Passa ai contenuti principali

Elezioni Comunali 2016: uno schiaffo al renzismo. Napoli laboratorio della Sinistra




Vi è poco da fare. E' stato il premier, confondendo la sua figura con quella di segretario del PD, ad aver personalizzato questa tornata elettorale. E ne ha pagato le conseguenze. Vi è una grande "intolleranza" nei confronti di questo PD, divenuto oramai partito di destra. E giustamente uno si domanda piuttosto che votare un clone della destra, voto l'autenticità. Ed infatti, la destra è cresciuta ovunque, con un PD che ha preso uno schiaffo enorme, ovunque. E' innegabile che in Italia questo PD è visto non certamente bene, basta pensare allo sciopero epocale del popolo della scuola del 2015, oltre il 70% di adesioni, ed anche questo malessere ha pesato e peserà ancora. D'altronde il popolo della scuola lo aveva detto, ovunque contrasteremo questo PD che ha demolito la scuola pubblica e vi garantisco che sono voti che pesano e che peseranno ancora. Il M5S riproposizione di una sorta di partito dell'uomo qualunque in chiave 2.0 non sfonda, salvo il caso di Roma, che ha origini ben chiare e quello di Torino, forse unica ed isolata vera sorpresa. In FVG il M5S non va. Interessante è il caso di Napoli. Lì dove la sinistra, si presenta come sinistra, ha una progettualità di sinistra e governa da sinistra, spazza via questo PD, e M5S e così è stato con Luigi de Magistris ed il suo nuovo movimento demA, Democrazia e Autonomia. Napoli è un laboratorio importante per la sinistra, che andrà valutato anche in FVG dove il renzismo è stato non tanto sconfitto, ma certamente schiaffeggiato con consistenza. Il prossimo schiaffo politico arriverà probabilmente il 19 giugno, anche quando si voterà per il referendum per la fusione di Ronchi, Staranzano con Monfalcone. Una fusione diventata politica, sostenuta dal braccio destro di Renzi, la governatrice del FVG che in modo assolutamente parziale e politicamente scorretto è scesa in campo per sostenere tale processo. Ma questa presunzione rischia di essere pagata caramente, con delle sorprese che arriveranno non tanto forse da Ronchi ma anche da Monfalcone, che pare essere l'unica interessata a guadagnarci da questa fusione. Certo, l'astensionismo è ancora una volta il primo partito, e quando questo si afferma per le amministrative è un segnale grave, di sfiducia verso il sistema che continua a traballare, astensionismo che condizionerà anche il voto del 19 giugno, sia il ballottaggio che il referendum della fusione diventato soprattutto una lotta interna al PD, e questo i cittadini lo hanno ben compreso. L'unico dato certo è che in Italia vi è voglia di cambiare radicalmente pagina, ad oggi questa pagina pare andare verso la destra tradizionale, con piccole sfumature cinquestelle, rispetto a quella ambigua di questo PD renziano, ma se il modello di Napoli verrà seguito ovunque si potrà raccontare e vivere una storia certamente diversa, con maggiore democrazia e coerenza.

Commenti

Post popolari in questo blog

Ma se in Friuli Venezia Giulia si votasse per diventare Stato indipendente,cosa vincerebbe?

Se c'è una regione dove l'Italia ed il sentirsi italiano ha veramente preso poco, questa è certamente il Friuli Venezia Giulia. Non è l'unica in Italia, basta pensare alla Sardegna, al Trentino-Alto Adige, alla Sicilia, al Veneto, ma se si facesse qualche analisi più approfondita forse la maggior parte delle regioni italiane si sentono poco italiane. Il Friuli Venezia Giulia ha conseguito il suo stato di autonomia grazie al plurilinguismo, dal friulano, allo sloveno, al tedesco, e poi vi sono diversi dialetti, dal bisiaco, al triestino ecc. Una terra che nel corso della sua storia ha conosciuto diversi domini, diverse appartenenze, alcune profonde come quella con la Repubblica Veneta, o l'Impero Austroungarico, altre di passaggio e da un secolo oramai vi è l'Italia. Che si è presentata nei peggiori dei modi fin dall'origine, perchè il nome dell'Italia è coinciso con la fascistizzazione di questa area, con tutte le brutalità che ne sono conseguite, e sarà s…

Attraversando Pordenone (foto)

E' necessario produrre una filmografia sulla resistenza e realizzare musei sulla sua storia

I tempi son mutati ed è di fondamentale importanza, per non rischiare di essere sommersi dall'ignoranza, dal revisionismo storico, dall'indifferenza,  trasmettere i valori della resistenza anche attraverso strumenti e mezzi che ad oggi per ragioni a dire il vero incomprensibili sono stati poco utilizzati. Libertà, uguaglianza, fratellanza, pace, riscatto morale ed etico del nostro Paese, internazionalismo, diritti dei lavoratori, diritti delle donne, diritti civili, ovvero antinazifascismo. Concetti che quotidianamente vengono sistematicamente e metodicamente messi in discussione. E' vitale, per la memoria umana storica attivarsi in ogni ovunque per promuovere una filmografia sulla nostra resistenza, necessità che viene espressa non solo da storici, ma anche da scrittori, registi, e cittadini, nonché promuovere spazi museali affinché si possano raggiungere con maggiore facilità e coinvolgimento, anche emotivo e fisico, le nuove generazioni. Esistono musei di ogni tipo in …