Passa ai contenuti principali

Cari/e goriziani/e vi scrivo a proposito del Tricolore


Con il DECRETO LEGISLATIVO PRESIDENZIALE 19 giugno 1946, n. 1 all'art. 8 si dispose che "Fino a quando non venga diversamente deliberato dall'Assemblea Costituente, la bandiera, nazionale e' formata da un drappo rettangolare, distinto verticalmente in tre sezioni eguali, rispettivamente dei colori verde, bianco e rosso. Il drappo deve essere alto due terzi della sua lunghezza, e i tre colori vanno distribuiti nell'ordine anzidetto, in guisa che il verde sia aderente all'inferitura." Poi la parola passò alla Commissione così detta dei 75 per la Costituente ove emerse un dibattito molto interessante proprio a proposito del tricolore.  Nel 1946 si propose questo articolo da inserire nella nostra Costituzione: «La bandiera della Repubblica italiana è verde, bianca e rossa». Vi fu chi pose una domanda di tal tipo: "se sia necessario o meno mettere un simile articolo nella Costituzione." Il relatore, Cevolotto, rispose che un articolo sulla bandiera vi è in tutte le Costituzioni. Togliatti riconobbe " l'opportunità dell'articolo, ma, così come è formulato, gli sembra insufficiente, in quanto non dice se i colori della bandiera sono disposti nella direzione orizzontale o in quella verticale. Rimane, inoltre, aperto il problema dell'emblema della Repubblica italiana che, se venisse approvato dalla Costituente, dovrebbe occupare il centro della bandiera." Nel 1947, quando riprese il dibattito, sul tricolore Clerici  propose una variazione, accorciando la formulazione originaria, motivandola in questo modo:  Onorevoli colleghi, la questione è minima, ma l'emendamento da me proposto si raccomandi per la sua brevità (sono otto parole, anziché 18 (Commenti); ed è un bel precedente se potessimo per altri articoli raggiungere simile risultato), per la incisività (perché sembra più perentorio, anche per il popolo, che dovrà apprendere la nostra Costituzione) ed anche per la serietà (perché mi pare che l'articolo proposto dalla Commissione sappia un po' di modello di sartoria). So che esso è la traduzione letterale di analoga disposizione della Costituzione francese." De Vita osservò che se non si stabilisce l'emblema, la bandiera italiana potrebbe confondersi con quella messicana, il  Presidente Tupini ritenne opportuno lasciare per il momento impregiudicata la questione dell'emblema, ma vi era chi propose questa formula: "recante nella banda centrale la lupa romana sormontata dalla corona civica turrita" o chi " recante nella banda centrale scudo con croce bianca in campo rosso sormontato da corona civica turrita". Alla fine l'articolo 12 della Costituzione venne approvato come oggi lo conosciamo: " La bandiera della Repubblica e` il tricolore italiano: verde, bianco e rosso, a tre bande verticali di eguali dimensioni". Il tricolore è la bandiera del nostro Paese, e sancito dalla nostra Costituzione. 
Nel mio noto intervento, sulla questione dell'imbandieramento di Gorizia per accogliere le "penne nere" mi sono limitato ad esprimere non critiche sul tricolore, ma delle perplessità su questioni semplicemente estetiche. Cosa avevo scritto?"la cosa che ha colpito di più è l'eccessivo imbandieramento di Gorizia, non solo le strade principali, o buona parte degli esercizi commerciali, ma anche ponti, parcheggi, strade secondarie. Una esagerazione di tricolori che lascia a dir poco perplessi." Cosa che ribadisco. Poiché a parer mio e non solo mio è stato collocato in punti che possiamo definire impropri. Così come è innegabile la disaffezione, per diversi motivi, perlopiù riconducibili al fatto che l'Italia mai si è assunta le sue responsabilità per ciò che combinato durante il ventennio e non solo. Tanto è bastato per sollevare ira e reazioni che a dirla tutta mi hanno fatto sorridere. Da chi mi ha augurato di emigrare in Corea, con tanto di colletta che sarebbero alcuni disposti a fare, ringrazio, saluto a pugno chiuso, ma declino l'invito, a chi ad andare al mare, a chi, tanto per cambiare, non sono nato a Gorizia e non posso capire, a chi ha proposto di mantenere il tricolore fino al centenario della prima presa di Gorizia, a chi ha manifestato simpatie per Don Camillo piuttosto che per Peppone. Ed a quanto pare tanto è bastato per aver contribuito al ritrovo dell'unità della destra goriziana, viene da pensare che erano messi proprio male se è bastato questo per il ritrovo della loro unità . Cosa sarebbe accaduto se avessi osato criticare il tricolore? Tutto ci può stare, in una Gorizia italianissima, che pare aver rimosso la sua storia, il suo passato austro-ungarico, quel passato che le ha dato tanto se non tutto quello che oggi ha, ma questa città si deve interrogare sul fatto che il nostro Paese si è dimenticato letteralmente della sua esistenza ed a furia di perdersi nella retorica, in un momento storico ove il Brexit stravolgerà, e non è detto negativamente, l'esistente, forse è il caso di interrogarsi su cosa l'Italia ha fatto concretamente per Gorizia da quando è venuta meno la questione dei confini, un bel nulla ed il miglior modo di difendere il tricolore è pretendere di più dal nostro Paese e dal nostro Stato e non perdersi nei soliti mille bla bla bla .

pubblicato sul Piccolo del 30 giugno

Commenti

Post popolari in questo blog

Ma se in Friuli Venezia Giulia si votasse per diventare Stato indipendente,cosa vincerebbe?

Se c'è una regione dove l'Italia ed il sentirsi italiano ha veramente preso poco, questa è certamente il Friuli Venezia Giulia. Non è l'unica in Italia, basta pensare alla Sardegna, al Trentino-Alto Adige, alla Sicilia, al Veneto, ma se si facesse qualche analisi più approfondita forse la maggior parte delle regioni italiane si sentono poco italiane. Il Friuli Venezia Giulia ha conseguito il suo stato di autonomia grazie al plurilinguismo, dal friulano, allo sloveno, al tedesco, e poi vi sono diversi dialetti, dal bisiaco, al triestino ecc. Una terra che nel corso della sua storia ha conosciuto diversi domini, diverse appartenenze, alcune profonde come quella con la Repubblica Veneta, o l'Impero Austroungarico, altre di passaggio e da un secolo oramai vi è l'Italia. Che si è presentata nei peggiori dei modi fin dall'origine, perchè il nome dell'Italia è coinciso con la fascistizzazione di questa area, con tutte le brutalità che ne sono conseguite, e sarà s…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Attraversando Pordenone (foto)