Passa ai contenuti principali

Ronchi e turismo è necessario fare sistema nel patrimonio culturale del FVG

Da pochi giorni è disponibile l'importante sito internet dell'Istituto regionale per il Patrimonio Culturale del Friuli Venezia Giulia (IPAC), subentrato nel 2015 al Centro regionale di catalogazione e restauro dei beni culturali, è un ente funzionale e autonomo della Regione. Si legge che tra gli scopi che si vogliono conseguire vi è “la partecipazione attiva di cittadini, associazioni, enti locali, università, scuola, in un processo di conoscenza partecipata e inclusiva, che garantirà politiche efficaci di tutela e valorizzazione; la valorizzazione come obiettivo di una società civile che tiene alla sua identità e quindi alla sua storia, superando la contrapposizione tra tutela e promozione, cultura e turismo e caratterizzando fortemente l’offerta turistica in senso culturale” e non solo. Una risorsa fondamentale per la nostra regione ed anche il nostro Territorio. Alla sezione di Ronchi emergono diverse voci, da oltre 300 fotografie, all'elenco di diversi beni, una decina di opere d'arte, ben 23 architetture degno di rilievo artistico e diversi reperti archeologici. E qui sorgono alcuni inevitabili interrogativi. Come è noto a Ronchi vi è la storica “villa Romana” che vede buona parte della struttura essere ancora coperta da soli 60 cm di terra, all'interno dell'area aeroportuale. E’ stato inaugurato a Ronchi il nuovo Antiquarium; l’edificio, che in passato ospitava un antico fienile di pertinenza di un’azienda agricola formata dalla villa padronale settecentesca, conserva al piano terra una collezione di reperti provenienti dalla villa romana. E La visita del sito archeologico e dell’Antiquarium sono possibili su richiesta. Ma facendo una ricerca su quel sito internet emergono cose interessanti, per esempio vi è una stele ritrovata a Ronchi, parallelepipeda inornata, corniciata da un largo listello liscio che si raccorda allo specchio epigrafico profondamente incassato mediante un'ampia gola rovescia che è conservata ad Aquileia . Idem per la stele con fusto liscio ("Schaftstele") e timpano inserito corniciato da un listello liscio su tutti e tre i lati e una gola rovescia solo nei rampanti. O per una porzione superiore sinistra di ara con coronamento modanto e specchio delimitato da cornici. E Nella faccia laterale sinistra in parte conservata è inciso un rilievo con figura equina. Mentre a Trieste, in base a quello che si legge nel sito, è conservato un meraviglioso mosaico policromo su campo bianco. Al centro vi è un ampio tappeto riquadrato da una treccia policroma a due capi. Il tappeto è ornato da un motivo composto da croci e losanghe alternate con effetto di mezze stelle di otto losanghe. Gli spazi di risulta sono ornati da motivi floreali, coppe, brocche, kantharoi, etc.. Il quadrato centrale presenta una bottiglia, uno skyphos e un poculum. Anche se si segnala che si notano due restauri poco accurati . Ma non è l'unico. Vi è anche un mosaico a campo bianco a orditura obliqua. Nel mezzo vi è un tappeto di forma rettangolare, riquadrato da una fascia nera; al centro compare uno pseudoemblema rettangolare in opus sectile. Il tappeto centrale è ornato da scaglie marmoree di vari colori. Una larga fascia nera segna il perimetro presso le pareti. Sulla preparazione del pavimento erano segnate le linee guida. Nel campo è visibile un restauro antico, effettuato con tessere nere disposte in maniera disordinata. 
Anche questo  conservato a Trieste. 
Mentre risulta che non è possibile stabilire lo stato di conservazione attuale del bene, ritrovato a Ronchi, che ora elencherò. 
E quello che si chiede è perché il bene non si da dove sia finito? Per esempio parte del viso di una statua in bronzo, del peso di 1605 g, oppure frammenti di ceramica "appartenenti alla cultura dei castellieri", oppure durante la demolizione della chiesa di San Leonardo, già sita in Borgo San Vito, tra Ronchi e Staranzano, fu rinvenuta l'iscrizione, evidentemente funeraria, L. VIBIUS L.F. VEL. Oppure In un'area a nord dell'abitato di Vermegliano, sulla base di ricognizioni effettuate negli anni '60-'70 del secolo scorso, si segnala il rinvenimento di materiali sporadici, attribuibili ad epoche diverse: ceramica, industria litica, una fibula in ferro e un ipotetico frammento di statuina in bronzo. Ed anche nel 1956, nell'area dell'ex cimitero a est della chiesa di San Lorenzo, si mise in luce un tratto stradale della lunghezza di circa 2 m realizzato con ciottoli di grossa pezzatura, malta e frammenti di laterizi. Abbiamo tante risorse artistiche e culturali in questo Paese, ed il Friuli Venezia Giulia con i suoi 127 siti è una Regione che potrebbe vivere molto di e con il turismo. Ronchi inclusa. 
Ma è necessario fare sistema, investendo in tal senso, ed è importante anche “riprendersi” i beni di Ronchi e riportarli a Ronchi perché di risorse artistiche ve ne sono e vanno valorizzate e fatte conoscere.

Commenti

Post popolari in questo blog

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…

La comunità di Ronchi abbraccia la famiglia di Giulio Regeni

Non esiste altro modo che definire come un grande ed immenso abbraccio quello che si è realizzato nella serata di sabato 11 novembre a Ronchi nella sala della Chiesa di Santa Maria Madre. L'abbraccio alla famiglia di Giulio Regeni, a papà Claudio, alla mamma Paola, alla sorella Irene, ad una famiglia meravigliosa che non ha mai smesso per un solo giorno in questi oltre 21 mesi da quel maledetto 3 febbraio 2016 di battersi per la verità e giustizia per Giulio.

Diciamolo pure, quello che è successo dopo la barbara uccisione di Giulio per mano e volere di chi qualcuno lo vorrebbe ancora come innominabile, è un qualcosa di assolutamente straordinario pur nella drammaticità di questa storia, che è diventata la nostra storia. Da quasi due anni continua a resistere, a crescere, a battere colpi ogni giorno ed essere sempre lì in rete la parola chiave, verità per Giulio. E' in continuo movimento. Internazionale, globale, senza età, Ha raggiunto ogni angolo di questo nostro mondo. Ha p…

Quando venne soppressa la provincia di Gorizia perchè troppo slava e l'italianizzazione dei cognomi a Ronchi

Il libro il " fascismo di Confine" di Degrassi, pubblicato in collaborazione con il Comune di Ronchi, offre dei dati storici interessanti. Principalmente incentrato sulle vicende complessive del Confine Orientale e della Venezia Giulia, si addentra anche su come il fascismo ha condizionato e stravolto la vita soprattutto a Ronchi passata dalla provincia di Gorizia a quella di Trieste, a cui vi rimarrà fino al '47, per poi ritornare a quella di Gorizia successivamente fino all'attualità che la vede nell'UTI Carso Isonzo Adriatico.

Le elezioni del 1921 segnarono l'inizio della fine della provincia di Gorizia come determinatesi dopo la fine della grande guerra. In quel collegio vi erano 117 mila abitanti di lingua italiana, 193 mila di lingua slovena, pari al 60%, circa 4 mila di lingua tedesca e circa 5 mila di altre lingue . Dunque era una provincia a forte connotazione slovena. La batosta che verrà subita a livello elettorale dal primo blocco fascista, dove no…