Passa ai contenuti principali

Monfalcone la Caporetto del PD nazionale, diventerà città securitaria ?Ecco quali ordinanze potranno arrivare

Monfalcone la Caporetto del PD nella ricorrenza della rivoluzione d'ottobre. E qui praticamente vi è tutto, tutto di un Partito che ha smesso di essere sinistra forse da quando è diventato PD, d'altronde si chiama partito democratico mica di sinistra. E poi l'attuale direttrice politica è evidente a tutti, Partito Destro. Ed a Monfalcone, rocca rossa, è crollato con un cazzotto madornale, non solo per errori politici locali, ben noti, ma anche perchè il PD è defunto ed il popolo di sinistra non vota né tale partito, né chi lo sostiene, vai con il PD vai a fondo. Certo, ci puoi finire anche senza il PD ma almeno sai di aver tracciato una linea eticamente e moralmente e politicamente più corretta.  L'astensione è stata enorme e l'attuale Sindaco di Monfalcone, della Lega Nord, governerà grazie ai voti di 6.642 persone su un totale di 10.879 votanti, ed il corpo elettorale complessivo è di 21. 271 cittadini. Quindi governa con poco più del 30% sul totale del corpo elettorale e 60% sul totale di chi si è recato al voto. Ciò per capire che Monfalcone non è una città che è andata a destra, ma che si è rifiutata di votare una certa sinistra e male per male politico ha scelto quello che ha reputato più consono e punitivo contro una certa sinistra che ha tradito la sinistra, ovvero non votare.
Questi dati serviranno a chi andrà governare  per capire che non potrà osare più di tanto?
Nel programma elettorale dei destri che governeranno Monfalcone si leggono diversi punti di un certo spessore securitario dai quali si può desumere quali ordinanze ed interventi arriveranno. Ma non su tutto. 
Ad esempio quando scrivono  Dopo il fallimento dei lavoratori a basso costo del Bangladesh, si sta oggi aprendo la via "romena", forse ancor più preoccupante per il nostro futuro." E come pensano di chiudere questa fantomatica via romena? Difficile creare reticolati alla slovena o muri all'ungherese. Vedremo.
Nei loro intenti vi è più telecamere, più luce, più grande fratello per tutti insomma. Infatti, la storia delle città hanno ben dimostrato quanto sono efficaci le telecamere. Irrisoria. Ma la gente comune si accontenta di poco pur di avere sonni tranquilli e convinti di vivere in una piccola fortezza. 
Ovviamente il decoro, santo patrono di ogni destra  o " sinistra" amministrazione, non potrà mica mancare. Arriveranno ordinanze contro l'accattonaggio, l'imbrattamento e degrado derivante da scritte e graffiti, la mendicità molesta, l'abusivismo commerciale, il disturbo della quiete pubblica, l'insediamento dei campi nomadi, il consumo di alcolici al di fuori degli spazi consentiti". Prendete respiro. Nulla di nuovo, alcune misure del genere sono già state attuate dalla precedente amministrazione. 
Si colpiranno le soste e campeggi  in aree pubbliche non autorizzate. Ma non dovrebbero essere già sanzionate a prescindere?
Vi sarà una sorveglianza per "stanare", sì, hanno scritto proprio stanare, come fossero talpe da andare a cercare casa per casa, le occupazioni abusive, ed arriverà anche il  controllo  notturno delle residenze e del sovraffollamento degli alloggi. Ma questi controlli arriveranno quando si dorme? E se uno dorme come fa ad aprire? Poi un punto ambiguo, diciamo così: "Sul territorio comunale non saranno consentiti insediamenti e/o progetti per la costruzione di nuovi luoghi preghiera e saranno comunque verificati e monitorati quelli attualmente in vigore ivi compresi i centri culturali di religione islamica presenti in città". Dunque neanche le chiese saranno consentite? Essendo luoghi di preghiera?  E come pensano di verificare quelli attualmente in vigore? Si desume che entreranno anche nelle chiese? Visto come è stato scritto. 
Penso che ci sarà da divertirsi a Monfalcone nei prossimi anni.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Con i confini della giusta sconfitta di Caporetto l'Italia oggi si fermerebbe a Treviso

Dal dannunzianesimo in poi, passando per retoriche risorgimentali estremizzate, irredentismi radicali, simulati patriottismi, l'Italia decise di aggredire l'Impero Austro Ungarico, occupando terre non italiane, anche se forse si poteva pur parlare l'italiano, anche se prevalentemente si parlavano dialetti locali oltre ovviamente allo sloveno, il tedesco, il friulano. Dove vi potevano essere radici latine, risalenti anche all'Impero Romano, ma non è che ovunque l'Impero Romano mise piede era da considerarsi Italia, perchè allora dovrebbero rivendicare anche l'Azerbaigian, senza dimenticare che l'Italia si formerà come Stato unitario poi solo nel 1861. Audacia, tenacia, scippati dalla terra contadini, ragazzi, famiglie senza più i loro figli, mandati a morire nel nome del niente. Arroganza, gestione criminale del conflitto, per conquistare fazzoletti di terra che ancora oggi si sentono poco italiani, perchè l'Italia è giovane, l'Italia unita si è fat…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Trieste chiude la libreria indipendente IN DER TAT, Davide questa volta ha perso contro Golia

"IN DER TAT“, prendendo in prestito un concetto che il filosofo Hegel riferiva alla cultura, significa in atto, in evoluzione. E’ per questo motivo che l’abbiamo scelto come nome per la nostra libreria, proprio perché pensiamo alla cultura come qualcosa in continuo mutamento(...)". Questo è quello che leggi nel sito di questa libreria, situata nella zona Cavana di Trieste, non più un bordello ottocentesco, ma un rione oramai destinato ad essere fashion, riqualificato, perfetto, una vetrina nella vetrina di Trieste, che ha snaturato la sua storia, che forse viene ricordata dalla statua di Svevo, niente di più. Una libreria che ha segnato per anni ed anni la storia di questo rione, un punto di riferimento culturale, sociale per triestini e non, appuntamenti di gran rilievo, dibattiti e confronti su più materie, i libri prendevano forma, vita attraverso anche gli incontri, le relazioni. Una libreria relazionale. Con il vecchio libraio o vecchia libraia, non per questione ana…