Passa ai contenuti principali

Gorizia ha perso non solo un grande avvocato ma anche un grande uomo


Non ho avuto né l'onore né il piacere umano di conoscere di persona l'avvocato Roberto Maniacco, morto, per un destino beffardo, non appena compiuto il 79° compleanno. Morto "sul campo" , perché fino all'ultimo momento si è dedicato allo studio, al Diritto penale. Nella chiesa del Sacro Cuore di Gorizia il primo aprile è stato possibile portare l'ultimo saluto a Roberto Maniacco. Ed in tale occasione si sono potute ascoltare alcune profondissime testimonianze. Sono stati ricordati gli anni della Gorizia del 1972. Una Gorizia, città dove non accadeva mai nulla, dove ci si tratteneva fino a tarda sera nelle osterie, ed anche nel mondo delle osterie sono stati "pescati" coloro che un sistema "marcio" aveva deciso che dovevano pagare per la tremenda strage di Peteano. E' stato ricordato il clima di quel tempo, di quando vennero arrestati i goriziani, condotti nella caserma dei Carabinieri, con la folla che incitava anche alla pena di morte. Erano tempi bui, ed era difficile opporsi ad un sistema totalmente sporco. Ma Roberto Maniacco, cultore e maestro del diritto penale e della ricerca della verità e della giustizia, ha dato una gran lezione di civiltà e giustizia a quel sistema. E non era facile. Non era facile. E ci voleva anche gran coraggio. Sono state ricordate le sue arringhe, che venivano introdotte da una frase  ritenuta di rito "cercherò di essere breve", quando breve non lo era, perché il diritto alla difesa non può e non deve conoscere limiti di tempo. Umorismo sottile, è stato detto, e lavorava fino a tarda notte svegliando anche alcuni colleghi, per confrontarsi, per chiedere una sostituzione in udienza. Ed a Roberto Maniacco non si poteva dire di no, non si poteva non rispondere, pur essendo ore inconsuete per quel tipo di telefonate. Ha difeso una quantità infinita di persone, e spesso anche gratuitamente, garantendo il diritto alla miglior difesa, a chi la miglior difesa non la poteva avere. Ha tenuto diversi corsi, anche di autodifesa a favore di tanti compagni, che ha anche difeso per processi considerati come politici e non solo. Uomo di altri tempi, Avvocato di altri tempi ed ha stupito fino all'ultimo. Si faceva leggere, è stato ricordato, le ultime sentenze della Massima Giurisprudenza, a causa di alcuni problemi che lo avevano colpito alla vista, perché voleva essere sempre aggiornato. Aggiornato sull'evoluzione del diritto penale, di cui è stato un Maestro. Maestro anche nella vita, offrendo la sua abitazione per accogliere un detenuto agli arresti domiciliari. Gorizia non ha perso solo un grande Avvocato, ma anche un grande Uomo, e quanto si è ascoltato nella Chiesa del Sacro Cuore di Gorizia, rimarrà impresso per sempre, come i suoi gesti. Un grande ed affettuoso abbraccio alla sua famiglia tutta.



Commenti

Post popolari in questo blog

Non insegnare lo sloveno significa negare le radici slave del FVG

Numeri. Quantificazione. Dimmi quanto siete e ti dirò quanti diritti puoi avere. Dimmi chi sei e ti dirò che diritto potrai avere. Stiamo letteralmente dando i numeri ultimamente contro gli amici sloveni. Purtroppo qualche giapponese nella giungla in Friuli Venezia Giulia vi è ancora. Pensano di essere ancora ai tempi della guerra fredda o forse del fascismo dove tutto ciò che non era italiano andava annichilito, in particolar modo se era slavo. Concetti che già emergevano ai tempi della Carta del Carnaro dannunziana. La quale in modo fittizio tutelava le minoranze. Nel testo di quella carta emergeva che "nella terra di specie latina, nella terra smossa dal vomere latino, l’altra stirpe sarà foggiata o prima o poi dallo spirito creatore della latinità". E la soccombenza è avvenuta,come ben sappiamo con il fascismo, con i processi di italianizzazione forzata. Qualche nostalgico ancora oggi lotta contro il bilinguismo. I nazionalismi non appartengono più a questa epoca, vi è …

Celebrazione di D'Annunzio e Fiume, risponde l'Ambasciata croata: Basta celebrazioni ci attiveremo

Il cinque settembre, come è noto, avevo scritto una lettera all'Ambasciata della Repubblica di Croazia con sede in Roma in merito a quanto puntualmente ogni anno avviene in Monfalcone. Si celebra l'occupazione militare di Fiume ed un poeta razzista nei confronti dei croati quale D'Annunzio. Mi ero sempre chiesto ma perchè la Repubblica di Croazia tace? Probabilmente perchè non era a conoscenza di quanto accade in Italia? Per tagliare la testa al toro ho scritto la lettera di cui in premessa e mi ha risposto gentilmente ed in tempi anche rapidi il Ministro Plenipotenziario dell'Ambasciata della Repubblica di Croazia Mladenka Šarac-Rončević.


Questo il testo della sua risposta, come si potrà vedere chiaro, conciso:


"Ringraziamo della Sua mail del 5 settembre 2017. Condividiamo la Sua opinione che simili anniversari danneggiano l'atmosfera dei rapporti amichevoli tra i nostri due paesi e che celebrarli incita sentimenti nazionalistici. L'Ambasciata della …

A Gorizia migranti abbandonati in mezzo alla strada. Appello del volontariato: servono coperte,cibo,vestiti

Gorizia è una città che non vuole installazioni artistiche che dovrebbero rappresentare muri, perchè a dirla tutta di muri forse ne hanno già tanti in questa piccola città estrema e periferica d'Italia e dimenticata dall'Italia. E quello visibile contro i migranti fuori convenzione, cioè che non rientrano all'interno di certi e dati parametri numerici, che quindi rimangono letteralmente nel bel mezzo della strada, è diventato da anni l'assoluta normalità. Una vergogna indicibile. Altro che Gorizia umanitaria e solidale. Menzogne. Ovviamente non è questo il motivo che ha determinato in città la morte precoce di una mostra artistica. Sbatterti in faccia la realtà può essere un qualcosa di indigeribile. Una indigestione che la politica dell'apparenza deve perseguire. Così come a Gorizia continua a muoversi la macchina del volontariato. Variegato. Esistono diverse realtà. Diverse situazioni.  Da segnalare l'appello della comunità di volontariato indipendente L'…