Passa ai contenuti principali

Dietro il fascista più ingenuo c'erano crimini, dietro il partigiano più cattivo c'era un mondo di libertà


Nella serata del 12 aprile a Staranzano  Marta Cuscunà, artista e partigiana dei nostri tempi, ha letto diverse lettere partigiane,  dove si toccavano vari aspetti, e tutte unite da un solo filo, umanità e libertà. I partigiani ancora in vita sono pochissimi e noi abbiamo ancora oggi la fortuna di poter conoscere e convivere con un pezzo fondamentale di storia della nostra Repubblica, del nostro tempo. Quando non ci saranno più, andrà via con loro l'ultimo respiro partigiano, ma rimarrà con noi la libertà che hanno conquistato. Tra i vari passaggi ha colpito molto un messaggio lasciato da un partigiano che può essere succintamente riassunto in questo modo: 

Dietro il fascista più ingenuo c'erano crimini, dietro il partigiano più cattivo c'era un mondo di libertà

Ed è assolutamente vero. Perchè anche dietro il fascista più ingenuo o buono o meno fascistizzato che vi potesse essere, questo faceva parte di un sistema profondamente criminale, delinquenziale, dalle deportazioni, alla pulizia etnica. Gli italiani hanno dovuto subire due decenni di soprusi e barbarie, sono stati trasportati in una guerra catastrofica che ha profondamente menomato l'Italia ma che tramite il complesso e profondo processo della resistenza ha ritrovato il proprio riscatto. Un riscatto doloroso. Piazzale Loreto è stato il simbolo di tutto ciò. Il popolo si è sfogato contro il dittatore ed i gerarchi fascisti, si è vendicato nello stesso luogo ove vennero fucilati quindici partigiani. Vennero  i corpi appesi a testa in giù alla pensilina del distributore di benzina per essere sottratti alla furia del popolo milanese ed anche per essere visti. E' stata anche una conseguenza della mitologia del corpo come costruita dal regime fascista. Nessuno dirà mai che tutti i partigiani fossero degli angeli. Come si poteva essere angeli nell'inferno della guerra? Ma l'atto più impietoso compiuto da qualche partigiano od accaduto nel corso della resistenza, oltre ad essere un nulla rispetto a due decenni di dittatura fascista e successiva occupazione nazista, dietro aveva un mondo diverso, un mondo di libertà, di umanità. Un mondo dove le donne hanno conosciuto per la prima volta la parità dei diritti, un mondo dove popoli divisi dall'odio fascista, come sloveni, croati ed italiani, si uniranno. Un mondo che porterà a scrivere i principi fondamentali della nostra Costituzione, ed il contributo dato dalla Resistenza soprattutto nel Confine Orientale è stato determinante per la sconfitta del nazifascismo e per conseguire non la Costituzione più bella del mondo, ma certamente una delle più avanzate e soprattutto per segnare la via di quella Europa unita nelle diversità che i nazionalismi di oggi, come quelli di ieri, minano quotidianamente. E' questa la differenza sostanziale. E le operazioni di chi va a caccia di crimini compiuti da partigiani, che avrebbero come fine quello di paragonare alcuni partigiani, alcune forme di resistenza ai nazifascisti, sono fallimentari e ridicole fin dall'origine, perchè quello che ne segnava la sostanziale differenza era ciò che si aveva alle spalle ed il futuro che si voleva costruire. Due mondi opposti, incompatibili, inconciliabili e che si sono fatti la guerra ed in questa guerra chi ha perso è stato il nazifascismo e non poteva che essere così, contro l'ideale di libertà, uguaglianza e fratellanza, e queste non sono parole, non è noiosa retorica, ma una semplice rappresentazione della realtà fattuale.


Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Con i confini della giusta sconfitta di Caporetto l'Italia oggi si fermerebbe a Treviso

Dal dannunzianesimo in poi, passando per retoriche risorgimentali estremizzate, irredentismi radicali, simulati patriottismi, l'Italia decise di aggredire l'Impero Austro Ungarico, occupando terre non italiane, anche se forse si poteva pur parlare l'italiano, anche se prevalentemente si parlavano dialetti locali oltre ovviamente allo sloveno, il tedesco, il friulano. Dove vi potevano essere radici latine, risalenti anche all'Impero Romano, ma non è che ovunque l'Impero Romano mise piede era da considerarsi Italia, perchè allora dovrebbero rivendicare anche l'Azerbaigian, senza dimenticare che l'Italia si formerà come Stato unitario poi solo nel 1861. Audacia, tenacia, scippati dalla terra contadini, ragazzi, famiglie senza più i loro figli, mandati a morire nel nome del niente. Arroganza, gestione criminale del conflitto, per conquistare fazzoletti di terra che ancora oggi si sentono poco italiani, perchè l'Italia è giovane, l'Italia unita si è fat…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Trieste chiude la libreria indipendente IN DER TAT, Davide questa volta ha perso contro Golia

"IN DER TAT“, prendendo in prestito un concetto che il filosofo Hegel riferiva alla cultura, significa in atto, in evoluzione. E’ per questo motivo che l’abbiamo scelto come nome per la nostra libreria, proprio perché pensiamo alla cultura come qualcosa in continuo mutamento(...)". Questo è quello che leggi nel sito di questa libreria, situata nella zona Cavana di Trieste, non più un bordello ottocentesco, ma un rione oramai destinato ad essere fashion, riqualificato, perfetto, una vetrina nella vetrina di Trieste, che ha snaturato la sua storia, che forse viene ricordata dalla statua di Svevo, niente di più. Una libreria che ha segnato per anni ed anni la storia di questo rione, un punto di riferimento culturale, sociale per triestini e non, appuntamenti di gran rilievo, dibattiti e confronti su più materie, i libri prendevano forma, vita attraverso anche gli incontri, le relazioni. Una libreria relazionale. Con il vecchio libraio o vecchia libraia, non per questione ana…