Passa ai contenuti principali

Senza titolo



Cerchi nel silenzio il dialogo con i tuoi pensieri. Ogni cosa, ogni frangente, ogni dimensione, ha un suo perché. Osservi, e pensi. Siamo esseri pensanti, razionali. Senza saperlo sei l’arena ideale per il conflitto galante ma doloroso ed immortale tra Dioniso ed Apollo. Paesi, borghi e città, campagne ed oasi di solitudine, nella costante, di quel pensiero, che va, senza sapere dove andare. Perché un nuovo oggetto o soggetto interrompe il prima, per un dopo, che non conosce presenza e presente.Siamo una moltitudine di pensieri, che trovano anima e sostanza nel nostro corpo. Pensieri e sentimenti, ratio ed umore. Può splendere il più bel sole sul nostro piccolo ma immenso globo, ed essere triste, può scatenarsi il diluvio biblico, ed essere felice. Non sempre si è in armonia con la natura. Tutto è relativo nell'assoluto dell'ignoto. Ma sentimenti e pensieri vengono divorati dall’alta voracità di questo tempo. Tempo senza dimensione. Regola inventata per dare un senso a ciò che un senso non ha e neanche direzione. Un tempo vi erano le cabine telefoniche, od il vecchio telefono a cornetta nelle proprie dimore, poi arrivarono i primi piccoli giganti, chiamati cellulari, da uso elitario, divennero di uso collettivo, per perdere lentamente la loro funzione, parlare. Smartphone, iPhone per divenire semplicemente luoghi di connessione, senza proferir verbo alcuno, connect people nella grande rete, che è internet. Eppure cellulare, riporta alla mente il furgone ad uso della Polizia Penitenziaria per il trasporto dei detenuti. La rete, la rete con la quale si viene imprigionati, si cattura la propria preda. Paradossalmente ciò che per lungo ed immemore tempo ha connotato la fine della libertà, oggi determinerebbe l’inizio di una infinita libertà. Ma è solo una simulazione. Perché nel nome della comodità, della moda, della indispensabilità abbiamo ceduto la nostra più cara libertà, la vita intima personale, senza battere ciglio. Non esiste più intimità. Tutto è controllabile, tutto è controllato, da chi e da cosa, non è dato sapere, e mai lo si saprà, perché ciò che ti controlla non ha forma, è un grande Nessuno che con il cavallo di Troia del progresso, ha determinato il più immenso regresso della storia dell’uomo. Fantastichiamo ancora sull’ideale di quella brutale rivoluzione, che ha conosciuto più vittime tra i rivoluzionari che controrivoluzionari. Fratellanza, libertà, uguaglianza, utopia nella libertà di pensiero. Iniziarono con il progresso, poi con l’essere indispensabile, poi arrivarono le grandi spiate, le grandi censure preventive, ammazzare le bufale, nel fallimento della mente umana che non è più in grado, da sola, di discernere il vero dal falso, per arrivare al controllo dell’opinione e limitazione dell’obiezione accettata. Perché stiamo diventando un gregge consapevolmente ignorante. Arriverà il momento in cui l’uomo dimenticherà la scrittura tradizionale, nell'epoca dove tutto è“tastierizzato”, tutto è sintesi, sintesi dell’umanità, sintesi del pensiero, sintesi della follia, e del sentimento. E quell’arena ideale per il conflitto galante tra Dioniso ed Apollo, diventerà polvere spazzata via nel nulla, perché ci stiamo annullando e forse questo è quello che desideriamo. Non pessimismo, ma realismo, realismo leopardiano, si dirà. La salvezza dell'umanità passerà dalla nostalgia, perchè fin quando vi sarà nostalgia, vi sarà emozione. Non vi è stata epoca ove l'uomo non sia stato nostalgico di un qualcosa che non potrà tornare, l'insoddisfazione è una condizione tipica della natura umana. La salvezza passerà dal dialogo, dalla solitudine condivisa, dalla carta e dalla penna, e nel silenzio dove ancora sarà possibile pensare, per reagire.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…