Passa ai contenuti principali

FVG e referendum: i cittadini di Azzano Decimo e Pravisdomini dicono no alla fusione



Voti validi 7.135, di cui ben 5.763 per il no alla fusione e solo 1372 per il sì. Salta, dunque, la fusione tra il Comune di Azzano Decimo e Pravisdomini, che avrebbe dovuto dare luogo al Comune di Azzano Pravisdomini. In FVG, ad oggi, sono solo tre i processi di fusione giunti a compimento vi è il l nuovo Comune Campolongo Tapogliano, che deriva dalla fusione dei Comuni preesistenti di Campolongo al Torre e Tapogliano; dal 1 gennaio 2014 è nato il nuovo Comune di Rivignano Teor, derivante dalla fusione dei Comuni di Rivignano e Teor; dal 1 gennaio 2015 è nato il nuovo Comune di Valvasone Arzene derivante dalla fusione dei Comuni di Arzene e Valvasone. Domenica 18 ottobre si è svolto il referendum che ha coinvolto 16.451 elettori distribuiti in 15 sezioni, di cui 13.701 nelle 12 sezioni del Comune di Azzano Decimo e 2.750 nelle 3 sezioni del Comune di Pravisdomini.
L’iniziativa della fusione proviene dai Consigli comunali dei due Comuni coinvolti e non erano previsti quorum per la validità della consultazione. L'Italia è patria dei Comuni, i Comuni sono bene costituzionale primario, e ci sarà un motivo se nel nostro Paese risultano, oggi, 8.048 comuni con una popolazione media per Comune di 7.553 abitanti; in FVG sono 216 con una popolazione media di 5.691 abitanti. Il numero di Comuni più alto lo si è avuto nel 1921 con 9.195 comuni, un sostanziale calo fino al 1951, dove i Comuni erano 7810 per arrivare ai dati di oggi come ora citati. Uno schiaffo che viene dato al nuovo corso decisionista in itinere nel FVG, di forte accentramento politico, che vuole minare quella tradizione secolare in materia di autonomia comunale come consolidatesi sin dai tempi dell'Impero Austro-Ungarico. Sicuramente Mazzini, Minghetti e Cavour nel leggere il testo della riforma degli enti locali del FVG si rivolteranno nella tomba, e parole, laicamente sante, furono quelle di Gullo, del PCI, uno dei primi, se non il primo, a proporre l'istituzione dell'Assemblea Costituente quando affermò che “Se si lascia al comune una potestà di autonomia, non può essere un pericolo, ma se si dà alla regione questo è pericoloso. Quindi larghissima autonomia ai comuni, niente alle province”. Sicuramente l'esito del referendum di Azzano Decimo e Pravisdomini aiuterà molto la causa di chi dice no, (e che sostengo pienamente),alla fusione di Ronchi con Staranzano e Monfalcone per dare luogo all'unico Comune di Monfalcone, ove risulterebbe fortemente essere compromesso in modo disastroso per Ronchi e Staranzano ogni senso di equilibrio di rappresentanza democratica. Discorso diverso sarebbe valutare l'eventuale unione, che è cosa diversa dalla fusione, tra tutti i Comuni della Sinistra Isonzo, Bisiacaria, o Territorio, e sicuramente la fusione tra Ronchi e Monfalcone e Staranzano non aiuterà questa futura e possibile unione, anzi la disincentiverà stante la carenza totale di ogni equilibrio che condannerebbe per sempre Ronchi e Staranzano a divenire banali estreme periferie di Monfalcone.

Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

Per essere un Paese migliore si deve chiedere scusa,ed alcune date di Gorizia da non dimenticare

Quanto è difficile chiedere scusa, eppure chiedere scusa è il primo passo necessario non tanto per ricominciare, ma per avviare un percorso diverso, più onesto, più eticamente e moralmente corretto. Il Papa, ad esempio, qualche passo tenue nei confronti degli omosessuali lo sta facendo, Obama si è recato ad Hiroshima, gesto importante, ma non ha osato chiedere scusa per quel crimine immenso compiuto contro inermi civili. Tante barbarie nel corso della storia sono state compiute in nome e per conto dell'Italia. Dalla “piemontesizzazione del Sud”, ai massacri della prima guerra mondiale, al regime fascista, alle violenze e crimini compiuti nelle terre occupate, in Africa, Albania, Grecia, in Jugoslavia. Mai scusa si è chiesto per ciò. Eppure basterebbe poco, chiedere scusa per restituire dignità all'Italia, il cui nome è stato usurpato dalle peggiori nefandezze. Il problema è che quando pretendi ciò ti etichettano spesso come anti-italiano. A parer mio il peggior modo di essere…