Passa ai contenuti principali

A Monfalcone si celebra il Ramadan in un clima di tensione


A fine giugno a Venezia veniva fermato un bengalese residente a Grado, dove gestiva un piccolo esercizio commerciale  a pochi passi dal centro cittadino. Atterrato a Venezia, è stato espulso per 15 anni dall'Italia. Rimandato a Dacca. Notizia che ha fatto rabbrividire Grado, ma non doveva emergere più di tanto questo senso di brivido, perché si è in piena stagione turistica e non si può e non si deve speculare, rischiando di compromettere l'economia di questo territorio. Se fosse accaduto il tutto in periodo invernale, quando a Grado regna il vuoto, le cose sarebbero andate sicuramente in modo diverso.
Qualche giorno dopo a Dacca accade quello che tutti sappiamo. Nel nome del solito loro dio, magari violentandone la concezione, pazzi esaltati colpiscono ancora una volta i civili. In Bangladesh la situazione è tesa da diverso tempo, eppure nonostante il tutto, quella zona di Dacca ove è avvenuto il massacro, frequentata soprattutto da stranieri e diplomatici, non era poi tanto controllata. Colpiti anche diversi italiani. Ed il pensiero, piaccia o non piaccia, corre a Monfalcone.

E' facile immaginare i pensierini che si sono affermati in questi giorni nella cittadina del Friuli Venezia Giulia. Luogo dove da tempo esistono tensioni con la locale comunità bengalese,  dovute soprattutto ad una incomunicabilità strutturale, a cui pare non esserci più alcun tipo di rimedio, che comunque ha sempre preso, come è ovvio che sia, le distanze, condannando senza mezzi termini, tutte le violenze che vengono compiute nel nome di chi professa una data religione. Cosa che non era propriamente dovuta, ma visto che  sono stati tirati per la canonica giacchetta se non avessero fatto ciò, apriti cielo.
Nel nome delle religioni si è ucciso spesso, la storia ha ben insegnato cosa è stato fatto anche nel nome del cristianesimo, nel nome delle crociate. Le religioni diventano spesso scudo e maschera di altri interessi, ma la morte non cambia, è sempre quella, tremenda, violenta, assurda. Esiste il diritto di culto costituzionalmente garantito, e va garantito. Personalmente non provo alcun interesse per quello che può aver detto Maometto o Cristo, per quello che si legge nel Corano o nella Bibbia o nei Vangeli, trovo più interessante quello che può dire invece e paradossalmente Dylan Dog e poi nel nome di Dylan Dog, almeno sino ad oggi, non si è mai ucciso mica nessuno.  Ora, tra il 5 e 6 luglio, a Monfalcone è stato chiesto dal Centro Culturale Islamico "Baitus Salat" di  via Don Fanin di poter usufruire di uno spazio gratuito adeguato nei giorni 5 o 6 luglio per poter celebrare la Festa di fine Ramadan. Il luogo individuato dal Comune di Monfalcone è la palestra Polifunzionale di via Baden Powell e l'ASD AR Fincantieri, gestore della palestra, non ha posto problemi. Sarà questo un Ramadan sotto il segno della tensione a Monfalcone, è inutile negarlo. Quello che ci si augura è che prevalga il buon senso, che non ci sia la solita speculazione, i soliti bla bla bla che altro non fanno che fomentare razzismi ed intolleranze che non favoriscono l'integrazione ma la chiusura e la chiusura è la peggior bestia da combattere per qualsiasi civiltà, la chiusura che favorisce la non santa ignoranza, l'omertà, l'odio, è la principale forza di questo terrorismo, che colpisce come vuole e quando vuole e dove vuole, purtroppo. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…