Passa ai contenuti principali

Gorizia non ha bisogno di centri commerciali

Gorizia è circondata da centri commerciali. Quello di Monfalcone, quello di Nova Gorica, quello di Villesse. Ricordo che quando venne inaugurato il centro commerciale di Villesse, venne addirittura sostenuto, con enorme entusiasmo, anche da parte di una certa sinistra che ne avrebbe beneficiato il turismo del nostro territorio. Sulla base di quali dati non è dato sapere. Chi si reca in un centro commerciale, specialmente come il TIARE, dove vi è di tutto e di più e forse anche oltre ogni più, per quale motivo deve poi recarsi a Trieste, Udine, Gorizia ecc centri situati a circa 30 km e più di distanza da quel luogo? Certo, qualcuno lo farà, ma saranno in pochi, salvo che non si inneschi un sistema di incentivi, anche economici e di promozione reale del territorio. Non basta scrivere sul sito quello che si può velocemente visitare a Trieste o ad Aquileia, incentivare il turismo è altra storia, complessa articolata ed il tutto deve essere necessariamente correlato alla politica. Chi si reca al centro commerciale lo fa perché è quella la destinazione. Un giro tra i negozi, un caffè al bar, la spesa, un film al cinema e poi a casa. I centri commerciali, per quanto belli, legittimi, hanno di fatto stante il funzionamento della società esistente risucchiato diverse piccole attività economiche e commerciali locali, in particolar modo tra Trieste e Gorizia. Ciò è inevitabile ed anche naturale, altrimenti quale concorrenza? Perché aprire un centro commerciale con centinaia di negozi? Perché la gente comune deve recarsi al negozio della propria città se nel centro commerciale può trovare offerte e prezzi imbattibili? Il Friuli Venezia Giulia è caratteristico per i suoi borghi, per le sue città a dimensione umana. Gorizia non è come Belgrado, dove pur essendoci un centro commerciale enorme e con negozi che in quelli italiani ci sogniamo di vedere, vede il suo centro storico essere in ogni caso attivo, vitale. A Gorizia, ma anche a Monfalcone, vi è stata una vera moria di piccole attività. Il centro è vuoto. La bella via Rastello è desolante, e se si continua così Gorizia diventerà solo un set cinematografico per qualche film. Gorizia dovrebbe invece guardare ad Est, su come funzionano i mercati, ad esempio. Penso al mercato coperto. Un gioiellino quello di Gorizia, ma ai minimi termini. Potrebbe accogliere oltre alla tipica attività di mercato, anche esposizione di prodotti dell'artigianato che attirano tanti turisti. Gorizia dovrebbe diventare un grande centro commerciale, sostenendo le piccole attività, quelle locali, e non favorendo l'edificazione dell'ennesimo centro commerciale, un mostro che comporterà una cosa sola, il totale svuotamento del centro di Gorizia e condizioni lavorative, come è noto e tanto per cambiare, precarie.  
In una società dove i diritti dei lavoratori sono ai minimi termini, dove essere pagati con il sistema becero dei voucher, è la normalità, la cui pericolosità da chi era competente in materia di diritto del lavoro venne denunciata fin da subito, ed oggi si scopre solo l'acqua calda. Per non parlare delle regole stringenti a cui rischiano di essere soggetti gli esercenti che decideranno di operare in loco, costretti ad aprire nei giorni e negli orari decisi dal centro commerciale, e se non lo faranno rischieranno di pagare penalità. Non è questo il modello a cui deve puntare Gorizia. Poi, se decide di volersi omologare al sinistro esistente fallimentare, all'ennesima inutile cementificazione, faccia pure, ma che non emergano lamentazioni poi, perché tornare indietro sarà impossibile e nella migliore delle ipotesi, una volta costruito, rimarrà l'ennesimo scheletro di cemento che nessuno potrà demolire.

Commenti

Post popolari in questo blog

Con i confini della giusta sconfitta di Caporetto l'Italia oggi si fermerebbe a Treviso

Dal dannunzianesimo in poi, passando per retoriche risorgimentali estremizzate, irredentismi radicali, simulati patriottismi, l'Italia decise di aggredire l'Impero Austro Ungarico, occupando terre non italiane, anche se forse si poteva pur parlare l'italiano, anche se prevalentemente si parlavano dialetti locali oltre ovviamente allo sloveno, il tedesco, il friulano. Dove vi potevano essere radici latine, risalenti anche all'Impero Romano, ma non è che ovunque l'Impero Romano mise piede era da considerarsi Italia, perchè allora dovrebbero rivendicare anche l'Azerbaigian, senza dimenticare che l'Italia si formerà come Stato unitario poi solo nel 1861. Audacia, tenacia, scippati dalla terra contadini, ragazzi, famiglie senza più i loro figli, mandati a morire nel nome del niente. Arroganza, gestione criminale del conflitto, per conquistare fazzoletti di terra che ancora oggi si sentono poco italiani, perchè l'Italia è giovane, l'Italia unita si è fat…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Trieste chiude la libreria indipendente IN DER TAT, Davide questa volta ha perso contro Golia

"IN DER TAT“, prendendo in prestito un concetto che il filosofo Hegel riferiva alla cultura, significa in atto, in evoluzione. E’ per questo motivo che l’abbiamo scelto come nome per la nostra libreria, proprio perché pensiamo alla cultura come qualcosa in continuo mutamento(...)". Questo è quello che leggi nel sito di questa libreria, situata nella zona Cavana di Trieste, non più un bordello ottocentesco, ma un rione oramai destinato ad essere fashion, riqualificato, perfetto, una vetrina nella vetrina di Trieste, che ha snaturato la sua storia, che forse viene ricordata dalla statua di Svevo, niente di più. Una libreria che ha segnato per anni ed anni la storia di questo rione, un punto di riferimento culturale, sociale per triestini e non, appuntamenti di gran rilievo, dibattiti e confronti su più materie, i libri prendevano forma, vita attraverso anche gli incontri, le relazioni. Una libreria relazionale. Con il vecchio libraio o vecchia libraia, non per questione ana…