Passa ai contenuti principali

Non si deve festeggiare per la vittoria di Trump e neanche piangere per la batosta del clan Clinton

Dopo Trieste, Monfalcone, dopo Monfalcone un qualcosa di più grande, enorme. Gli americani son rimasti a Trieste sino al 26 ottobre del 1954, a Monfalcone fino alla metà di settembre del 1947. Certo, non è che hanno mai abbandonato la nostra regione. Aviano docet, come il cataclisma che si è rischiato con la vicenda delle mine atomiche contro i cattivi sovietici, senza dimenticarci Gladio.E come dimenticare la rinascita della mafia, con lo sbarco in Sicilia, grazie al modo di operare dei grandi, immensi, esportatori di democrazia a colpe di bombe? Che dove mettono piede fanno solo disastri? Dopo il muro di Berlino il mondo è piombato nella globalizzazione più sfrenata, che ha prodotto guerre, diseguaglianze, impoverimento. E la risposta è stata a tale eccesso sinistrato che ha tradito i valori della sinistra, sputtanandola in toto, il protezionismo, il nazionalismo. E' colpa della sinistra che ha emulato la destra, ed annientato la sinistra, se il mondo vira a destra. Alla brutta copia si preferisce l'originale. Alla politica della ragione prevale quella della pancia, perchè quella della ragione era nel torto, non era più dalla parte dei poveri e del ceto medio, tradendo ogni ratio di solidarietà, fratellanza ed uguaglianza, aprendo autostrade a soluzioni semplici, rapide e consone all'affermazione di fascismi e razzismi.
Non vi sarebbe stato un bel niente da festeggiare nel caso della vittoria del clan Clinton. E neanche con la vittoria di Trump, che personalmente insieme ad altri, pochi a dire il vero, avevamo previsto, od almeno non ci ha stupito. Il problema è che in questo caso è mancata la libertà d'informazione, con la I, da parte di buona parte della stampa. Hanno fatto propaganda per la Clinton, così facendo non hanno dato la possibilità alle persone comuni di farsi una idea diversa di quello che stava realmente accadendo. Buona parte della stampa parziale, anche in Italia, e l'effetto è aver presentato Trump come il disastro, la Clinton come il bene. Ma per carità. Entrambi erano e sono insostenibili. Si è parlato dei muri con il Messico. Ma quanti sono a conoscenza che in Messico esiste già un confine super controllato da migliaia di poliziotti di frontiera e protetto da una recinzione enorme? Certo, i muri sono i muri, il messaggio di Trump era chiaro, ma non aver ricordato ciò che già esiste, come se fosse tutto rosa e fiori, è un piccolo esempio che spiega bene come è maturata una visione distorta delle cose. E poi nessuno aveva voglia di un conflitto catastrofico con la Russia, cosa che la Clinton difficilmente avrebbe evitato. Già si sentiva una certa aria di guerra con la vittoria di quella donna. Ed è anche singolare che la sua vittoria sarebbe stata epocale, con il solito bla bla bla della prima donna alla guida USA. Ma fateci il piacere, molte donne non si son mica sentite rappresentate da lei, anzi. Il fallimento della sinistra è dovuto anche ad una classe dirigente, sia essa locale che non, guardando anche alle vicende di casa nostra, che ha distrutto l'idea di sinistra. Classe dirigente che deve farsi da parte, da subito. Il popolo di sinistra si astiene, non vota, perchè manca una sinistra degna di tal nome, manca una classe dirigente di tal nome, e quanto accaduto in USA è solo l'inizio di un ciclo che avrà delle ripercussioni anche in Italia. Temo che dopo Trieste, Monfalcone, la Caporetto del Pd( partito destro) nella ricorrenza della rivoluzione d'ottobre,  ed USA,  il 4 dicembre sarà il sì a rischiare di vincere, perchè? Perché è una riforma convintamente di destra. Ovviamente spero di sbagliarmi, almeno su questo.
Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …