Passa ai contenuti principali

L'Italia è un piccolo grande paese,bello e possibile,ma ce lo meritiamo? Il vero made in Italy non è per tutti




Quando i turisti giungono nel nostro Paese, non cercano sempre le solite location, le solite città, le solite Roma, Milano, Napoli o Firenze o Palermo, o Venezia, cercano in tantissimi casi quella vera Italia, che forse neanche gli italiani conoscono più di tanto. L'Italia dei paesi, delle strade dei sapori, del vino, l'Italia dei piccoli borghi. Piccoli luoghi di culto, diffusi, dove in un niente puoi perderti nelle distese cristalline di un lago e pochi minuti dopo, avvolto in una fitta nebbia, in un borghetto d'Italia, uno dei tanti gioielli di questo Paese, che attendendo la terza repubblica, nella sopravvivenza della seconda, vede ritornare la prima, e se continuiamo di questo passo, rischia di ritornare la monarchia. Si avanza nell'omologazione che ci sta distruggendo, perchè non è uguaglianza sociale, si avanza nel progresso, e si regredisce nelle dinamiche sociali e nei diritti, ed anche la bellezza ne
risente, ahimè. Luoghi dove regna il vero made in Italy, ma ad altro prezzo, perchè l'originale ha un costo e non più per tutti. Ecco, questo è quello che in gran linea sta accadendo in Italia, a causa della globalizzazione sfrenata, delle multinazionali, il made in Italy commerciale è un marchio, il cui prodotto può essere anche realizzato all'estero, dove la manodopera costa poco, ma oramai visti i diritti dei lavoratori come sussistenti in Italia, a breve forse ritorneranno a produrre qui, ed il made in Italy, puro, quello che non trovi nelle catene commerciali, nei grandi magazzini, che arriva direttamente dalla tua terra, dal tuo paese, diventa roba se non da ricchi, sicuramente elitaria, accessibile a pochi, perchè la qualità si paga, ha un prezzo. Vivevamo in un Paese ove eravamo avvolti dalla qualità, abbondava da tutte le parti, in ogni angolo, tanta abbondanza, che poi, a causa di regole suicide, per la nostra economia, di mercato, son diventate l'estremo. Le arance  non vengono più raccolte, le olive idem e così via dicendo, lì ove vi erano le campagne si afferma il business di questo nuovo millennio, proprio del capitalismo naturale, l'energia alternativa, ed il cibo, i nostri prodotti tipici, da tipici son diventati una tipicità rara e costosa e non per tutti e sicuramente non per le tasche di tutti gli italiani. Abbiamo distrutto il nostro Paese, seguendo la politica delle grandi ed inutili opere, grandi mercati, grande tutto, in un Paese la cui forza è sempre stato il piccolo, la sua bellezza originale il piccolo, un piccolo che resiste, certo, ma ad un prezzo molto oneroso. Quello che mi domando, ma noi, questa Italia, un piccolo ma grande paese, bello e possibile, ce lo meritiamo? Abbiamo ereditato una storia pazzesca, che il mondo intero si può sognare, non ci manca nulla, ma ci comportiamo,spesso, come se vivessimo nel nulla.

Ed intanto gli italiani continuano a fuggire da questa miniera d'oro.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Ma se in Friuli Venezia Giulia si votasse per diventare Stato indipendente,cosa vincerebbe?

Se c'è una regione dove l'Italia ed il sentirsi italiano ha veramente preso poco, questa è certamente il Friuli Venezia Giulia. Non è l'unica in Italia, basta pensare alla Sardegna, al Trentino-Alto Adige, alla Sicilia, al Veneto, ma se si facesse qualche analisi più approfondita forse la maggior parte delle regioni italiane si sentono poco italiane. Il Friuli Venezia Giulia ha conseguito il suo stato di autonomia grazie al plurilinguismo, dal friulano, allo sloveno, al tedesco, e poi vi sono diversi dialetti, dal bisiaco, al triestino ecc. Una terra che nel corso della sua storia ha conosciuto diversi domini, diverse appartenenze, alcune profonde come quella con la Repubblica Veneta, o l'Impero Austroungarico, altre di passaggio e da un secolo oramai vi è l'Italia. Che si è presentata nei peggiori dei modi fin dall'origine, perchè il nome dell'Italia è coinciso con la fascistizzazione di questa area, con tutte le brutalità che ne sono conseguite, e sarà s…

Attraversando Pordenone (foto)

E' necessario produrre una filmografia sulla resistenza e realizzare musei sulla sua storia

I tempi son mutati ed è di fondamentale importanza, per non rischiare di essere sommersi dall'ignoranza, dal revisionismo storico, dall'indifferenza,  trasmettere i valori della resistenza anche attraverso strumenti e mezzi che ad oggi per ragioni a dire il vero incomprensibili sono stati poco utilizzati. Libertà, uguaglianza, fratellanza, pace, riscatto morale ed etico del nostro Paese, internazionalismo, diritti dei lavoratori, diritti delle donne, diritti civili, ovvero antinazifascismo. Concetti che quotidianamente vengono sistematicamente e metodicamente messi in discussione. E' vitale, per la memoria umana storica attivarsi in ogni ovunque per promuovere una filmografia sulla nostra resistenza, necessità che viene espressa non solo da storici, ma anche da scrittori, registi, e cittadini, nonché promuovere spazi museali affinché si possano raggiungere con maggiore facilità e coinvolgimento, anche emotivo e fisico, le nuove generazioni. Esistono musei di ogni tipo in …