Passa ai contenuti principali

Il 4 dicembre si è dato uno schiaffo al decisionismo, ma se continuiamo così ritorna la Monarchia

Nel giorno in cui la Repubblica popolare cinese ha adottato la sua costituzione, nel giorno dei funerali di Fidel Castro, nel giorno in cui i Led Zeppelin annunciano lo scioglimento del loro gruppo, in Italia, nel 2016, si è dato uno schiaffo alla politica del decisionismo sinistro. Si è registrato un qualcosa di epocale, a livello di sberla, tutta l'antipatia che è riuscita a capitalizzare intorno alla sua figura in neanche tre anni Renzi, non ci è riuscito neanche Berlusconi in vent'anni. Personalismi, l'uomo solo al comando, decisionismo. Ma questo decisionismo è stato punito, in modo severo dal popolo italiano, che ha detto no ad una riforma che innovava profondamente la Costituzione, ma soprattutto ha detto no a questo modo di fare politica. Nel Paese regna la stanchezza, la rabbia, l'incazzatura, l'intolleranza. La situazione, dal punto di vista politico, è già esplosa. La contaminazione a livello sociale sarà inevitabile ed inarrestabile. Ma quello che impressiona, è che non solo non emerge alcuna autocritica, e che i passi indietro sono strumentali ad un rilancio, ma che probabilmente non si è compreso cosa realmente accade in Italia, cosa bolle in pentola. Bersani,in una delle sue battute, che fanno certamente concorrenza a Grillo, che non fa più ridere, disse che non si può mettere la camicia di forza ad una pentola a pressione. Ma qui è quello che si sta facendo. Giorno dopo giorno. Qualcosa è cambiato nel sentimento degli italiani, vi è stata una presa di consapevolezza importante, governa il passo del gambero, con l'inganno della modernità. Vecchie e nuove generazioni hanno trovato l'unione in quella frammentazione che è stata tentata in modo fallimentare inasprendo i rapporti sociali, in Italia. Pur di salvaguardare l'esistente, non si sa più a cosa appigliarsi il nostro sistema, e per dirla con una battuta lo schiaffo che è stato dato il 4 dicembre, è notevole, con quel referendum che avrebbe sancito il passaggio alla terza repubblica, nella contorta sopravvivenza della seconda, ha sancito il ritorno della prima, e se continuiamo di questo passo, vuoi vedere che ritorna la Monarchia? In una Repubblica nata sotto il segno dell'alta tensione proprio con il noto referendum dove scegliere se morire di Monarchia o gettarsi nell'incognita della Repubblica, dove tra brogli, cose non dette e tanto altro, giusto per gestire il tutto all'italiana e non fomentare incertezze  sono finite su chi l'ha visto le circa 1 milione e mezzo di schede bianche e nulle e per tagliare la testa al toro le schede votate sono state velocemente bruciate, creando un precedente storico a dir poco nebuloso. E già questo può ben spiegare quali sono state le basi della nostra Repubblica, a cui solo la Costituzione nei suoi principi fondamentali ha cercato di porre rimedio, ma che a distanza di decenni continuano ancora ad aspettare la piena applicazione.

Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Ogni estate il solito tormentone, docenti con due mesi di vacanza,ma è falso

Ogni estate il solito tormentone, e questo tormentone diventa una vera e propria ossessione contro una delle categorie lavorative che meriterebbero maggior rispetto e tutela in Italia, ma che a dirla tutta viene continuamente ridicolizzata. Parlo del corpo docente della scuola pubblica italiana.

I problemi della scuola italiana sono noti e la famigerata Legge 107 del 2015, nota come "buona scuola" ma diventata di dominio pubblico come cattiva scuola altro non ha fatto che peggiorare la situazione.  Una legge che ha registrato uno degli scioperi più importanti mai realizzati in Italia in tale comparto, una legge scritta contro la comunità scolastica, una legge che ha determinato un mero incremento pazzesco dei contenziosi in tutte le sedi. 

Il personale scolastico, nel suo complesso, è quello più corposo dell'intera Pubblica Amministrazione, con delle responsabilità sociali fondamentali per la nostra società. Un personale che vede il contratto fermo da dieci anni, con st…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Continuano i rapporti culturali ed economici con l'Egitto, affari aumentati del 30%,"rapporti bilaterali intensi"

Sul sito dell'Ambasciata italiana in Egitto si legge che "i rapporti bilaterali tra Italia ed Egitto sono intensi e spaziano dalla cooperazione politica (incontri, missioni, visite di stato, riunioni internazionali, ecc.), a quella economico-commerciale, dalla promozione della lingua e della cultura italiana, alle politiche di sostegno allo sviluppo e alla collaborazione nel campo della ricerca e della scienza."  Anche se come è noto a aprile 2016, in merito al tremendo caso di Giulio Regeni, la cui verità latita per i motivi ben noti ,veniva pubblicato sul sito dell'Ambasciata questo comunicato  " Il Ministro degli Affari Esteri, Paolo Gentiloni, ha disposto il richiamo a Roma per consultazioni dell'Ambasciatore al Cairo Maurizio Massari. La decisione fa seguito agli sviluppi delle indagini sul caso Regeni e in particolare alle riunioni svoltesi a Roma ieri e oggi tra i team investigativi italiano ed egiziano. In base a tali sviluppi si rende necessaria u…