Passa ai contenuti principali

Elezioni Comunali 2016: uno schiaffo al renzismo. Napoli laboratorio della Sinistra




Vi è poco da fare. E' stato il premier, confondendo la sua figura con quella di segretario del PD, ad aver personalizzato questa tornata elettorale. E ne ha pagato le conseguenze. Vi è una grande "intolleranza" nei confronti di questo PD, divenuto oramai partito di destra. E giustamente uno si domanda piuttosto che votare un clone della destra, voto l'autenticità. Ed infatti, la destra è cresciuta ovunque, con un PD che ha preso uno schiaffo enorme, ovunque. E' innegabile che in Italia questo PD è visto non certamente bene, basta pensare allo sciopero epocale del popolo della scuola del 2015, oltre il 70% di adesioni, ed anche questo malessere ha pesato e peserà ancora. D'altronde il popolo della scuola lo aveva detto, ovunque contrasteremo questo PD che ha demolito la scuola pubblica e vi garantisco che sono voti che pesano e che peseranno ancora. Il M5S riproposizione di una sorta di partito dell'uomo qualunque in chiave 2.0 non sfonda, salvo il caso di Roma, che ha origini ben chiare e quello di Torino, forse unica ed isolata vera sorpresa. In FVG il M5S non va. Interessante è il caso di Napoli. Lì dove la sinistra, si presenta come sinistra, ha una progettualità di sinistra e governa da sinistra, spazza via questo PD, e M5S e così è stato con Luigi de Magistris ed il suo nuovo movimento demA, Democrazia e Autonomia. Napoli è un laboratorio importante per la sinistra, che andrà valutato anche in FVG dove il renzismo è stato non tanto sconfitto, ma certamente schiaffeggiato con consistenza. Il prossimo schiaffo politico arriverà probabilmente il 19 giugno, anche quando si voterà per il referendum per la fusione di Ronchi, Staranzano con Monfalcone. Una fusione diventata politica, sostenuta dal braccio destro di Renzi, la governatrice del FVG che in modo assolutamente parziale e politicamente scorretto è scesa in campo per sostenere tale processo. Ma questa presunzione rischia di essere pagata caramente, con delle sorprese che arriveranno non tanto forse da Ronchi ma anche da Monfalcone, che pare essere l'unica interessata a guadagnarci da questa fusione. Certo, l'astensionismo è ancora una volta il primo partito, e quando questo si afferma per le amministrative è un segnale grave, di sfiducia verso il sistema che continua a traballare, astensionismo che condizionerà anche il voto del 19 giugno, sia il ballottaggio che il referendum della fusione diventato soprattutto una lotta interna al PD, e questo i cittadini lo hanno ben compreso. L'unico dato certo è che in Italia vi è voglia di cambiare radicalmente pagina, ad oggi questa pagina pare andare verso la destra tradizionale, con piccole sfumature cinquestelle, rispetto a quella ambigua di questo PD renziano, ma se il modello di Napoli verrà seguito ovunque si potrà raccontare e vivere una storia certamente diversa, con maggiore democrazia e coerenza.

Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …