Passa ai contenuti principali

Le missioni di Medici senza Frontiere in Italia: quella di Gorizia è l'unica con alloggi temporanei

Quando in giro per l'Italia racconti che a Gorizia da diversi mesi è presente Medici senza Frontiere perché il sistema della non accoglienza per i "fuori convenzione" è la normalità, vi è un senso di incredulità. Sul caso di Gorizia si è scritto tanto, e ad oggi il massimo che si è riuscito a conseguire è che quando si raggiunge la soglia x i bus sono pronti per portare via i richiedenti asilo, che qualche razzista chiama banalmente e volutamente clandestini. Nell'attesa di capire cosa deciderà il Tribunale goriziano e come valuterà quanto esposto sulle responsabilità diffuse istituzionali di un sistema non conforme ai principi comunitari e di uno stato di diritto in materia dell'obbligo di accoglienza, il sistema del volontariato continua a colmare le lacune. E le Istituzioni ovviamente ringraziano, quando va bene, anche perché si fa risparmiare lo Stato italiano. La questione disastrosa di Gorizia è nota, così come nota è l'assenza di un qualsiasi tavolo di regia e di collaborazione con l'intero territorio dell'Isontino. E' incredibile che ci sono Comuni che ospitano una quantità minima ma importante di profughi, ed altri zero. Ma ora arriva la primavera. I muri maledetti dell'Europa in fallimento crescono, si diffondono. E la "rotta balcanica" rischia, questa volta seriamente, di arrivare qui da noi. Gorizia inclusa. E se Gorizia ha risposto in questo modo, se Trieste per mesi ha chiuso gli occhi in merito alla indecente situazione del Silos, cosa mai potrà accadere? Questo è tutto quello che si domandano i cittadini. E la risposta non potrà che essere una, sarà un disastro se le cose continueranno in questo modo. 
Medici senza frontiere ha svolto una lavoro importantissimo a Gorizia e per Gorizia, insieme ad altre realtà del volontariato locale. Il ringraziamento che arriva, dopo aver tolto le patate bollenti alla politica della non accoglienza, è il rischio di "uno sfratto".  Certo gli alloggi erano e sono temporanei, come dovrebbe essere l'emergenza, temporanea. Ma qui di temporaneo non vi può essere nulla fino a quando non si affronta diversamente questa voluta problematica.
Ancora una volta la burocrazia diventa alibi per altri chiari ed evidenti motivi. Sul sito di Medici senza frontiere, in merito al caso di Gorizia si legge: "A Gorizia, MSF ha realizzato un alloggio temporaneo per offrire assistenza medico-umanitaria urgente a decine di richiedenti asilo che da settimane e mesi vivono a Gorizia, ma non hanno ancora trovato una situazione stabile a causa della mancanza di posti di accoglienza.MSF ha proposto, in accordo con la Caritas locale, la creazione di un alloggio temporaneo nell’area di San Giuseppe per ospitare i richiedenti asilo che arrivano in città e hanno diritto a ricevere assistenza. Un’equipe medica di MSF collaborerà con l’azienda sanitaria locale e la Croce Rossa per rinforzare il servizio medico. L’intervento proposto è temporaneo e ha l’obiettivo di consentire agli attori istituzionali locali di adottare soluzioni strutturate in grado di rispondere in maniera stabile alle necessità di accoglienza.". Questo è l'unico intervento di un simile tipo in Italia. A Pozzallo è previsto un servizio medico, a Ragusa e un servizio di supporto psicologico per i richiedenti asilo , a Roma  primo soccorso psicologico al Centro Baobab e alla tendopoli Tiburtina, A Ventimiglia, MSF è intervenuto con un team mobile formato da medico e dei mediatori culturali per valutare i bisogni medico-umanitari dei migranti bloccati alla frontiera con la Francia.
Insomma a Medici senza frontiere si deve semplicemente dire grazie. E chi può faccia una donazione a Medici Senza Frontiere questi gli estremi:
  • IBAN MSF: IT58D0501803200000000115000 - Banca Popolare Etica 
  • Conto Corrente Postale: n°87486007 intestato a Medici Senza Frontiere Onlus, via Magenta 5, 00185 Roma  Oppure vada sul sito internet su questa sezione: http://www.medicisenzafrontiere.it/sostienici

Commenti

Post popolari in questo blog

Passo dopo passo il Nord è conquistato da chi vuole "l'indipendenza della Padania"

Ciò che non è entrato dalla porta principale, entra, anno dopo anno, passo dopo passo, in modo sistematico, con estrema pazienza ed intelligenza politica, dalle finestre che connotano la casa del Nord. Un Nord che è uscito con le ossa fratturate dalla crisi del 2007, divenuto isola felice per le mafie, per la corruzione, ma che ha continuato ad essere rispetto al Sud sempre il locomotore dell'Italia, Paese che sta all'Europa come il Sud Italia sta al Nord Italia. Ed il Nord non ci sta più. Pensiamo al Friuli Venezia Giulia, dove cortocircuiti storici sono anche visibili. Ovunque piazze dedicate all'Unità d'Italia che qui non poteva essere festeggiata perchè quando questa raggiunta non era mica contemplata l'Italia, ma si era in gran parte in quello che veniva definito come l'Impero felice a cui è stata anche dedicata una piazza e si continuano a dedicare statue o celebrarne i fasti nobiliari. E poi sarà in prima linea su due fronti di guerra catastrofici, la …

Salvare le scritte storiche sui muri delle nostre città dei tempi della guerra. Rischiano l'estinzione

Il Friuli Venezia Giulia è una polveriera storica impressionante. Anche se la storia che ovviamente si racconta di più e che ha sancito le sorti di quel presente che viviamo è quella del '900. Terra martoriata da due catastrofi mondiali e che ha rischiato, per la nota causa di Trieste, di scatenare anche la terza. Ci sono diverse testimonianze storiche di quel tempo, soprattutto della seconda guerra mondiale e delle fasi successive alla liberazione dal nazifascismo che caratterizzeranno le sorti di Trieste e dell'Isontino per diversi anni. Ad esempio si possono ancora oggi leggere in alcune località, come Monfalcone, Ronchi, delle scritte che inneggiano alla Jugoslavia, alla settima Repubblica Federativa Jugoslava. In rosso.
Sopravvissute al tempo, alla storia, alla memoria. Anche se a dire il vero ne sono rimaste solo una manciata e difficilmente leggibili. Ma anche per Trieste ci saranno testimonianze del genere come nelle località sicuramente interessate da questa contor…

Quel grave gesto di farsi fotografare alla tomba di Giulio Regeni. Violato il rispetto

Ci sono tombe diventate luoghi cult come quella di Jim Morrison, Oscar Wilde, che le guide turistiche non possono non indicare perchè è così che va il mondo. Ci sono tombe che sono espressione della grandezza storica di certi e dati eventi, come quelle dei partigiani, tutti luoghi dove farsi fotografare è legittimo. E poi ci sono luoghi dove dovrebbe governare l'assoluto buon senso e senso del rispetto. Siamo oramai entrati nel pieno del terzo anno dalla scomparsa di Giulio, tre anni di atroci e durissime lotte da parte della famiglia prima di tutto, tre anni alla ricerca continua e costante di quella verità per Giulio che è stata negata, compromessa, a colpi di effetti teatrali, menzogne, depistaggi, con l'aggravante di chi ha rappresentato l'Italia di effettivamente chinarsi ed arrendersi al torto di stato del compromesso. Se nel corso di questi anni praticamente non è mai circolata la foto della tomba di Giulio, qualcuno si sarà posto un minimo perchè? Già la famiglia …