Passa ai contenuti principali

Dietro il fascista più ingenuo c'erano crimini, dietro il partigiano più cattivo c'era un mondo di libertà


Nella serata del 12 aprile a Staranzano  Marta Cuscunà, artista e partigiana dei nostri tempi, ha letto diverse lettere partigiane,  dove si toccavano vari aspetti, e tutte unite da un solo filo, umanità e libertà. I partigiani ancora in vita sono pochissimi e noi abbiamo ancora oggi la fortuna di poter conoscere e convivere con un pezzo fondamentale di storia della nostra Repubblica, del nostro tempo. Quando non ci saranno più, andrà via con loro l'ultimo respiro partigiano, ma rimarrà con noi la libertà che hanno conquistato. Tra i vari passaggi ha colpito molto un messaggio lasciato da un partigiano che può essere succintamente riassunto in questo modo: 

Dietro il fascista più ingenuo c'erano crimini, dietro il partigiano più cattivo c'era un mondo di libertà

Ed è assolutamente vero. Perchè anche dietro il fascista più ingenuo o buono o meno fascistizzato che vi potesse essere, questo faceva parte di un sistema profondamente criminale, delinquenziale, dalle deportazioni, alla pulizia etnica. Gli italiani hanno dovuto subire due decenni di soprusi e barbarie, sono stati trasportati in una guerra catastrofica che ha profondamente menomato l'Italia ma che tramite il complesso e profondo processo della resistenza ha ritrovato il proprio riscatto. Un riscatto doloroso. Piazzale Loreto è stato il simbolo di tutto ciò. Il popolo si è sfogato contro il dittatore ed i gerarchi fascisti, si è vendicato nello stesso luogo ove vennero fucilati quindici partigiani. Vennero  i corpi appesi a testa in giù alla pensilina del distributore di benzina per essere sottratti alla furia del popolo milanese ed anche per essere visti. E' stata anche una conseguenza della mitologia del corpo come costruita dal regime fascista. Nessuno dirà mai che tutti i partigiani fossero degli angeli. Come si poteva essere angeli nell'inferno della guerra? Ma l'atto più impietoso compiuto da qualche partigiano od accaduto nel corso della resistenza, oltre ad essere un nulla rispetto a due decenni di dittatura fascista e successiva occupazione nazista, dietro aveva un mondo diverso, un mondo di libertà, di umanità. Un mondo dove le donne hanno conosciuto per la prima volta la parità dei diritti, un mondo dove popoli divisi dall'odio fascista, come sloveni, croati ed italiani, si uniranno. Un mondo che porterà a scrivere i principi fondamentali della nostra Costituzione, ed il contributo dato dalla Resistenza soprattutto nel Confine Orientale è stato determinante per la sconfitta del nazifascismo e per conseguire non la Costituzione più bella del mondo, ma certamente una delle più avanzate e soprattutto per segnare la via di quella Europa unita nelle diversità che i nazionalismi di oggi, come quelli di ieri, minano quotidianamente. E' questa la differenza sostanziale. E le operazioni di chi va a caccia di crimini compiuti da partigiani, che avrebbero come fine quello di paragonare alcuni partigiani, alcune forme di resistenza ai nazifascisti, sono fallimentari e ridicole fin dall'origine, perchè quello che ne segnava la sostanziale differenza era ciò che si aveva alle spalle ed il futuro che si voleva costruire. Due mondi opposti, incompatibili, inconciliabili e che si sono fatti la guerra ed in questa guerra chi ha perso è stato il nazifascismo e non poteva che essere così, contro l'ideale di libertà, uguaglianza e fratellanza, e queste non sono parole, non è noiosa retorica, ma una semplice rappresentazione della realtà fattuale.


Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Nova Gorica interrompa i rapporti con Gorizia

Non è la prima volta e non sarà forse neanche l'ultima volta che Gorizia e l'Italia dovranno vivere un sabato nero. Ricevere certi nostalgici è un qualcosa di veramente incomprensibile che continua a trovare spazio e legittimazione in una zona di confine come questa che ha conosciuto più che altrove le barbarie compiute soprattutto contro gli sloveni. Non è un caso che anche Gorizia ha avuto il suo Narodni dom. Il 4 novembre del 1926, sei anni dopo l'incendio del Narodni dom,un manipolo di fascisti, festeggiando la Celebrazione della vittoria, entrarono violentemente nelle sale del Trgovski Dom, gettando in cortile libri, mobili, oggetti, tutto quello che si poteva gettare venne gettato via fino a costituire un mucchio da bruciare. E bruciarono libri, documenti, mobili,oggetti, simboli, bruciarono l'identità slovena, il riscatto sloveno, tra una folla di cittadini che osservava anche applaudendo ed inneggiando Viva l'Italia. E' inaccettabile che nella Repubbli…

Clara Petacci è stata violentata ?

Chi è Clara Petacci? Chi sono i Partigiani? Domande legittime, anzi doverose perchè le nuove generazioni non conoscono la storia, e quando leggi che per molti studenti tedeschi Hitler altro non era che un democratico, allora comprendi che quando si parla di tematiche calde e delicate che hanno segnato la storia del secolo scorso, non si deve mai dare nulla per scontato. Nella serata del 6 luglio 2012 Rai tre,conosciuto come canale di sinistra, oggi io direi sinistra sinistrata, ha trasmesso un programma storico interessante che riguardava la Marcia su Roma, la morte ed i misteri di Mussolini. Il programma era la Grande Storia. Ha voluto conferire una diversa visione della verità storica ufficiale conferendo grande credito a teorie sostenute specialmente dai nostalgici del fascismo. Certo la storia o meglio la verità storica per essere tale non dovrebbe essere politicizzata, ma ciò è a dir poco impossibile visto il funzionamento della società. Ieri sera mi son voluto mettere nei panni di un …

Crisi Eaton Monfalcone un fronte unico per mantenere lo stabilimento

Nel consiglio comunale straordinario di Monfalcone, convocato per la questione Eaton, sono emerse con estrema chiarezza alcuni punti fermi per i lavoratori, forse non molto fermi per una certa politica. E' emerso con evidenza la necessità di essere tutti uniti, che ognuno faccia il proprio dovere nei limiti delle proprie possibilità e funzioni, perchè a Monfalcone la "crisi" Eaton intendendosi per crisi la scelta unilaterale aziendale di chiudere baracca per andare altrove, è effettivamente un qualcosa che ancora non è stato forse compreso bene da tutti dove può portare.  Quando si dice che oltre 200 famiglie andranno in condizione di povertà, di precarietà totale, che si aggiungeranno già ad altre migliaia di famiglie senza lavoro, in una provincia maglia nera per l'occupazione, quale quella goriziana, significa dire che la situazione effettivamente ha delle potenzialità implosive ed esplosive sociali enormi. Quella fabbrica ha una storia di lotte importanti nel m…