Passa ai contenuti principali

Duino ed il caso della comunità senegalese "mouride": squilibrio sociale? Una enorme cavolata

In Friuli Venezia Giulia ultimamente vi sono stati alcuni episodi che lasciano sconcertati. Penso alla questione dei "fuori convenzione" in materia di richiedenti asilo a Gorizia, al caso di Aquilinia, ed ora, seppur su una questione diversa alla incresciosa vicenda di Duino. In questa e difficile regione, per anni probabilmente ci si è sciacquati la bocca con il collutorio del cosmopolitismo, della Mitteleuropa, concetti, che se intesi in modo rigido, comporterebbero una idea di integrazione solo in chiave rigorosamente centro-europea, gli altri, i diversi, non sarebbero ben accetti, collutorio che aveva lo scopo di spazzare via dalla bocca germi nocivi per l'integrazione, per la solidarietà umana, ma solo per quella selettiva, scelta sulla base di criteri di vicinanza e similitudine culturale. Questo collutorio ha prodotto disastri, da un certo punto di vista, e dall'altro creato un mito che in FVG non esiste più, perchè paure e concetti di conservazione e tradizione rischiano di sfiorare quella linea sottile che divide il razzismo, da una diversa tolleranza. Colpisce il fatto che a Duino un terzo della popolazione abbia detto no all'iniziativa della comunità senegalese "mouride" di realizzare un luogo di culto, o culturale nell'area dell'ex mobilificio Arcobaleno. Ci si deve domandare i rimanenti due terzi cosa ne pensano di tutto ciò. Premesso che nelle regole del libero mercato se un bene è messo in vendita chiunque ha disponibilità è libero di comprare quello che vuole e fare quello che vuole purché rispettoso della normativa esistente in materia, e così è ad oggi per la questione dell'ex mobilificio.

Ma il fatto che il cuore della petizione, scritta in bilingue, sia quello di un paventato rischio di uno squilibrio sociale, è un qualcosa che non ha alcun senso. Anzi, quel centro potrebbe essere un motivo di vanto per Duino vista anche la storica presenza del Collegio del Mondo Unito, e la conferma del suo spirito di internazionalità. Sorvolando sulla questione religiosa, che non mi interessa, perchè ognuno è libero di credere in quello che vuole e professare la religione che vuole, si dovrebbe forse vedere quanto accaduto a Pontevico, piccolo Comune in provincia di Brescia che addirittura celebra in in veste laica il «beato» mouridista Cheik Amadou Bamba. Scelta attuata tra le altre cose da un Sindaco di centrodestra. E come emerge in rete, la presenza del centro culturale senegalese mouride ha dato un carattere importante di internazionalità a Pontevico, è stato visitato dal premier del Senegal, dal capo spirituale discendente da Bamba, e quel centro non ha creato alcun problema di convivenza, anzi è stata anche una ricchezza per l'indotto economico. Ed i numeri dei frequentatori di quel posto sono dieci volte superiori a quelli previsti in tutto il FVG. E si tratta di una religione che ha contrastato la radice più radicale della fede mussulmana. La presenza della comunità senegalese, sulla base di quale criterio logico, razionale, e non istintivo, potrebbe indebolire se non distruggere o seriamente compromettere le specificità di Duino? E la sua storia? Ma stiamo scherzando? E' una barzelletta? Forse è mancato del dialogo, forse è il caso di dialogare, tra le rispettive comunità, di conoscersi reciprocamente, di ascoltarsi, di confrontarsi sulle eventuali problematiche "viarie" e logistiche, che possono sempre trovare una giusta soluzione, prima di alzare preventivamente barricate di stampo pregiudiziale. Si deve comprendere tutti che si vive in una società di oltre 7 miliardi di persone e che si deve accogliere a porte aperte la condivisione culturale e storica e le diverse tradizioni, oppure il chiudersi in piccoli recinti, per difendere le proprie "radici" non avrà altro effetto che determinare un mero isolamento per creare l'isola più infelice del mondo.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Il pranzo sociale dell’ANPI di Ronchi ( foto) sotto il segno dell’antifascismo e dei ricordi

Riuscito e partecipato il pranzo sociale organizzato dall’ANPI di Ronchi presso l'accogliente agriturismo Mazzuchin di Vermegliano a pochi passi dalla suggestiva chiesetta di Santo Stefano e durato per buona parte del pomeriggio del 16 dicembre. Quasi un centinaio i partecipanti, dove sotto il segno della musica, partigiana e popolare, balli e ricordi, senza dimenticare l'immancabile lotteria curata con una passione unica dalla solita ed immancabile ed unica Angela, si è consumato un momento conviviale oramai tradizionale. Non sono mancati i momenti di confronto e di riflessione, con i messaggi e gli spunti offerti sia dal Presidente provinciale dell’ANPI di Gorizia, Pironi che dalla Presidente dell’ANPI di Ronchi, Cuzzi.

Il segretario Martinuzzi ha ricordato tutta l’attività svolta dall’ANPI di Ronchi, dai pellegrinaggi laici organizzati nei luoghi della resistenza in Slovenia, ai gemellaggi storici, agli incontri con le scuole, agli appuntamenti del 25 aprile e 2 giugno, a…