Passa ai contenuti principali

Cari/e goriziani/e vi scrivo a proposito del Tricolore


Con il DECRETO LEGISLATIVO PRESIDENZIALE 19 giugno 1946, n. 1 all'art. 8 si dispose che "Fino a quando non venga diversamente deliberato dall'Assemblea Costituente, la bandiera, nazionale e' formata da un drappo rettangolare, distinto verticalmente in tre sezioni eguali, rispettivamente dei colori verde, bianco e rosso. Il drappo deve essere alto due terzi della sua lunghezza, e i tre colori vanno distribuiti nell'ordine anzidetto, in guisa che il verde sia aderente all'inferitura." Poi la parola passò alla Commissione così detta dei 75 per la Costituente ove emerse un dibattito molto interessante proprio a proposito del tricolore.  Nel 1946 si propose questo articolo da inserire nella nostra Costituzione: «La bandiera della Repubblica italiana è verde, bianca e rossa». Vi fu chi pose una domanda di tal tipo: "se sia necessario o meno mettere un simile articolo nella Costituzione." Il relatore, Cevolotto, rispose che un articolo sulla bandiera vi è in tutte le Costituzioni. Togliatti riconobbe " l'opportunità dell'articolo, ma, così come è formulato, gli sembra insufficiente, in quanto non dice se i colori della bandiera sono disposti nella direzione orizzontale o in quella verticale. Rimane, inoltre, aperto il problema dell'emblema della Repubblica italiana che, se venisse approvato dalla Costituente, dovrebbe occupare il centro della bandiera." Nel 1947, quando riprese il dibattito, sul tricolore Clerici  propose una variazione, accorciando la formulazione originaria, motivandola in questo modo:  Onorevoli colleghi, la questione è minima, ma l'emendamento da me proposto si raccomandi per la sua brevità (sono otto parole, anziché 18 (Commenti); ed è un bel precedente se potessimo per altri articoli raggiungere simile risultato), per la incisività (perché sembra più perentorio, anche per il popolo, che dovrà apprendere la nostra Costituzione) ed anche per la serietà (perché mi pare che l'articolo proposto dalla Commissione sappia un po' di modello di sartoria). So che esso è la traduzione letterale di analoga disposizione della Costituzione francese." De Vita osservò che se non si stabilisce l'emblema, la bandiera italiana potrebbe confondersi con quella messicana, il  Presidente Tupini ritenne opportuno lasciare per il momento impregiudicata la questione dell'emblema, ma vi era chi propose questa formula: "recante nella banda centrale la lupa romana sormontata dalla corona civica turrita" o chi " recante nella banda centrale scudo con croce bianca in campo rosso sormontato da corona civica turrita". Alla fine l'articolo 12 della Costituzione venne approvato come oggi lo conosciamo: " La bandiera della Repubblica e` il tricolore italiano: verde, bianco e rosso, a tre bande verticali di eguali dimensioni". Il tricolore è la bandiera del nostro Paese, e sancito dalla nostra Costituzione. 
Nel mio noto intervento, sulla questione dell'imbandieramento di Gorizia per accogliere le "penne nere" mi sono limitato ad esprimere non critiche sul tricolore, ma delle perplessità su questioni semplicemente estetiche. Cosa avevo scritto?"la cosa che ha colpito di più è l'eccessivo imbandieramento di Gorizia, non solo le strade principali, o buona parte degli esercizi commerciali, ma anche ponti, parcheggi, strade secondarie. Una esagerazione di tricolori che lascia a dir poco perplessi." Cosa che ribadisco. Poiché a parer mio e non solo mio è stato collocato in punti che possiamo definire impropri. Così come è innegabile la disaffezione, per diversi motivi, perlopiù riconducibili al fatto che l'Italia mai si è assunta le sue responsabilità per ciò che combinato durante il ventennio e non solo. Tanto è bastato per sollevare ira e reazioni che a dirla tutta mi hanno fatto sorridere. Da chi mi ha augurato di emigrare in Corea, con tanto di colletta che sarebbero alcuni disposti a fare, ringrazio, saluto a pugno chiuso, ma declino l'invito, a chi ad andare al mare, a chi, tanto per cambiare, non sono nato a Gorizia e non posso capire, a chi ha proposto di mantenere il tricolore fino al centenario della prima presa di Gorizia, a chi ha manifestato simpatie per Don Camillo piuttosto che per Peppone. Ed a quanto pare tanto è bastato per aver contribuito al ritrovo dell'unità della destra goriziana, viene da pensare che erano messi proprio male se è bastato questo per il ritrovo della loro unità . Cosa sarebbe accaduto se avessi osato criticare il tricolore? Tutto ci può stare, in una Gorizia italianissima, che pare aver rimosso la sua storia, il suo passato austro-ungarico, quel passato che le ha dato tanto se non tutto quello che oggi ha, ma questa città si deve interrogare sul fatto che il nostro Paese si è dimenticato letteralmente della sua esistenza ed a furia di perdersi nella retorica, in un momento storico ove il Brexit stravolgerà, e non è detto negativamente, l'esistente, forse è il caso di interrogarsi su cosa l'Italia ha fatto concretamente per Gorizia da quando è venuta meno la questione dei confini, un bel nulla ed il miglior modo di difendere il tricolore è pretendere di più dal nostro Paese e dal nostro Stato e non perdersi nei soliti mille bla bla bla .

pubblicato sul Piccolo del 30 giugno

Commenti

Post popolari in questo blog

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…

Quella sera a Ruda... e Giulio ci ha fatto conoscere il dolore degli altri

Una miscela di emozioni, di sentimenti. E' stato definito come il pellegrinaggio per la verità e giustizia per Giulio. Sempre costantemente in movimento Paola e Claudio ed ovunque vengono accolti, abbracciati, incontrano l'affetto dell'Italia vera, quella che non ha accettato e mai potrà accettare l'ignobile compromesso che ha portato al cambio di rotta repentino segnato dalla politica di Roma, mai tanto distante quanto ora dalla via della verità e giustizia per Giulio. La politica ha intrapreso la via della normalizzazione dei rapporti, neanche due anni son trascorsi. E son bastati per ritornare amici come prima se non più di prima. D'altronde, lo scrivono in tutte le lingue, Italia ed Egitto sono in rapporto amichevole da 2000 anni. Come a dire, vuoi che 2000 anni di storia vengano compromessi da Giulio?  Non da Giulio, ma da chi ne ha cagionato la morte, da chi ha determinato depistaggi, sviamenti, distrazioni, da chi ha cercato di auto-assolversi, passando in …

Quando venne soppressa la provincia di Gorizia perchè troppo slava e l'italianizzazione dei cognomi a Ronchi

Il libro il " fascismo di Confine" di Degrassi, pubblicato in collaborazione con il Comune di Ronchi, offre dei dati storici interessanti. Principalmente incentrato sulle vicende complessive del Confine Orientale e della Venezia Giulia, si addentra anche su come il fascismo ha condizionato e stravolto la vita soprattutto a Ronchi passata dalla provincia di Gorizia a quella di Trieste, a cui vi rimarrà fino al '47, per poi ritornare a quella di Gorizia successivamente fino all'attualità che la vede nell'UTI Carso Isonzo Adriatico.

Le elezioni del 1921 segnarono l'inizio della fine della provincia di Gorizia come determinatesi dopo la fine della grande guerra. In quel collegio vi erano 117 mila abitanti di lingua italiana, 193 mila di lingua slovena, pari al 60%, circa 4 mila di lingua tedesca e circa 5 mila di altre lingue . Dunque era una provincia a forte connotazione slovena. La batosta che verrà subita a livello elettorale dal primo blocco fascista, dove no…