Passa ai contenuti principali

Monfalcone la Caporetto del PD nazionale, diventerà città securitaria ?Ecco quali ordinanze potranno arrivare

Monfalcone la Caporetto del PD nella ricorrenza della rivoluzione d'ottobre. E qui praticamente vi è tutto, tutto di un Partito che ha smesso di essere sinistra forse da quando è diventato PD, d'altronde si chiama partito democratico mica di sinistra. E poi l'attuale direttrice politica è evidente a tutti, Partito Destro. Ed a Monfalcone, rocca rossa, è crollato con un cazzotto madornale, non solo per errori politici locali, ben noti, ma anche perchè il PD è defunto ed il popolo di sinistra non vota né tale partito, né chi lo sostiene, vai con il PD vai a fondo. Certo, ci puoi finire anche senza il PD ma almeno sai di aver tracciato una linea eticamente e moralmente e politicamente più corretta.  L'astensione è stata enorme e l'attuale Sindaco di Monfalcone, della Lega Nord, governerà grazie ai voti di 6.642 persone su un totale di 10.879 votanti, ed il corpo elettorale complessivo è di 21. 271 cittadini. Quindi governa con poco più del 30% sul totale del corpo elettorale e 60% sul totale di chi si è recato al voto. Ciò per capire che Monfalcone non è una città che è andata a destra, ma che si è rifiutata di votare una certa sinistra e male per male politico ha scelto quello che ha reputato più consono e punitivo contro una certa sinistra che ha tradito la sinistra, ovvero non votare.
Questi dati serviranno a chi andrà governare  per capire che non potrà osare più di tanto?
Nel programma elettorale dei destri che governeranno Monfalcone si leggono diversi punti di un certo spessore securitario dai quali si può desumere quali ordinanze ed interventi arriveranno. Ma non su tutto. 
Ad esempio quando scrivono  Dopo il fallimento dei lavoratori a basso costo del Bangladesh, si sta oggi aprendo la via "romena", forse ancor più preoccupante per il nostro futuro." E come pensano di chiudere questa fantomatica via romena? Difficile creare reticolati alla slovena o muri all'ungherese. Vedremo.
Nei loro intenti vi è più telecamere, più luce, più grande fratello per tutti insomma. Infatti, la storia delle città hanno ben dimostrato quanto sono efficaci le telecamere. Irrisoria. Ma la gente comune si accontenta di poco pur di avere sonni tranquilli e convinti di vivere in una piccola fortezza. 
Ovviamente il decoro, santo patrono di ogni destra  o " sinistra" amministrazione, non potrà mica mancare. Arriveranno ordinanze contro l'accattonaggio, l'imbrattamento e degrado derivante da scritte e graffiti, la mendicità molesta, l'abusivismo commerciale, il disturbo della quiete pubblica, l'insediamento dei campi nomadi, il consumo di alcolici al di fuori degli spazi consentiti". Prendete respiro. Nulla di nuovo, alcune misure del genere sono già state attuate dalla precedente amministrazione. 
Si colpiranno le soste e campeggi  in aree pubbliche non autorizzate. Ma non dovrebbero essere già sanzionate a prescindere?
Vi sarà una sorveglianza per "stanare", sì, hanno scritto proprio stanare, come fossero talpe da andare a cercare casa per casa, le occupazioni abusive, ed arriverà anche il  controllo  notturno delle residenze e del sovraffollamento degli alloggi. Ma questi controlli arriveranno quando si dorme? E se uno dorme come fa ad aprire? Poi un punto ambiguo, diciamo così: "Sul territorio comunale non saranno consentiti insediamenti e/o progetti per la costruzione di nuovi luoghi preghiera e saranno comunque verificati e monitorati quelli attualmente in vigore ivi compresi i centri culturali di religione islamica presenti in città". Dunque neanche le chiese saranno consentite? Essendo luoghi di preghiera?  E come pensano di verificare quelli attualmente in vigore? Si desume che entreranno anche nelle chiese? Visto come è stato scritto. 
Penso che ci sarà da divertirsi a Monfalcone nei prossimi anni.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Nova Gorica interrompa i rapporti con Gorizia

Non è la prima volta e non sarà forse neanche l'ultima volta che Gorizia e l'Italia dovranno vivere un sabato nero. Ricevere certi nostalgici è un qualcosa di veramente incomprensibile che continua a trovare spazio e legittimazione in una zona di confine come questa che ha conosciuto più che altrove le barbarie compiute soprattutto contro gli sloveni. Non è un caso che anche Gorizia ha avuto il suo Narodni dom. Il 4 novembre del 1926, sei anni dopo l'incendio del Narodni dom,un manipolo di fascisti, festeggiando la Celebrazione della vittoria, entrarono violentemente nelle sale del Trgovski Dom, gettando in cortile libri, mobili, oggetti, tutto quello che si poteva gettare venne gettato via fino a costituire un mucchio da bruciare. E bruciarono libri, documenti, mobili,oggetti, simboli, bruciarono l'identità slovena, il riscatto sloveno, tra una folla di cittadini che osservava anche applaudendo ed inneggiando Viva l'Italia. E' inaccettabile che nella Repubbli…

Clara Petacci è stata violentata ?

Chi è Clara Petacci? Chi sono i Partigiani? Domande legittime, anzi doverose perchè le nuove generazioni non conoscono la storia, e quando leggi che per molti studenti tedeschi Hitler altro non era che un democratico, allora comprendi che quando si parla di tematiche calde e delicate che hanno segnato la storia del secolo scorso, non si deve mai dare nulla per scontato. Nella serata del 6 luglio 2012 Rai tre,conosciuto come canale di sinistra, oggi io direi sinistra sinistrata, ha trasmesso un programma storico interessante che riguardava la Marcia su Roma, la morte ed i misteri di Mussolini. Il programma era la Grande Storia. Ha voluto conferire una diversa visione della verità storica ufficiale conferendo grande credito a teorie sostenute specialmente dai nostalgici del fascismo. Certo la storia o meglio la verità storica per essere tale non dovrebbe essere politicizzata, ma ciò è a dir poco impossibile visto il funzionamento della società. Ieri sera mi son voluto mettere nei panni di un …

Crisi Eaton Monfalcone un fronte unico per mantenere lo stabilimento

Nel consiglio comunale straordinario di Monfalcone, convocato per la questione Eaton, sono emerse con estrema chiarezza alcuni punti fermi per i lavoratori, forse non molto fermi per una certa politica. E' emerso con evidenza la necessità di essere tutti uniti, che ognuno faccia il proprio dovere nei limiti delle proprie possibilità e funzioni, perchè a Monfalcone la "crisi" Eaton intendendosi per crisi la scelta unilaterale aziendale di chiudere baracca per andare altrove, è effettivamente un qualcosa che ancora non è stato forse compreso bene da tutti dove può portare.  Quando si dice che oltre 200 famiglie andranno in condizione di povertà, di precarietà totale, che si aggiungeranno già ad altre migliaia di famiglie senza lavoro, in una provincia maglia nera per l'occupazione, quale quella goriziana, significa dire che la situazione effettivamente ha delle potenzialità implosive ed esplosive sociali enormi. Quella fabbrica ha una storia di lotte importanti nel m…