Passa ai contenuti principali

Una travolgente vittoria del no anche in FVG, ma si deve indagare sul senso di rabbia del "popolo"


Complessivamente con oltre 5 milioni 987 mila voti di differenza il no ha travolto il sì, all’estero ha vinto il sì con 722 mila voti ma sono stati inutili,tanto che quando oramai il quadro era chiaro del voto dell'italiano all'estero non ha più interessato nessuno. E' stato un voto che ha punito il Governo, uno certamente dei più antipatici, e meno tollerati anche da "sinistra", che ha trasportato direttamente e definitivamente(?) il PD nel mondo della destra, che ha realizzato riforme, come quella sulla scuola, che ha visto uno sciopero di quasi l'80% del personale, la demolizione dell'articolo 18 e tante altre cose che hanno trovato l'apice con non una riforma ma con un testo che innovava profondamente la Costituzione. Ma non è stato questo un voto solo sulla riforma costituzionale, perchè sono tanti i casi di persone che non hanno capito niente di questa riforma, è stato un voto politico, la responsabilità è stata del Governo e del PD, e le conseguenze le paga il Paese ed ha rischiato di pagarle la Costituzione, che comunque non è la più bella del mondo, ma la meno applicata nei suoi principi fondamentali. Si è realizzata la vendetta dei rottamati, molti dei quali inizialmente sostennero il sì alla riforma e poi hanno cambiato fronte. Guardando al FVG ed ai Comuni principali, il no ha avuto il risultato più alto a Lignano, per arrivare complessivamente ad un no regionale pari al 61% di poco superiore alla media nazionale. Personalmente sono contento per il no, ho sostenuto il no, ma non mi sento di dover festeggiare.
Perché, al momento, chi politicamente rischia di maturare un diretto beneficio da questo risultato è la destra in tutte le sue varianti, inclusi i 5stelle, in un contesto storico ove il mondo va a destra, grazie anche ad una sinistra governativa che ha emulato la destra nei peggiori dei modi, e comunque senza l'apporto determinante dell'ANPI, del sindacalismo di sinistra, dell'opposizione nel PD, la vittoria del no sarebbe stata impossibile contro una riforma destra, in linea con quella del 2006. Insomma in linea di massima è stato uno scontro tra due destre all'interno del Paese, con una sinistra di base che ha operato principalmente per la tutela della Costituzione che è stata usata da parte del PD come terreno di scontro politico per i propri regolamenti di conti. Avrà delle ripercussioni anche in FVG tale risultato? In questo momento al PD non conviene andare ad elezioni anticipate né in Italia né in FVG. Ma ora in tante realtà si scateneranno diversi piccoli 8 settembre, tante piccole situazioni devastanti di guerra civile politica. Pasolini disse che "Quelli che hanno cambiato la storia non sono stati né i cortigiani né gli assistenti dei cardinali ma chi ha saputo dire no". Ed un no, in Italia, nonostante la politica dei bonus di questo Governo, hanno sancito in questo 4 dicembre un cambiamento di rotta importante anche a livello di questione etica e morale ma non so ancora bene se sia stato realmente preparato lo sfratto al bacio di Giuda in un Paese profondamente corrotto come il nostro e quando il popolo può far sentire la propria voce, in modo decisivo, punisce quando prova un grande sentimento di rabbia ed irritazione, ed è su ciò che si deve indagare, su questo sentimento di rabbia ed irritazione diffusa nel Paese ove le diseguaglianze sono elevate e la globalizzazione ha prodotto solo disastri anche con la complicità di una certa "sinistra" governativa.
Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…