Passa ai contenuti principali

Pasolini e se coloro che hanno cambiato la storia sono quelli che hanno saputo dire no


Ha colpito molto, nel film Pasolini il poeta maledetto, quanto affermato dal grande ed immenso poeta, ucciso brutalmente in quel litorale di Ostia divenuto noto ultimamente specialmente per la questione di "mafia capitale".  "Quelli che hanno cambiato la storia  non sono stati né i cortigiani né gli assistenti dei cardinali ma chi ha saputo dire no". Ed ha realmente ragione. La forza del no, della disobbedienza consapevole, del dissenso, del contrasto nei confronti di chi, protetto dallo scudo della propria arroganza, impone atti, decisioni, che sconvolgono non tanto il quieto vivere ma il bene comune. La forza del no è quella che ha determinato la resistenza, un no tramutato nel sì ai valori fondanti la rivoluzione francese, libertà, uguaglianza, fratellanza. Un no è quello che guida da oltre 25 anni la più importante lotta contro i poteri forti nel nostro disastrato Paese, quella No Tav, un no è quella forza che, giorno dopo giorno, porta nelle scuole i docenti a contrastare ( da qui la qualificazione contrastivi) i poteri "padronali" della "buona scuola", che minano la libertà d'insegnamento e la formazione di libere coscienze. 
Un no è la forza che nel Paese unisce le migliori anime, laicamente parlando, contro le mafie, dalla società civile, e parte delle Istituzioni, un no che si ribella anche nei confronti di chi ha abusato il termine ed il concetto antimafia per business e  per fungere da scivolo a favore della mafia stessa,  un no è quello che ha determinato la conquista dei diritti dei lavoratori, oggi massacrati, un no è ciò che ha determinato la forza per arrivare a lottare per i diritti civili, anche se in Italia, come ha ricordato la Commissione europea contro il razzismo, siamo in profondo ritardo, un no è il cuore della lotta continua per la libertà di stampa, in un Paese fondante l'Unione Europea che è nelle classifiche che contano in posti imbarazzanti. Perché imbarazzante è il nostro Paese, un Paese che crolla giorno dopo giorno, un Paese dove corruzione, malaffare, mafie e mancanza di laicità e mancanza di rispetto per il bene comune hanno portato al fallimento della nostra democrazia, in un Paese che sembra essere destinato inevitabilmente verso la catastrofe totale. E sarà il no del 4 dicembre probabilmente a segnare il fallimento di un progetto politico che nasce da lontano, dalle peggiori stanze della politica italiana ed internazionale, un no che porrà fine allo scontro generazionale ed invertirà la rotta affinché possa emergere la solidarietà generazionale. Il no è il meglio del Paese, anche se demonizzato e temuto, perchè dire no significa essere liberi da compromessi.
Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Togliatti: "tutte le campagne circa le persecuzioni degli italiani in Jugoslavia sono calunnie e menzogne"

Togliatti nella prima pagina dell'Unità del 7 novembre 1946, racconta il suo viaggio a Belgrado e l'incontro con il Maresciallo Tito. "Il Maresciallo Tito mi ha dichiarato di essere disposto a consentire che Trieste appartenga all'Italia, cioè sia sotto la Sovranità della Repubblica italiana qualora l'Italia consenta di lasciare Gorizia alla Jugoslavia, città che anche secondo i dati del nostro ministero degli esteri è in prevalenza slava. La sola condizione che il Maresciallo Tito pone è che Trieste riceva in seno alla Repubblica italiana uno statuto autonomo effettivamente democratico che permetta ai triestini di governare la loro città ed il loro territorio secondo principi democratici". Alla domanda, cosa pensava di questa proposta, Togliatti, rispose: io penso che è ora di smetterla di servirsi della questione triestina per seminare discordia tra due popoli i quali sono entrambi popoli di lavoratori che debbono collaborare nel modo più stretto allo scop…

Il concerto di Trieste per la sofferenza degli innocenti ed il discorso assurdo di Arguello al Family Day

Domenica 25 giugno, alle ore 20.30, piazza Unità d’Italia, ospiterà il concerto “La sofferenza degli innocenti”, organizzato da Diocesi, Comunità Ebraica e il Comune di Trieste. Si legge che "composta da Kiko Argüello, iniziatore del Cammino Neocatecumenale, l'opera sinfonico-catechetica presenta la sofferenza di una madre ebrea, Maria di Nazareth, che vede uccidere suo figlio, una sofferenza inaudita che le attraversa l'anima, una spada, un dolore assimilato a quello di ogni madre davanti alla morte dei propri figli, vittime innocenti in tanti campi di concentramento come Auschwitz, Majdanek, Mauthausen, Treblinka, Trieste." Tutti coloro che parteciperanno a quel concerto dovrebbero avere ben ferme nella mente le parole assurde pronunciate da Argüello nel suo discorso, al Family day del 2015 a Roma,  tra le altre cose applaudito, con uno striscione enorme alle spalle con scritto "stop gender nelle scuole". Una riflessione che nasce sul femminicidio e da un…