Passa ai contenuti principali

Sicurezza scuole, il programma triennale della Regione FVG,ma le scuole sono ancora "insicure"

Se in Italia la legge fosse Legge, in materia di rispetto delle norme sulla sicurezza della scuola, è facile intuire che nelle nostre località troveremmo ovunque sparse delle tendopoli dove svolgere l'anno scolastico. Perché buona parte del patrimonio edilizio non è a norma di legge, a partire da quello antisismico.  D'altronde, basta fare un salto sul sito scuola in chiaro del MIUR e vedere come anche in zone a sismicità medio/alta, anche in FVG, la quasi totalità delle scuole non rispettano i parametri di Legge. Dunque, il problema è una legge inapplicata, ed inapplicabile, scritta solamente per tutelarsi formalmente ed essendo nella sostanza solo fumo, oppure è semplicemente il sistema che non va? In via generale viviamo in un sistema dove se un lavoratore manifesta una opinione contraria contro il proprio datore di lavoro viene sanzionato duramente e nella scuola, con il sistema becero della chiamata diretta, rischia di non essere più chiamato per lavorare in loco. I famosi docenti "contrastivi", che sono quelli che ancora operano per la difesa piena della libertà d'insegnamento e formazione critica e consapevole dei nostri studenti. Ma le priorità della scuola di oggi sono pseudocompetenze, alternanza scuola lavoro, introdotta anche nei sistemi liceali, insomma meno conoscenze critiche, più nozionismo funzionale al saper eseguire che al saper pensare, ragionare, criticare. Le nostre scuole, considerate con fiumi di retorica, come luogo sensibile da tutelare, dovrebbero essere luoghi protetti, sicuri. Ma così non sono. Interviene ora la Regione con il Programma triennale regionale 2016-2018 per gli interventi urgenti su edifici scolastici di proprietà pubblica, previsto dalla legge regionale n. 13 di luglio 2014. Sono previsti 5 per interventi urgenti con 33 cantieri; 7,2 per la prevenzione sismica con 7 cantieri; 45,78 per la manutenzione straordinaria con 134 cantieri; 3,57 alle scuole materne e prima infanzia con 48 cantieri; 18,43 per l'efficientamento energetico con 13 cantieri (in questo caso si tratta di fondi europei Por-Fesr); 8,9 alle scuole nuove con 5 cantieri. Il totale vede la Regione impegnare 88.906.523 euro, spalmati su 264 cantieri aperti per fornire dotazioni energetiche e antisismiche, costruire palestre, cambiare serramenti, ampliare aree, adeguare mense e così via. Per l'obiettivo 1 del Programma (interventi urgenti e indifferibili, 200mila euro massimi per intervento per Comune) va il 40% delle risorse annuali del Fondo succitato, mentre il 60% va all'obiettivo 2 inerente gli interventi di adeguamento/miglioramento sismico (800mila euro massimi per intervento fino a due richieste per i Comuni con più di 15mila abitanti, una sola richiesta per quelli con meno di 15mila abitanti). 

Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …