale appena insediata, vi è l’approfondimento delle  tematiche sull’amianto e, in particolare, sulla cd. transazione amianto intervenuta nell’estate del 2015 tra Comune di Monfalcone e Fincantieri SpA e avente per oggetto la conclusione dei procedimenti penali, relativi alle patologie asbesto correlate, nell’ambito nei quali il Comune si era costituito parte civile. L’Amministrazione Com. le è interessata a ottenere un parere legale scritto in merito all'intervenuta  transazione amianto tra Comune di Monfalcone e Fincantieri S.p.A. tendente a verificare tutte le  possibilità giuridicamente sostenibili al fine di porre agli effetti dell’intervenuta transazione. Al fine di dare attuazione a tali disposizioni, si pubblica il presente avviso di manifestazione  d’interesse per il conferimento di un incarico di consulenza, il cui importo viene preventivamente fissato in € 1.000,00 lorde e omnicomprensive di Cassa Previdenziale, IVA e ritenuta di acconto. Si evidenzia che l'importo pari a Euro 1.000,00 è determinato in misura fissa omnicomprensiva e  non sarà oggetto di offerta da parte dei partecipanti, né di valutazione." Non essendo stato reso pubblico il testo dell'accordo, è difficile in via specifica comprendere se sussistano o meno possibilità per sancirne l'annullamento o nullità, in via generale quello che si può dire è che i paletti sembrano essere molto ristretti, se non giuridicamente insuperabili. Ma le associazioni che si occupano della problematica amianto sono state coinvolte in tale faccenda? Comunque è il caso di segnalare che chiunque interessato può rivolgersi al Comune di Monfalcone Ufficio Affari Giuridici e Città Mandamento Viale S. Marco, 9  0481/494302 e l’avviso può essere inoltre visionato sul sito internet del Comune di Monfalcone www.comune.monfalcone.go.it

Marco Barone
 

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Gorizia si vuole chiudere la Commissione Territoriale? Bene. Allora chiudiamo anche Prefettura,Questura e Tribunale

Le Commissioni Territoriali sono gli organi deputati all’esame delle domande di protezione internazionale ed ospitare una simile struttura dovrebbe essere un grande onore vista la delicatezza e l'importanza delle questioni che tende ad affrontare. Ma a Gorizia non è così. E' stata percepita come un fastidio e dunque depotenziata. E' ovvio che se una città ospita una simile struttura vedrà una maggiore concentrazione di richiedenti asilo. Non è che scelgono Gorizia perchè è come Londra, Parigi o Berlino, visto che Gorizia non è neanche l'ombra di queste capitali. Ma per necessità. Una città che non si è mai strutturata per gestire tale situazione dove l'omissione di soccorso nei confronti dei migranti è diventata la normalità, dove si è abusato del sistema del volontariato. La politica dell'accoglienza diffusa è clamorosamente fallita nell'Isontino, anche per deboli ed inconsistenti politiche provinciali in materia ed anche regionali.  Eppure quella dell…