Passa ai contenuti principali

L'ossessione razzista contro i migranti dal Wi Fi alle panchine,dal lavoro al far niente. A quando i campi di sterminio?

Esiste una ossessione, una psicosi collettiva, un senso di fastidio, di cattiveria, di odio, di intolleranza, che ha un solo nome e cognome, razzismo. E' inutile ricordare che l'Italia così come tutti i Paesi del mondo, ha sempre e dico sempre vissuto di immigrazione ed emigrazione. Ma il particolarismo nella difesa dell'autoctono come entità divina, pura, è diventata la priorità nelle priorità, il monte Olimpo da difendere dall'invasione di essere inferiori. Anche se respirano nello stesso modo, anche se il sangue è dello stesso colore, per differenziare il primato nella stupidaggine collettiva, un bel dì qualcuno si è inventato la razza nella razza umana. "Negri", "musi gialli" ecc, considerati come parassiti della società, esseri squallidi, da annientare. Per non parlare dell'essere "frocio","zingaro", "terrone". Non son bastati i campi di sterminio nazisti, non son bastate guerre, colonialismo, schiavismo, per insegnare all'essere umano che in questo mondo siamo tutti uguali, che le razze non esistono. No. Paure, ignoranza, crisi della società che aveva promesso benessere collettivo, ed ha solo determinato diseguaglianze profonde sociali ed economiche, fattori eterogenei che messi insieme hanno prodotto il mostro del razzismo. Nella modernizzazione della società e del linguaggio il concetto di razza è stato superato da quello di etnia, il razzismo da xenofobia, ma cambia poco, il succo amaro è sempre lo stesso. E lo continuiamo a vedere quotidianamente nei nostri luoghi, nelle nostre città. Nostre, non nel senso di proprietà, ma nel senso di luogo vissuto. Nostre pur non essendo nostre, ma di chiunque voglia viverle. Ma quello che molti tardano a comprendere è che quando si esaurirà il razzismo nei confronti dei migranti, non è che i problemi saranno venuti meno. Il popolino avrà sempre bisogno di uno sfogo su cui accanirsi, e dopo i migranti si ritornerà indietro, per difendere sempre il particolarismo all'ennesima potenza, e dunque sarà facile immaginare che si ritornerà ad odiare nuovamente i "terroni", ad esempio. Odio mai sparito, pregiudizi mai spariti, ma solo superati, per ora, dalla situazione che ben conosciamo. E si assiste a situazioni folli. Se un migrante usa il WI FI, per connettersi con il suo mondo di provenienza, o per fare i cazzi suoi come chiunque, il WI FI andrà chiuso, se prendono i mezzi pubblici, questi andranno fermati, se usano le panchine, queste vanno eliminate, se lavorano, non dovranno lavorare perchè lo tolgono agli italiani, se non lavorano, sono un problema per la società perchè non si può tollerare il loro non far niente nel non far niente globale.  Se delinque, è un delinquente cento volte peggiore dell'autoctono. I migranti son diventati un nemico facile da colpire, su cui accanirsi, perchè nella fragilità e debolezza collettiva, è più facile prendersela con il più debole, con l'ultimo degli ultimi, che contrastare il sistema. Il razzismo è anche un prodotto di quella vigliaccheria e debolezza sociale che acceca totalmente il miope ignorante.  Diciamolo pure, se potessero aprire i campi di concentramento, lo farebbero senza pensarci due volte. Se potessero aprire i campi di sterminio, lo farebbero senza pensarci due volte. La società finge di commuoversi quando questi sventurati crepano come bestie nel Mediterraneo o chissà dove. Lacrime per spolverarsi la coscienza nella colpevolezza globale. Ma quando il prossimo obiettivo della società sarà il razzista a cosa si appellerà? Nessuno lo difenderà, perchè non ci sarà più nessuno, perchè rimarranno solo una marea nauseabonda di razzisti che si mangeranno tra di loro, cannibali di esseri umani.

Marco Barone

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…