Passa ai contenuti principali

Senza titolo



Cerchi nel silenzio il dialogo con i tuoi pensieri. Ogni cosa, ogni frangente, ogni dimensione, ha un suo perché. Osservi, e pensi. Siamo esseri pensanti, razionali. Senza saperlo sei l’arena ideale per il conflitto galante ma doloroso ed immortale tra Dioniso ed Apollo. Paesi, borghi e città, campagne ed oasi di solitudine, nella costante, di quel pensiero, che va, senza sapere dove andare. Perché un nuovo oggetto o soggetto interrompe il prima, per un dopo, che non conosce presenza e presente.Siamo una moltitudine di pensieri, che trovano anima e sostanza nel nostro corpo. Pensieri e sentimenti, ratio ed umore. Può splendere il più bel sole sul nostro piccolo ma immenso globo, ed essere triste, può scatenarsi il diluvio biblico, ed essere felice. Non sempre si è in armonia con la natura. Tutto è relativo nell'assoluto dell'ignoto. Ma sentimenti e pensieri vengono divorati dall’alta voracità di questo tempo. Tempo senza dimensione. Regola inventata per dare un senso a ciò che un senso non ha e neanche direzione. Un tempo vi erano le cabine telefoniche, od il vecchio telefono a cornetta nelle proprie dimore, poi arrivarono i primi piccoli giganti, chiamati cellulari, da uso elitario, divennero di uso collettivo, per perdere lentamente la loro funzione, parlare. Smartphone, iPhone per divenire semplicemente luoghi di connessione, senza proferir verbo alcuno, connect people nella grande rete, che è internet. Eppure cellulare, riporta alla mente il furgone ad uso della Polizia Penitenziaria per il trasporto dei detenuti. La rete, la rete con la quale si viene imprigionati, si cattura la propria preda. Paradossalmente ciò che per lungo ed immemore tempo ha connotato la fine della libertà, oggi determinerebbe l’inizio di una infinita libertà. Ma è solo una simulazione. Perché nel nome della comodità, della moda, della indispensabilità abbiamo ceduto la nostra più cara libertà, la vita intima personale, senza battere ciglio. Non esiste più intimità. Tutto è controllabile, tutto è controllato, da chi e da cosa, non è dato sapere, e mai lo si saprà, perché ciò che ti controlla non ha forma, è un grande Nessuno che con il cavallo di Troia del progresso, ha determinato il più immenso regresso della storia dell’uomo. Fantastichiamo ancora sull’ideale di quella brutale rivoluzione, che ha conosciuto più vittime tra i rivoluzionari che controrivoluzionari. Fratellanza, libertà, uguaglianza, utopia nella libertà di pensiero. Iniziarono con il progresso, poi con l’essere indispensabile, poi arrivarono le grandi spiate, le grandi censure preventive, ammazzare le bufale, nel fallimento della mente umana che non è più in grado, da sola, di discernere il vero dal falso, per arrivare al controllo dell’opinione e limitazione dell’obiezione accettata. Perché stiamo diventando un gregge consapevolmente ignorante. Arriverà il momento in cui l’uomo dimenticherà la scrittura tradizionale, nell'epoca dove tutto è“tastierizzato”, tutto è sintesi, sintesi dell’umanità, sintesi del pensiero, sintesi della follia, e del sentimento. E quell’arena ideale per il conflitto galante tra Dioniso ed Apollo, diventerà polvere spazzata via nel nulla, perché ci stiamo annullando e forse questo è quello che desideriamo. Non pessimismo, ma realismo, realismo leopardiano, si dirà. La salvezza dell'umanità passerà dalla nostalgia, perchè fin quando vi sarà nostalgia, vi sarà emozione. Non vi è stata epoca ove l'uomo non sia stato nostalgico di un qualcosa che non potrà tornare, l'insoddisfazione è una condizione tipica della natura umana. La salvezza passerà dal dialogo, dalla solitudine condivisa, dalla carta e dalla penna, e nel silenzio dove ancora sarà possibile pensare, per reagire.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Gorizia si vuole chiudere la Commissione Territoriale? Bene. Allora chiudiamo anche Prefettura,Questura e Tribunale

Le Commissioni Territoriali sono gli organi deputati all’esame delle domande di protezione internazionale ed ospitare una simile struttura dovrebbe essere un grande onore vista la delicatezza e l'importanza delle questioni che tende ad affrontare. Ma a Gorizia non è così. E' stata percepita come un fastidio e dunque depotenziata. E' ovvio che se una città ospita una simile struttura vedrà una maggiore concentrazione di richiedenti asilo. Non è che scelgono Gorizia perchè è come Londra, Parigi o Berlino, visto che Gorizia non è neanche l'ombra di queste capitali. Ma per necessità. Una città che non si è mai strutturata per gestire tale situazione dove l'omissione di soccorso nei confronti dei migranti è diventata la normalità, dove si è abusato del sistema del volontariato. La politica dell'accoglienza diffusa è clamorosamente fallita nell'Isontino, anche per deboli ed inconsistenti politiche provinciali in materia ed anche regionali.  Eppure quella dell…