Passa ai contenuti principali

Ti addormenti con il vantaggio del Remain e ti svegli con la vittoria del Brexit


La maggior parte di noi si è recata a letto, nella lunga sera del 23 giugno, con la convinzione che il Remain avrebbe vinto. Questo era almeno ciò che i sondaggi, le trasmissioni televisive, i dibattiti ti avevano indotto a credere. Tanto che diversi giornali nella mattina del 23 giugno si erano sbilanciati proprio sulla vittoria del Remain. Invece, ti svegli, nel giorno in cui la Scozia riconquista nel 1314 la sua indipendenza, nel giorno in cui in Francia verrà adottata la prima Costituzione repubblicana, o nel giorno in cui l'Italia perderà contro gli austriaci la nota battaglia di Custoza, che la Gran Bretagna ha deciso di dire bye bye Europa. Vince il Brexit, con il 51,9%  e 17,410,742 di voti.

in blu remain, in rosso  brexit
In questi giorni è accaduto di tutto, dall'omicidio di Jo Cox, che ha riportato alla mente quanto accaduto in Svezia nel 2003,a tre dal referendum per l'entrata o meno nell'Euro della Svezia. E' accaduto che in Italia si è lodato il sistema "democratico" inglese all'inverosimile, tanto che praticamente molti si sono letteralmente dimenticati che in quel meraviglioso Paese esiste la Monarchia una Monarchia che ha ancora oggi una grande influenza nella vita pubblica. E che Monarchia e Democrazia sarebbero due opposti non conciliabili, anche se in qualche modo lì in modo anomalo convivono. La causa del Brexit è l'Unione Europea stessa. E' l'inevitabile conseguenza del fallimento dell'Unione Europea, del suo capitalismo delle sue politiche estreme liberiste. Dopo il Brexit ci sarà ovunque l'effetto del "si salvi chi può" e per salvarsi non è che le strade siano poi tante. O si ripensa globalmente l'Unione Europea, a partire dalle sue politiche liberiste, dove il bene comune deve ritornare ad essere bene comune, il bene pubblico, bene pubblico, oppure dopo il Brexit sarà veramente l'amen di un progetto idealmente bello, praticamente diventato una catastrofe. Il problema è che sono stati i nazionalismi, estremi o non estremi, a condurre determinate battaglie, ed i nazionalismi hanno portato razzismi, favorito l'affermazione diffusa, seppur non da sopravvalutare, di neofascismi e neonazismi. E se dopo il Brexit, con la probabile vittoria di chi vuole l'uscita dalla inconcludente Unione Europea, si lascerà ai nazionalismi la gestione della eventuale uscita dei vari Paesi dall'Unione Europea, a partire dall'Italia, è facile immaginare il rischio, alto, elevato, di gravi situazioni di tensioni tra i vari Stati. Alla fine dei conti i nazionalismi altro non sono che il peggior effetto collaterale di una Unione Europea che mai ha saputo essere Unione, basta vedere come si è comportata nei confronti della Grecia, letteralmente massacrata, nei confronti dei migranti, inghiottiti nel Mediterraneo, od aver pagato la Turchia per non turbare il sentimento di noi europei. Il Brexit è l'occasione per ripensare l'Unione Europea, e non si dovrà commettere l'errore di lasciare alle destre, ai nazionalismi, la gestione di questa importante partita. Se la sinistra riuscirà ad emergere, e non mi riferisco a quella oggi governativa che di sinistra non ha nulla, e con la quale non è possibile nessun tipo di alleanza, né a livello locale né a livello nazionale, se la sinistra tutelerà i nostri interessi, i nostri prodotti, la nostra economia, dall'agricoltura, alla pesca, i diritti dei lavoratori, i salari, il bene comune, insomma saprà fare politiche di sinistra, grazie ai valori tradizionali di libertà, uguaglianza e fratellanza che dovrebbero caratterizzare il suo cuore ed animo laico, si potrà evitare la morte dell'Unione Europea, altrimenti se si continueranno a lasciare alla destra, alla politica della pancia, questioni vitali, dal punto di vista sociale, il futuro è già tracciato e sarà nero con il chiaro rischio anche di guerre.

Commenti

Post popolari in questo blog

Quali sono i comportamenti vietati a Trieste?

Quali sono i comportamenti vietati a Trieste?  Scopriamolo con il nuovo regolamento  urbano" che entrerà in vigore in città a partire dal 2 aprile 2017.  
Testo scritto rigorosamente ed esclusivamente in italiano, perchè il bilinguismo a Trieste è un non diritto. Disposizioni che dovranno conoscere anche coloro che si troveranno a Trieste di passaggio, per evitare che magari possano incorrere in qualche spiacevole sanzione. Buona lettura, magari con un sano bicchierino di amaro digestivo alle erbe.
***A salvaguardia e tutela degli spazi ed aree pubbliche ricadenti nel territorio del Comune è vietato: nelle fontane introdursi ed introdurre sostanze liquide imbrattanti, abbeverare ed introdurre animali, utilizzare o prelevare l’acqua, bagnarsi, estrarre o comunque raccogliere le monete o altri oggetti di valore gettati dai proprietari, in omaggio a tradizioni e consuetudini locali, in quanto tali oggetti devono intendersi acquisiti dal Comune con effetto immediato per essere dest…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Trieste e Gorizia esplode l'austronostalgia

Wu Ming 1, scriveva: "Se devo scegliere tra sparare agli Asburgo in nome dei Savoia e sparare sui Savoia in nome degli Asburgo, grazie, ma preferisco sparare su entrambi. Come si legge nel Re Lear, “il tempo della vita è breve, e se viviamo, viviamo per calpestare i re”."E' innegabile che tra Gorizia e Trieste vi sia ancora una sorta di austronostalgia, anche se a dirla tutta non riesco proprio a capire come si possa essere nostalgici di un qualcosa che non è mai stato vissuto, forse ereditato a livello di testimonianza, letto nei libri, od esaltato in alcuni testi. Poco importa. E spesso ci si diverte a giostrare tra chi fosse meglio, i Borboni o gli Asburgo? E vai con l'elencazione delle opere, e delle solite ridondanti questioni . Solo che nel momento in cui implodono i nazionalismi, traballa l'ideale di Europa anche per responsabilità enormi di chi ha guidato l'Europa contro un muro di cemento armato a velocità folle, in questa piccola fetta di territo…