Passa ai contenuti principali

L'ossessione razzista contro i migranti dal Wi Fi alle panchine,dal lavoro al far niente. A quando i campi di sterminio?

Esiste una ossessione, una psicosi collettiva, un senso di fastidio, di cattiveria, di odio, di intolleranza, che ha un solo nome e cognome, razzismo. E' inutile ricordare che l'Italia così come tutti i Paesi del mondo, ha sempre e dico sempre vissuto di immigrazione ed emigrazione. Ma il particolarismo nella difesa dell'autoctono come entità divina, pura, è diventata la priorità nelle priorità, il monte Olimpo da difendere dall'invasione di essere inferiori. Anche se respirano nello stesso modo, anche se il sangue è dello stesso colore, per differenziare il primato nella stupidaggine collettiva, un bel dì qualcuno si è inventato la razza nella razza umana. "Negri", "musi gialli" ecc, considerati come parassiti della società, esseri squallidi, da annientare. Per non parlare dell'essere "frocio","zingaro", "terrone". Non son bastati i campi di sterminio nazisti, non son bastate guerre, colonialismo, schiavismo, per insegnare all'essere umano che in questo mondo siamo tutti uguali, che le razze non esistono. No. Paure, ignoranza, crisi della società che aveva promesso benessere collettivo, ed ha solo determinato diseguaglianze profonde sociali ed economiche, fattori eterogenei che messi insieme hanno prodotto il mostro del razzismo. Nella modernizzazione della società e del linguaggio il concetto di razza è stato superato da quello di etnia, il razzismo da xenofobia, ma cambia poco, il succo amaro è sempre lo stesso. E lo continuiamo a vedere quotidianamente nei nostri luoghi, nelle nostre città. Nostre, non nel senso di proprietà, ma nel senso di luogo vissuto. Nostre pur non essendo nostre, ma di chiunque voglia viverle. Ma quello che molti tardano a comprendere è che quando si esaurirà il razzismo nei confronti dei migranti, non è che i problemi saranno venuti meno. Il popolino avrà sempre bisogno di uno sfogo su cui accanirsi, e dopo i migranti si ritornerà indietro, per difendere sempre il particolarismo all'ennesima potenza, e dunque sarà facile immaginare che si ritornerà ad odiare nuovamente i "terroni", ad esempio. Odio mai sparito, pregiudizi mai spariti, ma solo superati, per ora, dalla situazione che ben conosciamo. E si assiste a situazioni folli. Se un migrante usa il WI FI, per connettersi con il suo mondo di provenienza, o per fare i cazzi suoi come chiunque, il WI FI andrà chiuso, se prendono i mezzi pubblici, questi andranno fermati, se usano le panchine, queste vanno eliminate, se lavorano, non dovranno lavorare perchè lo tolgono agli italiani, se non lavorano, sono un problema per la società perchè non si può tollerare il loro non far niente nel non far niente globale.  Se delinque, è un delinquente cento volte peggiore dell'autoctono. I migranti son diventati un nemico facile da colpire, su cui accanirsi, perchè nella fragilità e debolezza collettiva, è più facile prendersela con il più debole, con l'ultimo degli ultimi, che contrastare il sistema. Il razzismo è anche un prodotto di quella vigliaccheria e debolezza sociale che acceca totalmente il miope ignorante.  Diciamolo pure, se potessero aprire i campi di concentramento, lo farebbero senza pensarci due volte. Se potessero aprire i campi di sterminio, lo farebbero senza pensarci due volte. La società finge di commuoversi quando questi sventurati crepano come bestie nel Mediterraneo o chissà dove. Lacrime per spolverarsi la coscienza nella colpevolezza globale. Ma quando il prossimo obiettivo della società sarà il razzista a cosa si appellerà? Nessuno lo difenderà, perchè non ci sarà più nessuno, perchè rimarranno solo una marea nauseabonda di razzisti che si mangeranno tra di loro, cannibali di esseri umani.

Marco Barone

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Se la tutela del decoro diventa questione di sicurezza urbana e rischia di criminalizzare il disagio sociale. Breve analisi del testo normativo

E' in fase di conversione in legge il decreto-legge 20 febbraio 2017, n. 14,  recante disposizioni urgenti in materia di sicurezza delle città. Un testo che ha introdotto il famigerato " DASPO Urbano" un testo che tende a ricondurre il concetto di decoro, che non è tipizzato e di cui non esiste una mera definizione giuridica e sostanziale omogenea e consolidata, sotto la voce di sicurezza urbana nel momento in cui si afferma che  " ai fini del presente decreto, si intende per sicurezza urbana il bene pubblico che afferisce alla vivibilità e al decoro delle città". Dunque il decoro della città diviene una questione legalitaria di sicurezza urbana, ergo di ordine pubblico. Ma contro chi si scaglierà questo dettato normativo? Mi soffermerò ora su alcuni elementi di questo decreto in fase di conversione. L'articolo 9 afferma che "Fatto salvo quanto previsto dalla vigente normativa a tutela delle aree interne delle infrastrutture, fisse e mobili, ferroviar…

Quali sono i comportamenti vietati a Trieste?

Quali sono i comportamenti vietati a Trieste?  Scopriamolo con il nuovo regolamento  urbano" che entrerà in vigore in città a partire dal 2 aprile 2017.  
Testo scritto rigorosamente ed esclusivamente in italiano, perchè il bilinguismo a Trieste è un non diritto. Disposizioni che dovranno conoscere anche coloro che si troveranno a Trieste di passaggio, per evitare che magari possano incorrere in qualche spiacevole sanzione. Buona lettura, magari con un sano bicchierino di amaro digestivo alle erbe.
***A salvaguardia e tutela degli spazi ed aree pubbliche ricadenti nel territorio del Comune è vietato: nelle fontane introdursi ed introdurre sostanze liquide imbrattanti, abbeverare ed introdurre animali, utilizzare o prelevare l’acqua, bagnarsi, estrarre o comunque raccogliere le monete o altri oggetti di valore gettati dai proprietari, in omaggio a tradizioni e consuetudini locali, in quanto tali oggetti devono intendersi acquisiti dal Comune con effetto immediato per essere dest…

Se a Venezia si può fare l'elemosina e dormire sulle panchine, a Trieste nel nome del decoro no se pol

Trieste e Venezia, concorrenti forse da sempre, due amanti che si corteggiano, ma si respingono a vicenda, quando nella società odierna l'unica soluzione possibile sarebbe collaborazione. Venezia non necessita di presentazione alcuna, è una cartolina meravigliosa, invasa da milioni di turisti. A Venezia ci sono regole rigide da rispettare per preservare l'intero ambiente e continue battaglie per salvare la laguna contro ogni tipo di inquinamento. Ma una cosa che colpisce è che per i tanti vicoli del centro è facilissimo incontrare diversi mendicanti, e per il centro, su qualche panchina, vedere qualche vagabondo, riposare, dormire e vivere i suoi sogni in santa pace.  


Nulla di strano, perchè vagabondi e mendicanti son sempre esistiti, son sempre sopravvissuti e sempre esisteranno e sempre sopravviveranno. Ed i turisti non sembrano proprio per niente essere infastiditi. Anzi, forse neanche ci fanno caso. Perchè la bellezza di Venezia cala un sipario che rende queste persone a…