Passa ai contenuti principali

L'Italia è un piccolo grande paese,bello e possibile,ma ce lo meritiamo? Il vero made in Italy non è per tutti




Quando i turisti giungono nel nostro Paese, non cercano sempre le solite location, le solite città, le solite Roma, Milano, Napoli o Firenze o Palermo, o Venezia, cercano in tantissimi casi quella vera Italia, che forse neanche gli italiani conoscono più di tanto. L'Italia dei paesi, delle strade dei sapori, del vino, l'Italia dei piccoli borghi. Piccoli luoghi di culto, diffusi, dove in un niente puoi perderti nelle distese cristalline di un lago e pochi minuti dopo, avvolto in una fitta nebbia, in un borghetto d'Italia, uno dei tanti gioielli di questo Paese, che attendendo la terza repubblica, nella sopravvivenza della seconda, vede ritornare la prima, e se continuiamo di questo passo, rischia di ritornare la monarchia. Si avanza nell'omologazione che ci sta distruggendo, perchè non è uguaglianza sociale, si avanza nel progresso, e si regredisce nelle dinamiche sociali e nei diritti, ed anche la bellezza ne
risente, ahimè. Luoghi dove regna il vero made in Italy, ma ad altro prezzo, perchè l'originale ha un costo e non più per tutti. Ecco, questo è quello che in gran linea sta accadendo in Italia, a causa della globalizzazione sfrenata, delle multinazionali, il made in Italy commerciale è un marchio, il cui prodotto può essere anche realizzato all'estero, dove la manodopera costa poco, ma oramai visti i diritti dei lavoratori come sussistenti in Italia, a breve forse ritorneranno a produrre qui, ed il made in Italy, puro, quello che non trovi nelle catene commerciali, nei grandi magazzini, che arriva direttamente dalla tua terra, dal tuo paese, diventa roba se non da ricchi, sicuramente elitaria, accessibile a pochi, perchè la qualità si paga, ha un prezzo. Vivevamo in un Paese ove eravamo avvolti dalla qualità, abbondava da tutte le parti, in ogni angolo, tanta abbondanza, che poi, a causa di regole suicide, per la nostra economia, di mercato, son diventate l'estremo. Le arance  non vengono più raccolte, le olive idem e così via dicendo, lì ove vi erano le campagne si afferma il business di questo nuovo millennio, proprio del capitalismo naturale, l'energia alternativa, ed il cibo, i nostri prodotti tipici, da tipici son diventati una tipicità rara e costosa e non per tutti e sicuramente non per le tasche di tutti gli italiani. Abbiamo distrutto il nostro Paese, seguendo la politica delle grandi ed inutili opere, grandi mercati, grande tutto, in un Paese la cui forza è sempre stato il piccolo, la sua bellezza originale il piccolo, un piccolo che resiste, certo, ma ad un prezzo molto oneroso. Quello che mi domando, ma noi, questa Italia, un piccolo ma grande paese, bello e possibile, ce lo meritiamo? Abbiamo ereditato una storia pazzesca, che il mondo intero si può sognare, non ci manca nulla, ma ci comportiamo,spesso, come se vivessimo nel nulla.

Ed intanto gli italiani continuano a fuggire da questa miniera d'oro.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Ballottaggio Gorizia: cultura- dalla memoria condivisa (del Pd) a Nova Gorica e Gorizia capitale della cultura (per la destra)

Secondo appuntamento, in vista del ballottaggio, sul confronto tra i programmi elettorali, per Gorizia, tra quello a sostegno di Ziberna( destra) e di  Collini ( Pd più altre liste). Ora è il momento della cultura.  Cosa prevede il programma a sostegno di Ziberna?
Guardiamo gli aspetti più rilevanti.  Si sostiene la candidatura di  Nova Gorica e Gorizia a capitale europea della cultura. Si propone l'iniziativa "Adottiamo un palazzo", rivolto al recupero di edifici storici in degrado. Si sostengono iniziative con tutti gli operatori economici e altri partner del Sistema Gorizia, come la Cciaa e la Fondazione CaRiGo. Sarà inserita in bilancio una cifra per la promozione. Si guarda anche alla musica "della scena alternativa pop, rock, rap, elettronica, organizzate in collaborazione con le realtà associative del territorio. Concerti, danza, opera lirica e performance trasformeranno piazze e luoghi pubblici e locali in palcoscenici sotto le stelle."  Si insist…

Maturità e Caproni, dal Duce meglio di Dante al suo ruolo nella resistenza, tutto ignorato nella breve biografia

Caproni chi? Avranno pensato molti studenti. Per l'ennesima volta all'esame di maturità si propongono temi ed autori che a scuola nella quasi totalità dei casi non vengono studiati. E questo è un problema serio che ancora oggi non si riesce a superare. Probabilmente chi sceglie i temi per la maturità vorrebbe svolgere un ruolo da impulso per andare oltre i programmi canonici che nella maggior parte dei casi si fermano alle prime vicende della seconda guerra mondiale. Quella di Giorgio Caproni è una scelta difficile, ma anche un personaggio complesso. Nella biografia che accompagna il testo della prova di maturità cosa è stato scritto?  "Giorgio Caproni nacque a Livorno nel 1912. A dieci anni si trasferì con la famiglia a Genova, che considerò sempre la sua vera città e dove visse fino  al 1938. Dopo studi musicali e due anni di università, a partire dal 1935 si dedicò alla professione di maestro elementare. Nel 1939 fu chiamato alle armi e combatté sul fronte occidentale…