Passa ai contenuti principali

Gorizia non ha bisogno di centri commerciali

Gorizia è circondata da centri commerciali. Quello di Monfalcone, quello di Nova Gorica, quello di Villesse. Ricordo che quando venne inaugurato il centro commerciale di Villesse, venne addirittura sostenuto, con enorme entusiasmo, anche da parte di una certa sinistra che ne avrebbe beneficiato il turismo del nostro territorio. Sulla base di quali dati non è dato sapere. Chi si reca in un centro commerciale, specialmente come il TIARE, dove vi è di tutto e di più e forse anche oltre ogni più, per quale motivo deve poi recarsi a Trieste, Udine, Gorizia ecc centri situati a circa 30 km e più di distanza da quel luogo? Certo, qualcuno lo farà, ma saranno in pochi, salvo che non si inneschi un sistema di incentivi, anche economici e di promozione reale del territorio. Non basta scrivere sul sito quello che si può velocemente visitare a Trieste o ad Aquileia, incentivare il turismo è altra storia, complessa articolata ed il tutto deve essere necessariamente correlato alla politica. Chi si reca al centro commerciale lo fa perché è quella la destinazione. Un giro tra i negozi, un caffè al bar, la spesa, un film al cinema e poi a casa. I centri commerciali, per quanto belli, legittimi, hanno di fatto stante il funzionamento della società esistente risucchiato diverse piccole attività economiche e commerciali locali, in particolar modo tra Trieste e Gorizia. Ciò è inevitabile ed anche naturale, altrimenti quale concorrenza? Perché aprire un centro commerciale con centinaia di negozi? Perché la gente comune deve recarsi al negozio della propria città se nel centro commerciale può trovare offerte e prezzi imbattibili? Il Friuli Venezia Giulia è caratteristico per i suoi borghi, per le sue città a dimensione umana. Gorizia non è come Belgrado, dove pur essendoci un centro commerciale enorme e con negozi che in quelli italiani ci sogniamo di vedere, vede il suo centro storico essere in ogni caso attivo, vitale. A Gorizia, ma anche a Monfalcone, vi è stata una vera moria di piccole attività. Il centro è vuoto. La bella via Rastello è desolante, e se si continua così Gorizia diventerà solo un set cinematografico per qualche film. Gorizia dovrebbe invece guardare ad Est, su come funzionano i mercati, ad esempio. Penso al mercato coperto. Un gioiellino quello di Gorizia, ma ai minimi termini. Potrebbe accogliere oltre alla tipica attività di mercato, anche esposizione di prodotti dell'artigianato che attirano tanti turisti. Gorizia dovrebbe diventare un grande centro commerciale, sostenendo le piccole attività, quelle locali, e non favorendo l'edificazione dell'ennesimo centro commerciale, un mostro che comporterà una cosa sola, il totale svuotamento del centro di Gorizia e condizioni lavorative, come è noto e tanto per cambiare, precarie.  
In una società dove i diritti dei lavoratori sono ai minimi termini, dove essere pagati con il sistema becero dei voucher, è la normalità, la cui pericolosità da chi era competente in materia di diritto del lavoro venne denunciata fin da subito, ed oggi si scopre solo l'acqua calda. Per non parlare delle regole stringenti a cui rischiano di essere soggetti gli esercenti che decideranno di operare in loco, costretti ad aprire nei giorni e negli orari decisi dal centro commerciale, e se non lo faranno rischieranno di pagare penalità. Non è questo il modello a cui deve puntare Gorizia. Poi, se decide di volersi omologare al sinistro esistente fallimentare, all'ennesima inutile cementificazione, faccia pure, ma che non emergano lamentazioni poi, perché tornare indietro sarà impossibile e nella migliore delle ipotesi, una volta costruito, rimarrà l'ennesimo scheletro di cemento che nessuno potrà demolire.

Commenti

Post popolari in questo blog

Passo dopo passo il Nord è conquistato da chi vuole "l'indipendenza della Padania"

Ciò che non è entrato dalla porta principale, entra, anno dopo anno, passo dopo passo, in modo sistematico, con estrema pazienza ed intelligenza politica, dalle finestre che connotano la casa del Nord. Un Nord che è uscito con le ossa fratturate dalla crisi del 2007, divenuto isola felice per le mafie, per la corruzione, ma che ha continuato ad essere rispetto al Sud sempre il locomotore dell'Italia, Paese che sta all'Europa come il Sud Italia sta al Nord Italia. Ed il Nord non ci sta più. Pensiamo al Friuli Venezia Giulia, dove cortocircuiti storici sono anche visibili. Ovunque piazze dedicate all'Unità d'Italia che qui non poteva essere festeggiata perchè quando questa raggiunta non era mica contemplata l'Italia, ma si era in gran parte in quello che veniva definito come l'Impero felice a cui è stata anche dedicata una piazza e si continuano a dedicare statue o celebrarne i fasti nobiliari. E poi sarà in prima linea su due fronti di guerra catastrofici, la …

Salvare le scritte storiche sui muri delle nostre città dei tempi della guerra. Rischiano l'estinzione

Il Friuli Venezia Giulia è una polveriera storica impressionante. Anche se la storia che ovviamente si racconta di più e che ha sancito le sorti di quel presente che viviamo è quella del '900. Terra martoriata da due catastrofi mondiali e che ha rischiato, per la nota causa di Trieste, di scatenare anche la terza. Ci sono diverse testimonianze storiche di quel tempo, soprattutto della seconda guerra mondiale e delle fasi successive alla liberazione dal nazifascismo che caratterizzeranno le sorti di Trieste e dell'Isontino per diversi anni. Ad esempio si possono ancora oggi leggere in alcune località, come Monfalcone, Ronchi, delle scritte che inneggiano alla Jugoslavia, alla settima Repubblica Federativa Jugoslava. In rosso.
Sopravvissute al tempo, alla storia, alla memoria. Anche se a dire il vero ne sono rimaste solo una manciata e difficilmente leggibili. Ma anche per Trieste ci saranno testimonianze del genere come nelle località sicuramente interessate da questa contor…

Quel grave gesto di farsi fotografare alla tomba di Giulio Regeni. Violato il rispetto

Ci sono tombe diventate luoghi cult come quella di Jim Morrison, Oscar Wilde, che le guide turistiche non possono non indicare perchè è così che va il mondo. Ci sono tombe che sono espressione della grandezza storica di certi e dati eventi, come quelle dei partigiani, tutti luoghi dove farsi fotografare è legittimo. E poi ci sono luoghi dove dovrebbe governare l'assoluto buon senso e senso del rispetto. Siamo oramai entrati nel pieno del terzo anno dalla scomparsa di Giulio, tre anni di atroci e durissime lotte da parte della famiglia prima di tutto, tre anni alla ricerca continua e costante di quella verità per Giulio che è stata negata, compromessa, a colpi di effetti teatrali, menzogne, depistaggi, con l'aggravante di chi ha rappresentato l'Italia di effettivamente chinarsi ed arrendersi al torto di stato del compromesso. Se nel corso di questi anni praticamente non è mai circolata la foto della tomba di Giulio, qualcuno si sarà posto un minimo perchè? Già la famiglia …