Passa ai contenuti principali

Il Rinvio del PTOF al 15 gennaio 2016 e l'incapacità del legislatore in materia scolastica

Più volte è stato scritto e detto che la Legge 107 del 2015 è pessima, e che è stata scritta senza neanche conoscere nel dettaglio (dettagli che per la scuola sono fondamentali) come funziona la scuola. E' noto che nella legislazione scolastica vi sono norme che risalgono addirittura ai primi del '900 che spesso la prassi diventa norma fondamentale che la certezza del diritto, che il principio di legalità sono deboli se non, a volte, insussistenti.
Ora, la Legge 107 del 2015 prevedeva come termine, da intendersi non come perentorio visto che non vi erano sanzioni o decadenze ad esso correlato, per la realizzazione del PTOF il mese di ottobre. Il MIUR che sicuramente si trova in una fase storica difficile, perché chiamato a chiarire se non interpretare la Legge 107, le cui circolari sono sempre in attesa su qualsiasi punto, con una semplice note, la 2157, si inventa un termine nuovo per la realizzazione del PTOF, ovvero il 15 gennaio 2016. 
Il motivo? Da un lato la scadenza del dimensionamento scolastico da parte delle Regioni (31 dicembre 2015) e dall'altro la possibilità con tale tempistica di garantire praticamente in modo compiuto "lo svolgimento delle successive procedure per l'avvio dell'anno scolastico 2016/2017 a cominciare dalle iscrizioni degli alunni che, presumibilmente, dovrebbero concludersi entro la metà di febbraio 2016". Il  legislatore, che non dovrebbe ignorare la Legge, come ha potuto prevedere un termine, che non potrà essere rispettato, stante la scadenza di cui al dimensionamento scolastico? Che viene reputato fondamentale per la stesura del PTOF? Perché non prevedere una deroga espressa per le istituzioni scolastiche coinvolte da tale casistica all'interno del provvedimento legislativo primario? E soprattutto, può il MIUR con una nota imporre un termine perentorio, derogando, senza averne il potere, un termine generale come determinato dalla fonte primaria di diritto?Se il termine del 15 gennaio non verrà rispettato,cosa possibile, cosa accadrà? Arriverà un nuovo rinvio, come accaduto per il RAV? Le scuole verranno commissariate?  E' sicuramente positivo il fatto che il PTOF sia stato rinviato, ma tale situazione ben evidenzia l'incapacità del legislatore, e le responsabilità che cadono nei confronti del MIUR chiamato a sanare, con poteri anche che rischiano di essere eccessivi, quelle situazioni come determinate da chi, con fretta inspiegabile, ed anche ignoranza, ha voluto riscrivere l'intera materia scolastica. Non oso pensare cosa mai potrà accadere quando arriveranno i primi decreti legislativi in materia di riordino della materia complessiva scolastica, quanti pezzi si perderanno per strada? Verrebbe da ridere, ma qui vi è solo da piangere. 

Marco Barone
pubblicato per Tecnica della Scuola 

Commenti

Post popolari in questo blog

Ma se in Friuli Venezia Giulia si votasse per diventare Stato indipendente,cosa vincerebbe?

Se c'è una regione dove l'Italia ed il sentirsi italiano ha veramente preso poco, questa è certamente il Friuli Venezia Giulia. Non è l'unica in Italia, basta pensare alla Sardegna, al Trentino-Alto Adige, alla Sicilia, al Veneto, ma se si facesse qualche analisi più approfondita forse la maggior parte delle regioni italiane si sentono poco italiane. Il Friuli Venezia Giulia ha conseguito il suo stato di autonomia grazie al plurilinguismo, dal friulano, allo sloveno, al tedesco, e poi vi sono diversi dialetti, dal bisiaco, al triestino ecc. Una terra che nel corso della sua storia ha conosciuto diversi domini, diverse appartenenze, alcune profonde come quella con la Repubblica Veneta, o l'Impero Austroungarico, altre di passaggio e da un secolo oramai vi è l'Italia. Che si è presentata nei peggiori dei modi fin dall'origine, perchè il nome dell'Italia è coinciso con la fascistizzazione di questa area, con tutte le brutalità che ne sono conseguite, e sarà s…

Attraversando Pordenone (foto)

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …