Passa ai contenuti principali

Elezioni Comunali 2016: uno schiaffo al renzismo. Napoli laboratorio della Sinistra




Vi è poco da fare. E' stato il premier, confondendo la sua figura con quella di segretario del PD, ad aver personalizzato questa tornata elettorale. E ne ha pagato le conseguenze. Vi è una grande "intolleranza" nei confronti di questo PD, divenuto oramai partito di destra. E giustamente uno si domanda piuttosto che votare un clone della destra, voto l'autenticità. Ed infatti, la destra è cresciuta ovunque, con un PD che ha preso uno schiaffo enorme, ovunque. E' innegabile che in Italia questo PD è visto non certamente bene, basta pensare allo sciopero epocale del popolo della scuola del 2015, oltre il 70% di adesioni, ed anche questo malessere ha pesato e peserà ancora. D'altronde il popolo della scuola lo aveva detto, ovunque contrasteremo questo PD che ha demolito la scuola pubblica e vi garantisco che sono voti che pesano e che peseranno ancora. Il M5S riproposizione di una sorta di partito dell'uomo qualunque in chiave 2.0 non sfonda, salvo il caso di Roma, che ha origini ben chiare e quello di Torino, forse unica ed isolata vera sorpresa. In FVG il M5S non va. Interessante è il caso di Napoli. Lì dove la sinistra, si presenta come sinistra, ha una progettualità di sinistra e governa da sinistra, spazza via questo PD, e M5S e così è stato con Luigi de Magistris ed il suo nuovo movimento demA, Democrazia e Autonomia. Napoli è un laboratorio importante per la sinistra, che andrà valutato anche in FVG dove il renzismo è stato non tanto sconfitto, ma certamente schiaffeggiato con consistenza. Il prossimo schiaffo politico arriverà probabilmente il 19 giugno, anche quando si voterà per il referendum per la fusione di Ronchi, Staranzano con Monfalcone. Una fusione diventata politica, sostenuta dal braccio destro di Renzi, la governatrice del FVG che in modo assolutamente parziale e politicamente scorretto è scesa in campo per sostenere tale processo. Ma questa presunzione rischia di essere pagata caramente, con delle sorprese che arriveranno non tanto forse da Ronchi ma anche da Monfalcone, che pare essere l'unica interessata a guadagnarci da questa fusione. Certo, l'astensionismo è ancora una volta il primo partito, e quando questo si afferma per le amministrative è un segnale grave, di sfiducia verso il sistema che continua a traballare, astensionismo che condizionerà anche il voto del 19 giugno, sia il ballottaggio che il referendum della fusione diventato soprattutto una lotta interna al PD, e questo i cittadini lo hanno ben compreso. L'unico dato certo è che in Italia vi è voglia di cambiare radicalmente pagina, ad oggi questa pagina pare andare verso la destra tradizionale, con piccole sfumature cinquestelle, rispetto a quella ambigua di questo PD renziano, ma se il modello di Napoli verrà seguito ovunque si potrà raccontare e vivere una storia certamente diversa, con maggiore democrazia e coerenza.

Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto