Passa ai contenuti principali

Lui è tornato. Ci sono oggi le condizioni per il ritorno del nazismo? Sì



Lui è tornato è un film documentario geniale. Geniale la regia, geniale l'idea che trae spunto dal libro omonimo, ma rispetto al libro che è fantasia dell'autore, il "falso" Hitler ha realmente girovagato per le strade della Germania e la reazione dei comuni cittadini, che non erano attori, ma persone reali, è stata allucinante.E' emersa una Germania che rimpiange il nazismo, una Germania che vuole l'uomo forte solo al comando, una Germania che si indigna più per l'uccisione di un cagnolino che del ritorno di Hitler. Chiaramente non si deve generalizzare, qualche reazione contraria vi è stata, così come è stato letteralmente ridicolizzato il principale partito neonazista tedesco. Ma quello che ha colpito è che se Hitler adattasse oggi i suoi pensieri alla società del terzo millennio, senza sfiorare l'unico elemento reputato come caldo, la questione degli ebrei e l'Olocausto, molti sarebbero favorevoli al ritorno del nazismo. Non è un caso che l'unica voce forte di contrasto è venuta da una signora anziana, che ha conosciuto le persecuzioni ebraiche subite dal nazismo. Così come impressiona il fatto che i giovani ebrei, di quella famiglia, abbiano letteralmente rimosso Hitler, e nello stesso tempo accettato la sua figura nel terzo millennio. Contro i migranti, disoccupazione, anziani e natalità, e tutela della "razza" tedesca e del proprio popolo, sono stati i temi principali del nuovo Hitler. Così come agghiacciante è la conclusione, oggi ci sono le condizioni favorevoli per il nazismo. Ed è vero, e lo stiamo vedendo e constatando quotidianamente. 
E' quella la direzione nella quale stiamo finendo. Con una "sinistra" che ha perso di vista il suo essere sinistra e pur di rimanere al Governo attuando politiche tipiche della destra, securitarie, guerrafondaie, di tutela del proprio ordine sociale. Siamo in una situazione letteralmente di meschinità sociale assoluta, questo è evidente, ed il fatto che il nazismo di oggi si presenti con giacca e cravatta e volto sorridente nelle sale del potere, e con i suoi tipici ed ordinari canoni squadristi per le strade, è un qualcosa che dovrebbe fare sollevare le masse. Senza dimenticare che anche a livello istituzionale pare esservi una forma di "tolleranza" verso il più grande escremento mai prodotto dall'essere umano.
Ma le masse sono sempre state attratte dall'uomo forte al comando, se il nazismo ed il fascismo si sono affermati è perché gran parte della popolazione era fascista e nazista, salvo poi, per ragioni di opportunismo, per salvarsi la pelle, diventare antifascisti, od antinazisti. 
D'altronde nel nome dell'anticomunismo il sistema democratico si è alleato con neofascisti e neonazisti, operando dietro le quinte anche nel momento in cui operativamente si stava combattendo la Germania nazista. 
Si sono affermati in via legale una legalità che ha prodotto mostruosità. E se ciò accade nella Germania che ha, rispetto all'Italia, subito Norimberga, che nelle scuole studia tutto sul nazismo, cosa che non avviene in Italia sul fascismo, soprattutto su quello primordiale del Confine Orientale, dovrebbe allarmare ancor di più.  Il regista di quel film ha dichiarato che "la cosa stupefacente è che la gente lo accoglieva con entusiasmo, si faceva dei selfie, si confidava con il finto Hitler. In molti si sono dichiarati di destra, contro gli stranieri e la democrazia. Magari sono persone che non parlano ai media, ma davanti a Hitler si lasciavano andare senza remore". Ecco, questo è il punto della situazione. 
Il nazismo del terzo millennio sta arrivando, è pronto, e le condizioni sono drammaticamente favorevoli in un contesto in cui la sinistra, a causa dei suoi voluti o non voluti errori, pare essere destinata al tracollo totale.  Siamo noi gli artefici del nostro destino, ed a quanto pare questa società ha voglia di un nazismo 2.0. 
Ma questo non significa che ciò debba essere accettato, come un fatto inevitabile, ancora si è in tempo per fermarlo, semplicemente attuando i principi umanitari delle nostre Costituzioni, ma il tempo a disposizione è realmente poco.

Commenti

Post popolari in questo blog

Quali sono i comportamenti vietati a Trieste?

Quali sono i comportamenti vietati a Trieste?  Scopriamolo con il nuovo regolamento  urbano" che entrerà in vigore in città a partire dal 2 aprile 2017.  
Testo scritto rigorosamente ed esclusivamente in italiano, perchè il bilinguismo a Trieste è un non diritto. Disposizioni che dovranno conoscere anche coloro che si troveranno a Trieste di passaggio, per evitare che magari possano incorrere in qualche spiacevole sanzione. Buona lettura, magari con un sano bicchierino di amaro digestivo alle erbe.
***A salvaguardia e tutela degli spazi ed aree pubbliche ricadenti nel territorio del Comune è vietato: nelle fontane introdursi ed introdurre sostanze liquide imbrattanti, abbeverare ed introdurre animali, utilizzare o prelevare l’acqua, bagnarsi, estrarre o comunque raccogliere le monete o altri oggetti di valore gettati dai proprietari, in omaggio a tradizioni e consuetudini locali, in quanto tali oggetti devono intendersi acquisiti dal Comune con effetto immediato per essere dest…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Trieste e Gorizia esplode l'austronostalgia

Wu Ming 1, scriveva: "Se devo scegliere tra sparare agli Asburgo in nome dei Savoia e sparare sui Savoia in nome degli Asburgo, grazie, ma preferisco sparare su entrambi. Come si legge nel Re Lear, “il tempo della vita è breve, e se viviamo, viviamo per calpestare i re”."E' innegabile che tra Gorizia e Trieste vi sia ancora una sorta di austronostalgia, anche se a dirla tutta non riesco proprio a capire come si possa essere nostalgici di un qualcosa che non è mai stato vissuto, forse ereditato a livello di testimonianza, letto nei libri, od esaltato in alcuni testi. Poco importa. E spesso ci si diverte a giostrare tra chi fosse meglio, i Borboni o gli Asburgo? E vai con l'elencazione delle opere, e delle solite ridondanti questioni . Solo che nel momento in cui implodono i nazionalismi, traballa l'ideale di Europa anche per responsabilità enormi di chi ha guidato l'Europa contro un muro di cemento armato a velocità folle, in questa piccola fetta di territo…