Passa ai contenuti principali

La maggior parte dei referendum in Italia hanno sempre diviso, il Governo non ha il compito di unire il Paese ( per fortuna)

Una delle tante cavolate che capita di leggere in giro in questo periodo è che questo Governo ha avuto la colpa di spaccare il Paese, o che i Governi dovrebbero unire il Paese. Se qualcuno vuole il partito della nazione od una sorta di partito fascista in chiave 2.0, nulla da eccepire ( in un sistema che non ha mai abbandonato il sentimento fascista). Ma nella democrazia i governi non devono e non possono unire il Paese, salvo che non vi siano situazioni emergenziali come calamità naturali, e lo stesso discorso vale per le consultazioni referendarie. In Italia, con questo del 4 dicembre 2016, vi sono stati 72 referendum. E si può ben dire che sono più quelli che hanno diviso il Paese nel loro risultato che quelli che hanno unito. Certo, si obietterà, ma questa è una riforma costituzionale. Nel 2001 ha vinto il sì con il 64% dei voti, e 34% dei votanti, nel 2006 ha vinto il no con il 61 % dei votanti con il 52% circa dell'elettorato attivo. E si trattava di due referendum costituzionali. E quello del 2006 era molto simile a quello del 2016. Non ci si deve dimenticare che la riforma di cui al referendum del 4 dicembre è di impulso governativo, e questa cosa è aberrante, senza che poi abbia avuto alcun tipo di mandato a procedere in tal senso. Ma vi sono stati due anni di discussioni in Parlamento e molti di quelli che per opportunismo e capriccio politico si son schierati per il no, l'avevano ben sostenuta e votata questa riforma. Così come non deve stupire il venir meno della separazione tra potere esecutivo e legislativo, in casi eccezionali, come previsti nella riforma. Per decenni, destra e sinistra governativa, hanno abusato del sistema della fiducia e dei decreti legge. Ed i disegni di legge sono spesso di impulso governativo ed i decreti attuativi sono governativi. Dunque, sostanzialmente questa separazione era venuta meno da tempo, certo con la riforma la si legittima dal punto di vista costituzionale. In quella Costituzione che non è la più bella del mondo, non lo è mai stata, ma è sicuramente la meno applicata nei suoi punti vitali e fondamentali, e certamente è quella che più si apre a contraddizioni ed interpretazioni che ne consentano, spesso, il raggiro o meglio l'affermazione volta ad assecondare i poteri forti di questa società o specifici interessi.  Io sono contrario a procedere con una Assemblea Costituente, oggi. Con chi cavolo la si deve fare? Visto il quadro politico del Paese?  Con i qualunquisti dei 5stelle? Con la lega nord? Con Forza Italia? Con il Pd? Con Fratelli d'Italia? Con chi?
Poi se uno vive su Marte è legittimato a sostenere tutto quello che vuole e ci mancherebbe. Le utopie sono ammesse, ma la realtà è più dura e beffarda. Comunque vada dopo il 4 dicembre politicamente non sarà più nulla come prima, per il resto i problemi del Paese saranno sempre gli stessi, strade bucate, frane, case terremotate, disoccupazione alle stelle, minoranza maltrattate, intolleranza e razzismo che crescono, diseguaglianze strutturali, con la politica della modernità a passo di gambero che continua. Più si avanza nel progresso, più si ritorna indietro nei diritti civili e sociali e nelle libertà. E la corda si sta spezzando.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

Monfalcone e razzismo contro un cingalese: "Che cojoni 'sti bacoli di merda i se anca qua!"

I casi di razzismo sono in aumento, ma in aumento sono anche le segnalazioni, le denunce, il muro non tanto dell'indifferenza, che ahimè esiste, ma quello del timore o della fatica di prendere carta e penna od una tastiera per denunciare crolla. Un segnale in tal senso è emerso con forza con la nota lettera pubblicata sul Piccolo di Trieste che ho ripreso sia sul blog che su facebook. La tematica del razzismo è importante, e colpisce quando accade in una città che si considera aperta come Trieste e quando viene colpito lo sloveno, che nel corso della storia ha subito da queste parti una mera operazione di "bonifica etnica". Non si tratta di casi isolati, come alcuni commenti hanno sottolineato, " e comunque ne ho sentite altre di questo genere, non è il solo caso" e vi è chi ha ricordato anche il  proprio passato "Mi ricordo e mi rattristo ancora ...ho avuto una simile (peggiore) esperienza quando ero alle superiori. Due ragazze e tutto l'autobus …

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …