Passa ai contenuti principali

Una travolgente vittoria del no anche in FVG, ma si deve indagare sul senso di rabbia del "popolo"


Complessivamente con oltre 5 milioni 987 mila voti di differenza il no ha travolto il sì, all’estero ha vinto il sì con 722 mila voti ma sono stati inutili,tanto che quando oramai il quadro era chiaro del voto dell'italiano all'estero non ha più interessato nessuno. E' stato un voto che ha punito il Governo, uno certamente dei più antipatici, e meno tollerati anche da "sinistra", che ha trasportato direttamente e definitivamente(?) il PD nel mondo della destra, che ha realizzato riforme, come quella sulla scuola, che ha visto uno sciopero di quasi l'80% del personale, la demolizione dell'articolo 18 e tante altre cose che hanno trovato l'apice con non una riforma ma con un testo che innovava profondamente la Costituzione. Ma non è stato questo un voto solo sulla riforma costituzionale, perchè sono tanti i casi di persone che non hanno capito niente di questa riforma, è stato un voto politico, la responsabilità è stata del Governo e del PD, e le conseguenze le paga il Paese ed ha rischiato di pagarle la Costituzione, che comunque non è la più bella del mondo, ma la meno applicata nei suoi principi fondamentali. Si è realizzata la vendetta dei rottamati, molti dei quali inizialmente sostennero il sì alla riforma e poi hanno cambiato fronte. Guardando al FVG ed ai Comuni principali, il no ha avuto il risultato più alto a Lignano, per arrivare complessivamente ad un no regionale pari al 61% di poco superiore alla media nazionale. Personalmente sono contento per il no, ho sostenuto il no, ma non mi sento di dover festeggiare.
Perché, al momento, chi politicamente rischia di maturare un diretto beneficio da questo risultato è la destra in tutte le sue varianti, inclusi i 5stelle, in un contesto storico ove il mondo va a destra, grazie anche ad una sinistra governativa che ha emulato la destra nei peggiori dei modi, e comunque senza l'apporto determinante dell'ANPI, del sindacalismo di sinistra, dell'opposizione nel PD, la vittoria del no sarebbe stata impossibile contro una riforma destra, in linea con quella del 2006. Insomma in linea di massima è stato uno scontro tra due destre all'interno del Paese, con una sinistra di base che ha operato principalmente per la tutela della Costituzione che è stata usata da parte del PD come terreno di scontro politico per i propri regolamenti di conti. Avrà delle ripercussioni anche in FVG tale risultato? In questo momento al PD non conviene andare ad elezioni anticipate né in Italia né in FVG. Ma ora in tante realtà si scateneranno diversi piccoli 8 settembre, tante piccole situazioni devastanti di guerra civile politica. Pasolini disse che "Quelli che hanno cambiato la storia non sono stati né i cortigiani né gli assistenti dei cardinali ma chi ha saputo dire no". Ed un no, in Italia, nonostante la politica dei bonus di questo Governo, hanno sancito in questo 4 dicembre un cambiamento di rotta importante anche a livello di questione etica e morale ma non so ancora bene se sia stato realmente preparato lo sfratto al bacio di Giuda in un Paese profondamente corrotto come il nostro e quando il popolo può far sentire la propria voce, in modo decisivo, punisce quando prova un grande sentimento di rabbia ed irritazione, ed è su ciò che si deve indagare, su questo sentimento di rabbia ed irritazione diffusa nel Paese ove le diseguaglianze sono elevate e la globalizzazione ha prodotto solo disastri anche con la complicità di una certa "sinistra" governativa.
Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …