Passa ai contenuti principali

Il Rinvio del PTOF al 15 gennaio 2016 e l'incapacità del legislatore in materia scolastica

Più volte è stato scritto e detto che la Legge 107 del 2015 è pessima, e che è stata scritta senza neanche conoscere nel dettaglio (dettagli che per la scuola sono fondamentali) come funziona la scuola. E' noto che nella legislazione scolastica vi sono norme che risalgono addirittura ai primi del '900 che spesso la prassi diventa norma fondamentale che la certezza del diritto, che il principio di legalità sono deboli se non, a volte, insussistenti.
Ora, la Legge 107 del 2015 prevedeva come termine, da intendersi non come perentorio visto che non vi erano sanzioni o decadenze ad esso correlato, per la realizzazione del PTOF il mese di ottobre. Il MIUR che sicuramente si trova in una fase storica difficile, perché chiamato a chiarire se non interpretare la Legge 107, le cui circolari sono sempre in attesa su qualsiasi punto, con una semplice note, la 2157, si inventa un termine nuovo per la realizzazione del PTOF, ovvero il 15 gennaio 2016. 
Il motivo? Da un lato la scadenza del dimensionamento scolastico da parte delle Regioni (31 dicembre 2015) e dall'altro la possibilità con tale tempistica di garantire praticamente in modo compiuto "lo svolgimento delle successive procedure per l'avvio dell'anno scolastico 2016/2017 a cominciare dalle iscrizioni degli alunni che, presumibilmente, dovrebbero concludersi entro la metà di febbraio 2016". Il  legislatore, che non dovrebbe ignorare la Legge, come ha potuto prevedere un termine, che non potrà essere rispettato, stante la scadenza di cui al dimensionamento scolastico? Che viene reputato fondamentale per la stesura del PTOF? Perché non prevedere una deroga espressa per le istituzioni scolastiche coinvolte da tale casistica all'interno del provvedimento legislativo primario? E soprattutto, può il MIUR con una nota imporre un termine perentorio, derogando, senza averne il potere, un termine generale come determinato dalla fonte primaria di diritto?Se il termine del 15 gennaio non verrà rispettato,cosa possibile, cosa accadrà? Arriverà un nuovo rinvio, come accaduto per il RAV? Le scuole verranno commissariate?  E' sicuramente positivo il fatto che il PTOF sia stato rinviato, ma tale situazione ben evidenzia l'incapacità del legislatore, e le responsabilità che cadono nei confronti del MIUR chiamato a sanare, con poteri anche che rischiano di essere eccessivi, quelle situazioni come determinate da chi, con fretta inspiegabile, ed anche ignoranza, ha voluto riscrivere l'intera materia scolastica. Non oso pensare cosa mai potrà accadere quando arriveranno i primi decreti legislativi in materia di riordino della materia complessiva scolastica, quanti pezzi si perderanno per strada? Verrebbe da ridere, ma qui vi è solo da piangere. 

Marco Barone
pubblicato per Tecnica della Scuola 

Commenti

Post popolari in questo blog

Regionali FVG 2018 se a qualcuno interessano i programmi...

Si voterà in prossimità del ponte, una grande pensata che altro non farà che favorire già quello che si sa che sarà, una partecipazione al voto calante,e chiunque vincerà non vincerà tanto per il suo programma elettorale innovativo o superlativo, profondo o leggero o geniale che questo sia. I programmi oramai trovano il tempo che trovano ci puoi mettere di tutto e di più. Da chi parlerà di TAV a chi parlerà di tutela dell'identità friulana o slovena a chi di zone agevolate interesserà poco alla maggior parte dei cittadini. Perchè ragioneranno sulla base di quello che hanno vissuto, un vissuto che è fatto di esperienze, di questioni concrete. E soprattutto di un rigurgito chiaro e netto nei confronti di un certo modo di fare e concepire la politica ed il bene comune sempre più degradato e sacrificato all'altare dell'austerità e della globalizzazione selvaggia che ha favorito il ritorno di nazionalismi anacronistici e ucciso identità e specificità che meritavano tutela. Ogn…

L'Italia e l'alleanza con gli USA, una scelta di campo?

Così Gentiloni sulla questione Siria: voglio solo dire, in conclusione, che l'Italia non è un Paese neutrale, non è un Paese che sceglie di volta in volta, di fronte a questa o a quella crisi, se schierarsi con l'Alleanza atlantica o schierarsi da un'altra parte. Noi siamo coerentemente, da più di sessant'anni, partner fondamentali dell'Alleanza atlantica e alleati degli Stati Uniti. Siamo alleati dell'America, voglio dire: non è un problema di rapporti con questo o quel presidente americano. Siamo stati alleati dell'America con Kennedy e con Nixon, con Clinton e con Reagan, con Bush e con Obama e lo abbiamo fatto perché - lo dico senza infingimenti - è una scelta di campo. È una scelta di campo. È una scelta di campo che deriva certamente dal fatto che l'America, insieme agli alleati, ci ha liberato dal nazifascismo e che certamente deriva dai nostri interessi di difesa e di sicurezza del Paese, ma non è solo questo. È una scelta di campo che deriva da…

Salvare le scritte storiche sui muri delle nostre città dei tempi della guerra. Rischiano l'estinzione

Il Friuli Venezia Giulia è una polveriera storica impressionante. Anche se la storia che ovviamente si racconta di più e che ha sancito le sorti di quel presente che viviamo è quella del '900. Terra martoriata da due catastrofi mondiali e che ha rischiato, per la nota causa di Trieste, di scatenare anche la terza. Ci sono diverse testimonianze storiche di quel tempo, soprattutto della seconda guerra mondiale e delle fasi successive alla liberazione dal nazifascismo che caratterizzeranno le sorti di Trieste e dell'Isontino per diversi anni. Ad esempio si possono ancora oggi leggere in alcune località, come Monfalcone, Ronchi, delle scritte che inneggiano alla Jugoslavia, alla settima Repubblica Federativa Jugoslava. In rosso.
Sopravvissute al tempo, alla storia, alla memoria. Anche se a dire il vero ne sono rimaste solo una manciata e difficilmente leggibili. Ma anche per Trieste ci saranno testimonianze del genere come nelle località sicuramente interessate da questa contor…