Passa ai contenuti principali

Non si deve festeggiare per la vittoria di Trump e neanche piangere per la batosta del clan Clinton

Dopo Trieste, Monfalcone, dopo Monfalcone un qualcosa di più grande, enorme. Gli americani son rimasti a Trieste sino al 26 ottobre del 1954, a Monfalcone fino alla metà di settembre del 1947. Certo, non è che hanno mai abbandonato la nostra regione. Aviano docet, come il cataclisma che si è rischiato con la vicenda delle mine atomiche contro i cattivi sovietici, senza dimenticarci Gladio.E come dimenticare la rinascita della mafia, con lo sbarco in Sicilia, grazie al modo di operare dei grandi, immensi, esportatori di democrazia a colpe di bombe? Che dove mettono piede fanno solo disastri? Dopo il muro di Berlino il mondo è piombato nella globalizzazione più sfrenata, che ha prodotto guerre, diseguaglianze, impoverimento. E la risposta è stata a tale eccesso sinistrato che ha tradito i valori della sinistra, sputtanandola in toto, il protezionismo, il nazionalismo. E' colpa della sinistra che ha emulato la destra, ed annientato la sinistra, se il mondo vira a destra. Alla brutta copia si preferisce l'originale. Alla politica della ragione prevale quella della pancia, perchè quella della ragione era nel torto, non era più dalla parte dei poveri e del ceto medio, tradendo ogni ratio di solidarietà, fratellanza ed uguaglianza, aprendo autostrade a soluzioni semplici, rapide e consone all'affermazione di fascismi e razzismi.
Non vi sarebbe stato un bel niente da festeggiare nel caso della vittoria del clan Clinton. E neanche con la vittoria di Trump, che personalmente insieme ad altri, pochi a dire il vero, avevamo previsto, od almeno non ci ha stupito. Il problema è che in questo caso è mancata la libertà d'informazione, con la I, da parte di buona parte della stampa. Hanno fatto propaganda per la Clinton, così facendo non hanno dato la possibilità alle persone comuni di farsi una idea diversa di quello che stava realmente accadendo. Buona parte della stampa parziale, anche in Italia, e l'effetto è aver presentato Trump come il disastro, la Clinton come il bene. Ma per carità. Entrambi erano e sono insostenibili. Si è parlato dei muri con il Messico. Ma quanti sono a conoscenza che in Messico esiste già un confine super controllato da migliaia di poliziotti di frontiera e protetto da una recinzione enorme? Certo, i muri sono i muri, il messaggio di Trump era chiaro, ma non aver ricordato ciò che già esiste, come se fosse tutto rosa e fiori, è un piccolo esempio che spiega bene come è maturata una visione distorta delle cose. E poi nessuno aveva voglia di un conflitto catastrofico con la Russia, cosa che la Clinton difficilmente avrebbe evitato. Già si sentiva una certa aria di guerra con la vittoria di quella donna. Ed è anche singolare che la sua vittoria sarebbe stata epocale, con il solito bla bla bla della prima donna alla guida USA. Ma fateci il piacere, molte donne non si son mica sentite rappresentate da lei, anzi. Il fallimento della sinistra è dovuto anche ad una classe dirigente, sia essa locale che non, guardando anche alle vicende di casa nostra, che ha distrutto l'idea di sinistra. Classe dirigente che deve farsi da parte, da subito. Il popolo di sinistra si astiene, non vota, perchè manca una sinistra degna di tal nome, manca una classe dirigente di tal nome, e quanto accaduto in USA è solo l'inizio di un ciclo che avrà delle ripercussioni anche in Italia. Temo che dopo Trieste, Monfalcone, la Caporetto del Pd( partito destro) nella ricorrenza della rivoluzione d'ottobre,  ed USA,  il 4 dicembre sarà il sì a rischiare di vincere, perchè? Perché è una riforma convintamente di destra. Ovviamente spero di sbagliarmi, almeno su questo.
Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…