Passa ai contenuti principali

Ecco come sarebbe avvenuta la distruzione di 33 mila fascicoli SIFAR, spiate più di 150 mila persone

Pochi giorni dopo la strage dell'Italicus, si avvierà la distruzione dei così detti fascicoli SIFAR. Uno schedario immenso, acquisito in modo illegittimo, con il quale si sono prese informazioni dettagliate su una marea di persone, dal sindacale, al politico, al militare, al giornalistico ecc, tra il 1956 ed il 1966. I fascicoli in totale erano 40.331. In un registro di protocollo  erano stati a suo tempo iscritti in ordine progressivo i nominativi degli intestatari di fascicoli man mano che gli stessi venivano impiantati. 
Da tale registro erano rilevabili  i nominativi sia dei titolari di fascicoli riconosciuti illegittimi dalla Commissione d'inchiesta esaminatrice, e conseguentemente distrutti(33.092),sia dei titolari di fascicoli ritenuti legittimi dalla predetta Commissione e quindi  conservati agli atti(7.239).

Il 9 agosto del 1974 alle ore 8.30, come si legge nella bozza di verbale, redatta da alcuni componenti della commissione nominata dal Sig. Ministro della Difesa, avrà inizio l'operazione relativa all'incenerimento dei fascicoli dell'ex SIFAR ritenuti illegittimi dalla commissione BEOLCHINI. I componenti della Commissione nominata dal Ministro della difesa, che assisteranno alle operazioni di distruzione saranno: l'onorevole Guadalupi, il senatore Garavelli, il tenente.gen. Santacroce, il dott. Caccioppoli, il dott. Barbato, il col. Siracusa. 
Entrati nel locale munito di serratura di sicurezza, sito al piano terra della palazzina n.4 del comprensorio militare di Forte Braschi, sede del Reparto "D" dove è custodito il materiale congelato si rinvenivano 10 armadi corazzati Sarmet 258 " in cui sono sistemati 10.384 raccoglitori contenenti, complessivamente 16.884 fascicoli intestati a singole persone.7.458 atti non nominativi e n° 68 pacchi sigillati contenenti minute di atti. Inoltre sopra gli armadi corazzati sono sistemati altre 230 raccoglitori sigillati contenenti n° 16.208 fascicoli intestati a singole persone per cui il totale dei fascicoli intestati ascende complessivamente a 33.092". Dopo la constatazione si è provveduto a mezzo di personale dell'Arma dei Carabinieri in servizio al S.I.D. a sistemare i raccoglitori ed i pacchi sigillati in apposite scatole di cartone che, in presenza dei membri della Commissione " sono state chiuse con nastro adesivo e caricate su autocarri. Questi scortati da personale dell'Arma dei Carabinieri in servizio al SID hanno trasportato tutto il materiale all'inceneritore dell'aeroporto di Fiumicino".
Pertanto, l'intera documentazione viene raccolta a cura dell'Arma dei Carabinieri in 195 contenitori di scatole di cartone, chiuse con nastro adesivo e caricate su appositi mezzi. Le operazioni sono durate sino alle 9.15 del 10 agosto del 1974.
A conclusione della relazione, si legge la seguente nota: "il Sig. Ministro, informato, ha manifestato viva soddisfazione per come è stata condotta l'operazione. Farà pervenire una nota di compiacimento, possono essere inoltrate proposte di premio per il personale".Come avrebbero effettuati i controlli sui fascicoli del mistero destinati alla distruzione?
A campione, sulle "singole schede di riferimento e relativa corrispondenza dei numeri, nominativi, argomenti con i relativi fascicoli".
Non sono stati controllati, dunque, tutti i fascicoli. Alle dette relazioni, poi, sono state allegate diverse foto, che vorrebbero provare l'avvenuta distruzione dei detti fascicoli SIFAR.


Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…