Passa ai contenuti principali

Dal recinto sull'Isonzo di Gorizia alla testa di maiale al centro islamico di Monfalcone


L'Isonzo è il fiume con il colori più belli del mondo, dicono. Ed è vero. Ma questa bellezza non può essere per tutti. Son mesi e mesi che si è denunciata l'assoluta necessità di provvedere alla dovuta informazione e formazione nei confronti dei migranti sulla pericolosità di quel meraviglioso fiume. Già due le vittime, non dimentichiamolo. I cartelli dovrebbero essere in plurilingue, così come volantini informativi e formativi. Non può certamente nessuno pretendere la militarizzazione del fiume, delle rive. Così come la proposta del recinto di Gorizia, che simbolicamente si pone in armonia con il muro ungherese, austriaco, l'assurdo reticolato sloveno o croato. Una cazzata palliativa inutile, costosa e ridicola. Si è tutti concordi sul fatto che la situazione così non può più andare avanti, che non è tollerabile che ci siano ancora Comuni dormienti, che magari verranno svegliati dal pugno duro sbattuto sul tavolo dalla Prefettura, coinvolgendo, però la cittadinanza di riferimento. La normativa è dalla parte delle Istituzioni, basta applicarla. Ma questo non significa che nel mentre si verifica una concentrazione di migranti, di profughi, di richiedenti asilo nel tuo territorio, questi devono essere lasciati soli, abbandonati, senza prestare alcun minimo soccorso. Ed ancora una volta è il mondo del volontariato che interviene. Anche qui vi è una normativa chiara. Siamo sempre alle solite a Gorizia e non se ne può veramente più. E poi ripetiamo sempre le stesse cose. Una partita a ping pong che sembra non conoscere fine.
Se non fossimo sotto natale, verrebbe da dire che la proposta del recinto sembrerebbe uno scherzo, cattivo, di carnevale. Quel carnevale tanto amato da queste parti. Qualche minuto di distanza, nella vicina e concorrente Monfalcone, si realizza una intimidazione in pieno stile mafioso. Solo che i mafiosi utilizzano le teste mozzate di capretto, anche se è da segnalare che è spesso la 'ndrangheta ad usare la testa di maiale mozzata come gesto di intimidazione, come minaccia di morte, e come invito all'omertà, ed al centro islamico di Monfalcone è stata usata quella di maiale, e non poteva essere altrimenti, perchè lo scopo era punire e colpire e denigrare i mussulmani ed i bengalesi.
Monfalcone e Gorizia, due centri anonimi, poco noti nel resto d'Italia, tanto che una volta ho sentito dire, con le mie orecchie, che Gorizia è vicino Milano e Monfalcone in Austria, ma che vivono, probabilmente, per diversi motivi, la peggiore fase della loro storia, da quando esiste la Repubblica italiana. D'altronde il tutto è in armonia con quel mondo nel quale viviamo, dove odio, intolleranza, cattiveria, miseria umana e voglia di spararsi l'uno con l'altro è sempre una costante in continuo aumento. Effetti collaterali di una globalizzazione disastrosa.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Nova Gorica interrompa i rapporti con Gorizia

Non è la prima volta e non sarà forse neanche l'ultima volta che Gorizia e l'Italia dovranno vivere un sabato nero. Ricevere certi nostalgici è un qualcosa di veramente incomprensibile che continua a trovare spazio e legittimazione in una zona di confine come questa che ha conosciuto più che altrove le barbarie compiute soprattutto contro gli sloveni. Non è un caso che anche Gorizia ha avuto il suo Narodni dom. Il 4 novembre del 1926, sei anni dopo l'incendio del Narodni dom,un manipolo di fascisti, festeggiando la Celebrazione della vittoria, entrarono violentemente nelle sale del Trgovski Dom, gettando in cortile libri, mobili, oggetti, tutto quello che si poteva gettare venne gettato via fino a costituire un mucchio da bruciare. E bruciarono libri, documenti, mobili,oggetti, simboli, bruciarono l'identità slovena, il riscatto sloveno, tra una folla di cittadini che osservava anche applaudendo ed inneggiando Viva l'Italia. E' inaccettabile che nella Repubbli…

Clara Petacci è stata violentata ?

Chi è Clara Petacci? Chi sono i Partigiani? Domande legittime, anzi doverose perchè le nuove generazioni non conoscono la storia, e quando leggi che per molti studenti tedeschi Hitler altro non era che un democratico, allora comprendi che quando si parla di tematiche calde e delicate che hanno segnato la storia del secolo scorso, non si deve mai dare nulla per scontato. Nella serata del 6 luglio 2012 Rai tre,conosciuto come canale di sinistra, oggi io direi sinistra sinistrata, ha trasmesso un programma storico interessante che riguardava la Marcia su Roma, la morte ed i misteri di Mussolini. Il programma era la Grande Storia. Ha voluto conferire una diversa visione della verità storica ufficiale conferendo grande credito a teorie sostenute specialmente dai nostalgici del fascismo. Certo la storia o meglio la verità storica per essere tale non dovrebbe essere politicizzata, ma ciò è a dir poco impossibile visto il funzionamento della società. Ieri sera mi son voluto mettere nei panni di un …

Crisi Eaton Monfalcone un fronte unico per mantenere lo stabilimento

Nel consiglio comunale straordinario di Monfalcone, convocato per la questione Eaton, sono emerse con estrema chiarezza alcuni punti fermi per i lavoratori, forse non molto fermi per una certa politica. E' emerso con evidenza la necessità di essere tutti uniti, che ognuno faccia il proprio dovere nei limiti delle proprie possibilità e funzioni, perchè a Monfalcone la "crisi" Eaton intendendosi per crisi la scelta unilaterale aziendale di chiudere baracca per andare altrove, è effettivamente un qualcosa che ancora non è stato forse compreso bene da tutti dove può portare.  Quando si dice che oltre 200 famiglie andranno in condizione di povertà, di precarietà totale, che si aggiungeranno già ad altre migliaia di famiglie senza lavoro, in una provincia maglia nera per l'occupazione, quale quella goriziana, significa dire che la situazione effettivamente ha delle potenzialità implosive ed esplosive sociali enormi. Quella fabbrica ha una storia di lotte importanti nel m…