Passa ai contenuti principali

Una travolgente vittoria del no anche in FVG, ma si deve indagare sul senso di rabbia del "popolo"


Complessivamente con oltre 5 milioni 987 mila voti di differenza il no ha travolto il sì, all’estero ha vinto il sì con 722 mila voti ma sono stati inutili,tanto che quando oramai il quadro era chiaro del voto dell'italiano all'estero non ha più interessato nessuno. E' stato un voto che ha punito il Governo, uno certamente dei più antipatici, e meno tollerati anche da "sinistra", che ha trasportato direttamente e definitivamente(?) il PD nel mondo della destra, che ha realizzato riforme, come quella sulla scuola, che ha visto uno sciopero di quasi l'80% del personale, la demolizione dell'articolo 18 e tante altre cose che hanno trovato l'apice con non una riforma ma con un testo che innovava profondamente la Costituzione. Ma non è stato questo un voto solo sulla riforma costituzionale, perchè sono tanti i casi di persone che non hanno capito niente di questa riforma, è stato un voto politico, la responsabilità è stata del Governo e del PD, e le conseguenze le paga il Paese ed ha rischiato di pagarle la Costituzione, che comunque non è la più bella del mondo, ma la meno applicata nei suoi principi fondamentali. Si è realizzata la vendetta dei rottamati, molti dei quali inizialmente sostennero il sì alla riforma e poi hanno cambiato fronte. Guardando al FVG ed ai Comuni principali, il no ha avuto il risultato più alto a Lignano, per arrivare complessivamente ad un no regionale pari al 61% di poco superiore alla media nazionale. Personalmente sono contento per il no, ho sostenuto il no, ma non mi sento di dover festeggiare.
Perché, al momento, chi politicamente rischia di maturare un diretto beneficio da questo risultato è la destra in tutte le sue varianti, inclusi i 5stelle, in un contesto storico ove il mondo va a destra, grazie anche ad una sinistra governativa che ha emulato la destra nei peggiori dei modi, e comunque senza l'apporto determinante dell'ANPI, del sindacalismo di sinistra, dell'opposizione nel PD, la vittoria del no sarebbe stata impossibile contro una riforma destra, in linea con quella del 2006. Insomma in linea di massima è stato uno scontro tra due destre all'interno del Paese, con una sinistra di base che ha operato principalmente per la tutela della Costituzione che è stata usata da parte del PD come terreno di scontro politico per i propri regolamenti di conti. Avrà delle ripercussioni anche in FVG tale risultato? In questo momento al PD non conviene andare ad elezioni anticipate né in Italia né in FVG. Ma ora in tante realtà si scateneranno diversi piccoli 8 settembre, tante piccole situazioni devastanti di guerra civile politica. Pasolini disse che "Quelli che hanno cambiato la storia non sono stati né i cortigiani né gli assistenti dei cardinali ma chi ha saputo dire no". Ed un no, in Italia, nonostante la politica dei bonus di questo Governo, hanno sancito in questo 4 dicembre un cambiamento di rotta importante anche a livello di questione etica e morale ma non so ancora bene se sia stato realmente preparato lo sfratto al bacio di Giuda in un Paese profondamente corrotto come il nostro e quando il popolo può far sentire la propria voce, in modo decisivo, punisce quando prova un grande sentimento di rabbia ed irritazione, ed è su ciò che si deve indagare, su questo sentimento di rabbia ed irritazione diffusa nel Paese ove le diseguaglianze sono elevate e la globalizzazione ha prodotto solo disastri anche con la complicità di una certa "sinistra" governativa.
Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto