Passa ai contenuti principali

Gorizia ha perso non solo un grande avvocato ma anche un grande uomo


Non ho avuto né l'onore né il piacere umano di conoscere di persona l'avvocato Roberto Maniacco, morto, per un destino beffardo, non appena compiuto il 79° compleanno. Morto "sul campo" , perché fino all'ultimo momento si è dedicato allo studio, al Diritto penale. Nella chiesa del Sacro Cuore di Gorizia il primo aprile è stato possibile portare l'ultimo saluto a Roberto Maniacco. Ed in tale occasione si sono potute ascoltare alcune profondissime testimonianze. Sono stati ricordati gli anni della Gorizia del 1972. Una Gorizia, città dove non accadeva mai nulla, dove ci si tratteneva fino a tarda sera nelle osterie, ed anche nel mondo delle osterie sono stati "pescati" coloro che un sistema "marcio" aveva deciso che dovevano pagare per la tremenda strage di Peteano. E' stato ricordato il clima di quel tempo, di quando vennero arrestati i goriziani, condotti nella caserma dei Carabinieri, con la folla che incitava anche alla pena di morte. Erano tempi bui, ed era difficile opporsi ad un sistema totalmente sporco. Ma Roberto Maniacco, cultore e maestro del diritto penale e della ricerca della verità e della giustizia, ha dato una gran lezione di civiltà e giustizia a quel sistema. E non era facile. Non era facile. E ci voleva anche gran coraggio. Sono state ricordate le sue arringhe, che venivano introdotte da una frase  ritenuta di rito "cercherò di essere breve", quando breve non lo era, perché il diritto alla difesa non può e non deve conoscere limiti di tempo. Umorismo sottile, è stato detto, e lavorava fino a tarda notte svegliando anche alcuni colleghi, per confrontarsi, per chiedere una sostituzione in udienza. Ed a Roberto Maniacco non si poteva dire di no, non si poteva non rispondere, pur essendo ore inconsuete per quel tipo di telefonate. Ha difeso una quantità infinita di persone, e spesso anche gratuitamente, garantendo il diritto alla miglior difesa, a chi la miglior difesa non la poteva avere. Ha tenuto diversi corsi, anche di autodifesa a favore di tanti compagni, che ha anche difeso per processi considerati come politici e non solo. Uomo di altri tempi, Avvocato di altri tempi ed ha stupito fino all'ultimo. Si faceva leggere, è stato ricordato, le ultime sentenze della Massima Giurisprudenza, a causa di alcuni problemi che lo avevano colpito alla vista, perché voleva essere sempre aggiornato. Aggiornato sull'evoluzione del diritto penale, di cui è stato un Maestro. Maestro anche nella vita, offrendo la sua abitazione per accogliere un detenuto agli arresti domiciliari. Gorizia non ha perso solo un grande Avvocato, ma anche un grande Uomo, e quanto si è ascoltato nella Chiesa del Sacro Cuore di Gorizia, rimarrà impresso per sempre, come i suoi gesti. Un grande ed affettuoso abbraccio alla sua famiglia tutta.



Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …