Passa ai contenuti principali

Il documento ANPI per il congresso nazionale: due punti assurdi su migranti e giorno del ricordo


Il 2016 sarà l'anno della svolta per l'ANPI? Sicuramente sarà l'anno dei congressi locali, che dovranno definire i nuovi direttivi per arrivare al congresso nazionale di Rimini previsto per il mese di Maggio del 2016. Per l'occasione è stato realizzato un documento di base a dir poco corposo  dove si affrontano varie questioni importanti. 
Ma vi sono due punti che a parer mio devono necessariamente essere cancellati.   Il primo riguarda la questione sui migranti. Se è condivisibile la lettura che viene conferita nelle premesse soprattutto lì ove si scrive che “risolvere il grande problema dell’accoglienza, che non vuol dire solo ricevere, ospitare, rifocillare i “profughi”, ma – se tali sono – accettarli, consentire loro di inserirsi nel contesto economico e sociale dei Paesi che li ospitano, puntando a trasformarli, in futuro, in cittadini, a cui insegnare anche la lingua e le regole del Paese in cui si trovano. Solo in questo modo un problema biblico, può assumere i caratteri, non solo della solidarietà, ma anche quelli di un inserimento (integrazione) positivo e valido nel tessuto produttivo e sociale degli “ospitanti”, come già in molti casi sta avvenendo”. 
Reputo grave il passaggio seguente: “Questo non significa, ovviamente, “accoglienza per tutti”; bisogna anche selezionare, oltretutto disciplinando meglio e in modo più adeguato la normativa sul diritto d’asilo. In questo modo, una parte notevole di quella folla di fuggiaschi può trasformarsi perfino in una risorsa, respingendo invece chi cerca avventure e operazioni non lecite.” Ora mi si deve spiegare chi siamo noi dell'ANPI per poterci arrogare il diritto di elevare tale formula? Come selezionare? Chi selezionare? Con quale criterio? E cosa significa respingere chi cerca avventure? Come si possono formulare tali simili ed allucinanti concetti? La resistenza o meglio parte di essa che era poi quella più corposa aveva tra i propri ideali una società diversa, di accoglienza, di integrazione, senza più muri, una società fondata sull'uguaglianza tra le persone senza distinzione e discriminazione alcuna. Non è competenza dell'ANPI decidere chi o non chi possa essere accolto, o chi “selezionare” è competenza dell'ANPI battersi per una società equa, ove la democrazia reale sia piena, senza guerre, senza confini e fascismi nuovi e vecchi. Tale passaggio che non dovrebbe stupire se prodotto in documento di una forza politica di destra, lascia a dir poco basiti per il fatto che sia stato prodotto nel documento base che dovrebbe dettare i punti di riferimento per la governance che l'ANPI nazionale dovrà avere.
Altro punto dolente è quello relativo ai giorni fondamentali da celebrare. Si legge: “Restano fondamentali: il 27 Gennaio (Giornata della memoria), il 25 aprile (Festa della Liberazione), il 9 maggio (Giorno dedicato alle vittime del Terrorismo e delle Stragi), il 2 giugno (ormai consolidato come Festa della Repubblica e della Costituzione), il 10 febbraio (Giornata del Ricordo, ma di tutto il ricordo storico e non solo di una parte di esso, come molti vorrebbero)”
Ma come si può pensare di dover legittimare, riconoscere il giorno del 10 febbraio? E' un passo decisivo verso la revisionistica memoria condivisa? E' il caso di ricordare alcune brevi cose. Durante il processo parlamentare che ha condotto all'approvazione della citata legge, vi sono stati alcuni interventi che devono essere segnalati e letti perché sono quelli che meglio rappresentano l'essenza di quella legge.

Il primo è quello del Senatore Servello di An : “Tornando al significato complessivo del «Giorno del ricordo», l'elemento decisivo mi sembra consistere nel fatto che la data prescelta sia il 10 febbraio, giorno del Trattato di Parigi che impose all'Italia la mutilazione delle terre adriatiche. Se invece, come avevano inizialmente proposto i vertici DS, fosse stata scelta la data del 20 marzo, giorno in cui partì da Pola l'ultimo piroscafo con la nostra gente, gran parte del significato storico-politico del «Giorno del ricordo» sarebbe probabilmente andato perduto”.

Il secondo è quello del Senatore Pedrizzi sempre di AN : “Non si può nemmeno dimenticare, per carità di Patria, nemmeno per opportunità o meglio opportunismo politico la grave responsabilità della classe politica dirigente italiana nella rinuncia alla Zona B del mai nato territorio di Trieste. Questione che nel 1974 l'allora Presidente della Repubblica sbrigò con questa battuta: «Non faremo la guerra certamente per cinquecento metri di terreno» laddove si trattava di oltre cinquecento chilometri quadrati di terra italiana. Senza il Trattato di Osimo del 1975, infatti, oggi quelle terre sarebbero automaticamente italiane. Sarebbe bastato solamente che la nostra diplomazia di Governo avesse avuto il senso della Nazione oltre ad un minimo di lungimiranza politica in grado di farle intuire che qualcosa sarebbe cambiato…”. Interventi effettuati nel giorno 11 marzo 2004. Come ha avuto modo di rilevare il Senatore Basso, dei DS, che poi alla fine comunque voterà a favore di questa legge“ Si parte, magari come fa il senatore Servello, dalla richiesta della restituzione dei beni agli esuli, per poi magari pretendere la restituzione dei territori”. 

Un Paese normale e rispettoso della propria storia, prima di istituire qualsiasi giorno del ricordo dovrebbe, come minimo, vagliare con attenzione tutte le fonti e non solamente quelle di parte. Ma ciò non è accaduto e non accadrà. Insomma si è verificato un processo al contrario. Prima si istituisce una legge quale quella che istituisce il giorno del ricordo, nei cui passaggi parlamentari le cifre,con riferimento all'esodo, ruotavano intorno alle 350 mila unità, non corrispondenti al vero, però poi si chiede di sapere, come da interpellanze prodotte successivamente, se quella cifra corrisponda al vero o meno. Questione di serietà, cosa che l'Italia non conosce. Ma quella Legge nasce anche con un chiaro spirito irredentista. Spirito che è stato strumentalizzato e manovrato per legittimare l'entrata in guerra dell'Italia e la contestuale invasione di terre ove le pietre certamente non parlavano italiano. Lo scopo era esercitare l'egemonia in buona parte dell'Adriatico, uno scopo che doveva trovare legittimazione e da qui è partita tutta l'epopea culturale ed intellettuale,come cavalcata dai circoli di potere, che sotto il principio dell'Italia fisica, della superiorità della “razza italica” rispetto a quella “selvaggia dei barbari” ha determinato processi di violenza inaudita e neanche puniti. Questo secolo, a dir poco turbolento, soprattutto per la rinascita di fuochi di carattere nazionalistico, non lascia ben certo sperare. Ed il tutto speculando sulla vita e la morte. Un Paese serio, che si professa come cultore della pace e garante del rispetto dei rapporti internazionali, abrogherebbe senza pensarci due volte una simile legge. Con questo non significa che non debbano essere ricordate le vicissitudini di chi ha lasciato la terra in cui magari è cresciuto, le proprie case, le sofferenze vissute, per non aver in via prevalente accettato la perdita della sovranità italiana su terre state italiane per pochi anni, e non aver accettato il sistema comunista jugoslavo, e conseguentemente  non voler divenire cittadino jugoslavo, senza dimenticare le centinaia di provvedimenti legislativi adottati ad hoc, il ricollocamento mirato in alcune realtà, come a Gorizia, che è stato determinante per l'assegnazione di Gorizia all'Italia, i milioni e milioni di euro stanziati nel corso degli anni alle realtà variegate di carattere associativo che operano in funzione di quella Legge,  ma sicuramente la base di partenza non è e non può essere la legge sul giorno del ricordo. Legge che tra le altre cose, per come strumentalizzata, usata, indirizzata, stante anche lo scopo per cui è nata, ha fatto solo del male alla memoria degli esuli. Ed il fatto che l'ANPI voglia celebrarla pur con la precisazione che di tutto il ricordo debba trattarsi, non ci siamo proprio. Illusione, utopia, perché quella Legge è nata per uno scopo chiaro e questo non si può far finta di non comprenderlo. E quello scopo è incompatibile con la storia della nostra resistenza, dell'antifascismo, dell'ANPI.  Confido che durante i dibattiti che si svolgeranno nei vari congressi locali, in vista del congresso nazionale, questi punti possano essere rivisti, riformulati se non totalmente troncati.



iscritto ANPI

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

FVG pride se la marcia evita il duomo di Udine

Si svolgerà ad Udine il FVG Pride e la notizia del 15 maggio, quando è stato reso noto il percorso è che la marcia eviterà il duomo. Il comitato organizzatore, come è emerso al TG3 del FVG, ha deciso di evitare il duomo e di mantenere le vie "storiche" dove vi è stata maggiore accoglienza e soprattutto in sostanza per evitare polemiche ecc ecc. Che dire? Che passare davanti al duomo non sarebbe stata una provocazione, anche perchè quante persone che parteciperanno al Gay pride sono credenti o cattoliche? Ma in Italia siamo ancora a questi livelli, quasi da medioevo, e se posso capire le preoccupazioni di chi fino all'altro giorno non poteva neanche uscire di casa perchè omosessuale, perchè in questo Paese vi è un tasso di omofobia inquietante, allora da laico quello che auspico è che le processioni o manifestazioni religiose evitino da questo preciso momento luoghi simbolici importanti, come le scuole od i Municipi, per non turbare le coscienze di chi non è credente.
M…