Passa ai contenuti principali

Non lasciare in mano ai neofascisti, ultranazionalisti e populisti la questione dell'Italexit






Per ripensare l'Europa, si deve ripensare la politica dei suoi pilastri, ovvero quella in essere in tutti gli Stati che costituiscono l'Europa. Nessun ripensamento dell'Unione Europea è possibile con gli stessi artefici del disastro europeo, dell'austerità, del patto di stabilità, delle politiche neo liberiste, della svendita del bene pubblico e comune al capitale privato. In questo momento storico da un lato si dovrà bastonare la Gran Bretagna, per far capire che uscire dall'Unione Europea non conviene proprio, dall'altro si daranno dei soldini in più a qualche Stato in difficoltà all'interno dell'UE, ma queste politiche da vecchi democristiani non funzionano più. La Gran Bretagna ha democraticamente deciso di andare via dall'Unione Europea. Se lo possono permettere ed a parer mio hanno fatto bene, rilevato che alla fine dei conti hanno poco da perderci. Tra ricatti, capricci e modo fuorvianti di agire gli europeisti stanno dando il peggio di loro stessi. Ma non si possono permettere di alzare la voce ad oltranza contro la Gran Bretagna ed il Regno Unito che in questo periodo subirà processi di destabilizzazione interna molto rilevanti. 
Ma gli inglesi sapranno bene come comportarsi. L'errore che non si deve fare è di lasciare in mano ai nazionalisti estremi, ai gruppi neofascisti, tutte le varianti della Brexit che ora emergeranno, a partire dall'Italexit. I 17milioni e passa di cittadini che hanno deciso di salutare l'Unione Europea non erano mica tutti nazisti, fascisti, ignoranti, zoticoni, brutti e sporchi e cattivi. No. Le diseguaglianze sociali si pagano ed il popolo quando si prende il diritto di parola questo diritto lo sa esercitare bene. Altro che politica della pancia. La Brexit è l'occasione delle occasioni per ripensare l'Unione Europea, sostenere i processi di uscita dall'Unione Europea non significa essere nazionalisti, od ultra-nazionalisti.  
Significa esserlo nazionalisti se verrà lasciato solo in mano ai beceri nazionalisti e neofascismi la gestione di questa partita, la gestione del disagio sociale.  E fare una cosa del genere significa compromettere ogni possibile ripensamento totale ed anticapitalista dell'Unione Europea e dei vari Stati. Se sostenere i processi di uscita dall'Unione Europea e dall'Euro significa lottare per una giustizia sociale degna di questo nome, significa statalizzare i beni pubblici, contrastare le politiche neoliberiste, avere una propria banca pubblica che possa stampare moneta, contrastare razzismi e neofascismi, tutelando i beni primari del proprio Paese e la collaborazione con gli altri Paesi dell'Europa continentale, allora questa uscita dall'Unione Europea può avere un senso. E' difficile oggi ripensare l'Unione Europea con gli stessi attori ed artefici del male Unione Europea. Il primo cambiamento possibile deve avvenire all'interno dell'Italia, mettendo la nostra Costituzione antifascista al primo posto, applicandola pienamente, deve diventare come la Bibbia sul tavolino dal leggere ogni sera prima di andare a letto. Una nuova Unione Europea è possibile, certo, ma per fare ciò si deve prima demolire quella esistente, ripartire totalmente da zero, altrimenti si tratterà solamente di continuare a farci del male, e da soli, in un tempo ove l'unica cosa da rottamare è il masochismo. 
Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Dal "daspo urbano per chi offende il giorno del ricordo"al concetto di slavo che offende la Trieste italiana. Ma Saranno gli "slavi" a salvare Gorizia e Trieste

E' un mondo difficile diceva una nota canzoncina che per diverso tempo veniva trasmessa dalle nostre radio. Un mondo difficile, che è letteralmente virato verso forme di chiusura e rigidità a causa di una globalizzazione letteralmente selvaggia.

Diversi media hanno avuto un ruolo nefasto in tutto ciò, dal momento in cui per anni hanno favorito, sotto il nome di una fantomatica democrazia, l'affermazione di concetti indegni, di quel veleno sociale, di quelle narrazioni nocive per la convivenza civile e pacifica, che hanno riabilitato le peggiori istanze e rinforzato a dismisura quei "quattro provoloni"di neofascisti, mentre "quattro provoloni" non sono più indistintamente i razzisti. Tra i fatti di Macerata, come poi ripetutesi vicino ad Enna, e quanto accaduto nel Confine Orientale in soli 25 anni di occupazione italiana subito dopo la fine della prima guerra mondiale vi è stato un solo filo di continuità. Qui il fascismo si è realizzato prima che altrove,…

Altro che "buonascuola" in Italia siamo degli analfabeti rispetto all'Europa, il rapporto ISTAT sullo stato dell'istruzione in Italia

L'ISTAT ha pubblicato un corposo rapporto incentrato sulla questione della conoscenza.  Ed emerge una fotografia del Paese devastante. Da un lato hai la propaganda di chi racconta un Paese che esiste solo nella sua mente che mente, a partire da chi difende la peggior legge mai scritta in Italia in materia di legislazione scolastica quale la "buonascuola" bocciata da quasi l'intera comunità scolastica con uno sciopero epocale nel maggio 2015. Dall'altro hai la realtà che ti narra un Paese in estrema difficoltà e povertà e diffusa ignoranza. L'Istat rileva chiaramente che "in Italia la recessione, anche per i vincoli di finanza pubblica dovuti al debito, è stata più profonda rispetto a tutte le altre economie europee, riportando il potere d’acquisto delle famiglie nel 2012 indietro fino ai livelli degli anni Novanta."
E ciò sotto gli occhi di tutti.  A livello di conoscenza afferma che "L’Italia è un’economia industriale ad alto reddito ma ano…

Iera una volta...il mercato di Ronchi

Iera una volta il mercato di Ronchi. Questa è oramai una constatazione di fatto che vivi nei mercoledì ronchesi, giorno per eccellenza del mercato. I mercati sono sopravvissuti ai secoli, alle guerre, al progresso, all'avvento dei grandi centri commerciali che hanno risucchiato nel buco nero della depressione economica i piccoli commercianti, con città sempre più svuotate con il paradosso che vedrai le città finte, create ad hoc per il commercio, essere strapiene.

I mercati resistono, ma faticano a sopravvivere soprattutto quando arriva l'ultimo mercoledì del mese, quando i soldi son già finiti e per le strade del mercato vedrai sempre meno gente.

Un mercato che ha una sua storia importante, noto soprattutto per la sua energia, vitalità, socialità, che paga probabilmente il prezzo di diverse problematicità, da quelle logistiche alla crisi sociale ed economica che si è scagliata su questo Territorio che pur avendo potenzialità enormi per alzare la testa, in questo momento sto…